Resta in contatto

Approfondimenti

Ex Cosenza, a Rende ha preso il via l’era Andreoli

Nello staff il vice Tricarico e il preparatore dei portieri Lanza anche loro con un passato in rossoblu. Il nuovo tecnico: “Determinato a fare bene”. Il presidente Coscarella: “Uomini veri per il nostro progetto”

È cominciata ufficialmente l’era Andreoli: “Abbiamo voluto riportare i valori umani al centro del progetto Rende, Così il presidente del club biancorosso Fabio Coscarella ha dato il via al nuovo corso biancorosso che vede il tecnico Angelo Andreoli, ex calciatore del Cosenza, al timone della prima squadra. A coadiuvare il lavoro del nuovo allenatore del Rende ci saranno Andrea Tricarico , anche lui con un passato nel settore giovanile rossoblu da calciatore, nel ruolo di secondo, il professor Armando Fucci che sarà il preparatore atletico e Daniele Lanza (pure con un recente passato nello staff del settore giovanile del Cosenza) preparatore dei portieri.

“Con la scelta di mister Andreoli abbiamo voluto riportare al centro di tutto i valori che hanno da sempre contraddistinto il Rende e che erano stati smarriti nella seconda parte dello scorso campionato – ha proseguito Coscarella –. Il Rende è stato trattato come una bella donna da portare a cena e poi salutare il giorno dopo. Questo, siamo sicuri, non dovrà più succedere e la scelta fatta va in questa direzione. Sappiamo bene che ci aspetta una stagione importante con tanti cambiamenti ma questo in ci spaventa, anzi ci invoglia a stare ancora più vicino al mister per fare bene”.

Emozionato ma già determinato il tecnico Angelo Andreoli che già in passato è stato seduto sulla panchina del Rende. “Per me si tratta dell’occasione professionale più importante e farò di tutto per ripagare la fiducia che il presidente ha riposto in me – le prime parole da tecnico biancorosso –. Ho tanta voglia di cominciare questo nuovo percorso perché da subito ho avuto l’impressione di essere entrato a far parte di una famiglia”.

Dopo Trocini e Modesto (anche per loro due un passato da calciatori del Cosenza) un’eredità pesante che il nuovo tecnico raccoglie come una sfida esaltante: “Sia Bruno che Ciccio hanno fatto bene in un ambiente ideale per fare calcio. Farò di tutto per continuare la tradizione”. Impostazione tattica, moduli tutti concetti che Andreoli affronta in maniera marginale: “L’idea è quella di un 4-2-3-1 di partenza che dovremo essere bravi a variare anche a gara in corso. Ovviamente i numeri e i moduli devono essere adattati sulle caratteristiche dei giocatori e sull’andamento delle partite”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Gigi De Rosa, il professore

Ultimo commento: "Grande Gigi tecnica e intelligenza un grande abbraccio cugino"

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Per me il migliore in assoluto resta Renato campanini troppo presto ceduto ad altra squadra al contrario di altri giocatori che pur bravissimi ..."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "grande roberto , che bei ricordi."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti