Resta in contatto

Approfondimenti

Rastelli avverte la Cremonese: “Il Cosenza squadra molto insidiosa”

L’allenatore grigiorosso sulla sfida del Marulla: “Braglia esperto e preparato”. E sugli obiettivi della sua squadra lancia la sfida: “Faremo il salto di qualità che manca”. L’ex Ravaglia con la fascia di capitano

 

La Cremonese oggi arriva in Calabria e l’allenatore Massimo Rastelli ieri ha incontrato i giornalisti in vista della sfida di domenica al Marulla, il cui fischio d’inizio è programmato per le ore 15, tra Cosenza e lombari. “Siamo in un limbo, abbiamo un girone davanti e potremo toglierci delle soddisfazioni”, ha detto il tecnico, come riportano i colleghi di www.cuoregrigiorosso.com.

 

Rastelli ha grande rispetto dei rossoblu: “Sono una squadra in salute e – si legge ancora nel portale lombardo –che in casa si rivela insidiosa, hanno una tifoseria molto calda e passionale che li trascina”. Il tecnico grigiorosso si sofferma su quello che potrebbe essere l’atteggiamento tattico del CosenzaBraglia – scrive cuoregrigiorosso – ha grandissima esperienza ed è sempre preparato, cambia molto in base all’avversario, anche a partita in corso. Noi abbiamo lavorato per essere pronti a qualsiasi evenienza”.

 

Rastelli si è soffermato sull’assenza di AriniMariano è il classico giocatore che ha grande continuità di rendimento e prestazione, siamo abituati a vederlo in campo. Fortunatamente sotto l’aspetto numerico siamo a posto – ha proseguito l’allenatore campano – visto che Castagnetti ed Emmers sono pienamente recuperati e abbiamo Mbaye». Il tecnico della Cremonese ha anche parlato di Croce, tornato a disposizione nell’ultimo periodo dopo un dicembre complicato: “Ha avuto un fastidio al collaterale, uno di quelli che va e viene. Si sta allenando con continuità e so che posso puntare su di lui”.

 

Con il forfait di Claiton l’allenatore lancia il difensore Caracciolo“Farà il suo esordio dall’inizio. Io faccio tante valutazioni, domani tirerò le somme per decidere chi giocherà. Durante la settimana provo tutti da titolari in modo da potermi assicurare che chi scende in campo sa cosa deve fare”. Viste le assenze di capitano e vice è molto probabile che a indossare la fascia sarà l’ex Ravaglia, ultimo eroe della promozione grigiorossa: “Potrebbe essere lui, ma sinceramente è l’ultimo dei miei problemi”.

 

La Cremonese, come ricordano i colleghi di www.cuoregrigiorosso.com, si trova a -3 dai playoff e a +7 dai playout, dunque la partita con il Cosenza potrebbe rappresentare una tappa fondamentale per il prosieguo di stagione della Cremonese. “In quest’ultimo periodo la squadra ha acquisito la mentalità che piace a me. In un campionato così importante ottenere un risultato buono muove molto la classifica, queste partite non sono semplici. Nel vedere come si allenano i ragazzi – ha concluso Rastelli sono ottimista nel pensare che faremo quel salto di qualità che manca”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Carmelo Imbriani, guerriero in campo e nella vita

Ultimo commento: "Persona squisita, grande umiltà e forza, ti ricorderemo sempre con affetto"

Gigi De Rosa, il professore

Ultimo commento: "Grande professionista e bravissimo centrocampista. Ci vorrebbe uno come lui."

Riccardo Zampagna, il bomber che faceva il tappezziere

Ultimo commento: "Grande "Bomber" ."

Ugo Napolitano, il gigante buono

Ultimo commento: "Ancora oggi, non capisco perché il cosenza cedette Napolitano alla Reggina pur essendo in quel periodo il più forte stopper della serie " B ".le..."

Pietro Maiellaro, fantasia al potere

Ultimo commento: "Grande fantasista - calciatore stupendo."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti