Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, con il Carpi un altro snodo cruciale per spiccare il volo

Al Marulla i rossoblu non subiscono gol da 513’ e contro gli emiliani va in scena uno scontro diretto per la salvezza che potrebbe dare ulteriore slancio alla classifica. Braglia torna al 4-3-3 con Baez e Tutino. Lungo l’elenco degli indisponibili

 

I 9 punti di vantaggio del Cosenza sul Carpi non vanno interpretati come la distanza giusta per camminare in modalità relax. Anzi, tutt’altro. Questa sera al Marulla (fischio d’inizio alle ore 21) va in scena un altro scontro diretto per la salvezza che rappresenta l’ennesimo snodo cruciale in una fase del campionato in cui si traccia la rotta su come raggiungere con meno fatica possibile l’obiettivo. Sfruttare al massimo il fattore campo, significherebbe aumentare ulteriormente le distanze da una diretta concorrente. E non sarebbe cosa di poco conto.

 

Il Cosenza cercherà in tutti i modi di blindare la posizione attuale in classifica sfruttando il fattore campo. Davanti al proprio pubblico la squadra di Braglia è in serie positiva da 6 partite nel corso delle quali ha raccolto 12 punti frutto di 3 vittorie (Padova, Cittadella e Cremonese) e 3 pareggi (Benevento, Salernitana e Ascoli). Continuità e solidità (soltanto uno il gol subito in questa fase, quello di Bonazzoli del Padova su calcio di rigore l’1 dicembre scorso al 27’ del primo tempo, Perina è imbattuto da 513’) che fanno del Marulla un fortino inespugnabile.

 

Braglia dovrebbe riproporre il 4-3-3 con una linea difensiva formata da Bittante, Capela, Legittimo e D’Orazio davanti al portiere Perina. A centrocampo il trio delle meraviglie BrucciniPalmieroSciaudone mentre in avanti è probabile che se vedrà un tridente inedito composto dai rientranti Baez e Tutino con Litteri punta centrale. Anche per stasera l’elenco degli indisponibili è lunga a cominciare dagli squalificati Dermaku e Mungo, oltre agli infortunati Corsi, Embalo, Idda e Trovato. In panchina siederanno Saracco, Hristov, Izco, Schetino, Misuri, Garritano, Sueva e il rientrante Maniero.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia rossoblu: scelto il centravanti!

Ultimo commento: "Sono d’accordo con te al 100%"

LA TOP 11 della storia rossoblu: scelto il miglior allenatore

Ultimo commento: "Con Mutti poi , e credo per la prima volta nella ns storia, il Cosenza è stato da solo primo al comando della classifica in serie B. Verso la decima..."

La Top 11 della storia rossoblu: scelta la coppia dei difensori centrali

Ultimo commento: "Hai assolutamente ragione! 👍"

Al via la Super League: rivoluzione nel mondo del calcio. Favorevoli o contrari?

Ultimo commento: "Viva il calcio anni 80...partite alle 14.30, 90 minuto alle 18.10, la domenica sportiva alle 22.30...avete rotto il caxxx con questi orari..."

Coronavirus, giusta la ripartenza del Calcio? Dite la vostra con TifoCosenza

Ultimo commento: "Come ogni lavoratore che si assume il suo impegno, così anche i calciatori si devono assumere i loro ,i soldini si devono guadagnare ..."
Advertisement

I Miti rossoblu

STORICO CENTROCAMPISTA ROSSOBLÙ DAL 1985 AL 1989

Denis Bergamini

GIANNI DI MARZIO ERA COME UNA SPECIE PROTETTA, DA PRESERVARE

Gianni Di Marzio

BANDIERA ROSSOBLÙ E CALCIATORE PIÙ PROLIFICO DELLA STORIA DEL COSENZA

Gigi Marulla

Altro da Approfondimenti