Tifo Cosenza
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Pagliuso: “Il Cosenza ha fatto bene il suo dovere”

L’ex presidente, intervistato dalla Gazzetta del Sud, si complimenta con i rossoblu per la grande stagione: “Fatta eccezione per Tutino, al Cosenza di Braglia è mancato solo un centravanti per raggiungere la Serie A. E il tecnico merita la riconferma”

Non sono poche le persone che paragonano la gestione Guarascio alla splendida era di Pagliuso. Numerosi talenti sfornati e regalati al grande calcio, entusiasmo della tifoseria alle stelle e soprattutto campionati di Serie B disputati a buoni livelli nell’epoca del “Presidentissimo” dal cuore rossoblu. Di contro l’oculatezza e la razionalità all’ordine della gestione Guarascio, patron che con eccellenti risultati sta comunque ricalcando la falsariga del vecchio presidente. E Pagliuso stesso ne riconosce i meriti ai microfoni della Gazzetta del Sud: “Se il Cosenza è riuscito a salvarsi in anticipo ai playoff nelle ultime giornate, un motivo ci sarà. Vuole dire che chi ha guidato la società, il ds e il tecnico hanno svolto il proprio dovere molto bene”.

Stagione memorabile in cadetteria per il Cosenza, che però fa registrare il record negativo di gol segnati: “Posso dirvi con certezza che se il Cosenza avesse avuto un bomber da 20 gol a campionato sarebbe stato tra le favorite per la promozione” dice l’ex patron del Cosenza 1914, che poi continua, “la difesa si è rivelata tra le più solide e la squadra ha giocato bene. Fatta eccezione per Tutino, al Cosenza di Braglia è mancato solo un centravanti per coronare il sogno Serie A“. In riva al Crati manca un bomber dai tempi di Negri e Zaniolo, Pagliuso è della stessa opinione: “Nessuno ha le caratteristiche dei giocatori che in passato hanno solcato il territorio bruzio. Con un giocatore della portata di Marulla, Margiotta, Zampagna o Lucarelli il Cosenza starebbe festeggiando la Serie A”.

In questa squadra c’è tanta grinta trasmessa dal mister Braglia, che merita a tutti i costi la riconferma: “Il patron Guarascio dovrebbe prolungargli il contratto, il mister ha dimostrato di saperci fare e può ancora essere molto utile alla causa”. Poi, sulla scelta degli attaccanti: “Su questo aspetto non sono d’accordo con Braglia. Lui preferisce gli attaccanti di movimento alla Tutino, io amo i centravanti che capitalizzano al meglio”.

Conclusione dedicata al capitolo Palmiero e Tutino: “Se il Napoli da quell’orecchio non ci vuole sentire, tanto vale andare alla ricerca di altri giovani in odore di ‘esplosione’. E l’unico modo per non gettare al vento quattrini, nel calcio di oggi. Anche io agivo così, non essendo un magnate. Il ds Trinchera sa il fatto suo e un altro paio di sorprese le regalerà, anche senza Palmiero e Tutino”.

Subscribe
Notificami
guest

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dal Network

Primo tempo entusiasmante, ripresa giocata a ritmi decisamente inferiori. Nel finale espulso Marras ...
Le parole dell'allenatore canarino dopo il pareggio dei suoi ragazzi in casa contro il Cosenza ...
Le parole del mister canarino alla vigilia del match contro i rossoblu in programma domani...
Tifo Cosenza