Tifo Cosenza
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Cosenza: terreno di gioco e mercato, si ricomincia affrontando subito due salite

L’Ascoli prenota l’albergo con riserva. E Trinchera brancola nel buio

È cominciata la settimana che porta al ritorno in campionato. Il Cosenza è atteso alla sfida di domenica pomeriggio (inizio ore 15) con l’Ascoli, primo dei tanti scontri diretti in chiave salvezza. E si ricomincia dal Marulla, terreno di gioco permettendo. Già, il terreno di gioco che una volta era tra i migliori in assoluto in tutta Italia e che oggi, tra un rifacimento e l’altro, tiene con il fiato sospeso squadra e soprattutto tifosi.

I lavori, cominciati proprio in concomitanza con la lunga sosta, pare non garantiscano, al momento, la certezza che possa giocarsi nell’impianto di Via degli Stadi. Certo, la prevendita è cominciata per cui ci sarebbe da stare tranquilli. Ma anche per la prima stagionale al Marulla contro il Verona la prevendita era cominciata normalmente per poi lasciare più di 10mila spettatori fuori dai cancelli. E sappiamo tutti com’è finita… Lo stadio è blindato: steward all’ingresso della porta carraia e grandi teloni a coprire accessi nei vari settori dello stadio dai quali si potrebbero vedere le reali condizioni del terreno di gioco. Evidentemente qualcosa da nascondere c’è, altrimenti non avrebbe senso tutto questo mistero. Dal Cosenza calcio lasciano trapelare ottimismo, che evidentemente non sono riusciti, però, a garantire alla società dell’Ascoli. Infatti il club marchigiano ha sì prenotato l’albergo per il ritiro pre gara ma allo stesso tempo ha avvisato i responsabili della struttura che la comitiva bianconera potrebbe non essere presente in albergo. Chissà mai per quale motivo…

Buone notizie non giungono nemmeno dalla voce del direttore sportivo Trinchera. Intanto si è preso gli applausi per avere sfoltito l’organico (Tiritiello alla Virtus Francavilla, Verna al Pisa, Bearzotti e Anastasi al Monza, con Di Piazza e Baclet con la valigia in mano ormai da diversi giorni direzione Catania e Reggina), avendo però dimenticato che, tranne per l’attaccante francese, eroe dei playoff, si tratta di calciatori che lo stesso “braccio destro” di Pantaleo Corvino aveva portato al Cosenza la scorsa estate per mettere a disposizione di Braglia un gruppo in grado di non soffrire più di tanto per centrare la salvezza. Un mercato bocciato in pieno.

E in entrata? Di certo il club di Guarascio ha il record di trattative: ne ha fatte più di tutti gli altri club di Serie B messi assieme. Al momento nessun volto nuovo dalle parti del Marulla. Magari Trinchera ci smentirà subito. Sembra evidente che si naviga a vista magari convinti del fatto che venga fuori un altro bel colpo di c… com’è successo lo scorso anno con Okereke. Ma si può continuare a puntare tutto solo ed esclusivamente sulla fortuna? Prima o poi la realtà dovrà essere guardata in faccia. E se è vero che nei meandri del Marulla è già partita la caccia al colpevole di turno, va da sé che questo girone di ritorno non sembra possa cominciare sotto la migliore stella.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il terzino destro, a pochi chilometri dalla sua Modena, ha rivisto i compagni di squadra ...
L'allenatore sul match di sabato: "I rossoblu stanno ottenendo buoni risultati, difficile fare un pronostico"...
I Lupi hanno un accordo con Linea Oro Sport fino al 2025 ma potrebbero esserci...

Dal Network

Un altro pareggio per Michele Mignani. prima dell’esonero di Bari era l’allenatore che aveva ottenuto...

L'allenatore Michele Mignani sembra orientato a confermare il 3-4-1-2 con Di Francesco sulla trequarti...

Altre notizie

Tifo Cosenza