Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza amarcord: 26 giugno 1991, Marulla tiene il Cosenza in Paradiso

Lo spareggio con la Salernitana è uno dei momenti memorabili della storia rossoblu, nonostante gli anni è impossibile non ricordare quella giornata

Napolitano, pallone per Marulla. Attenzione Marulla, tiro, gol! Gol di Marulla! Si è fatta trovare impreparata la retroguardia della Salernitana” suonò chiara l’inconfondibile voce di Bruno Pizzul, a narrare il tripudio di Pescara 27 anni prima quello della passata stagione. Faceva caldissimo quel giorno allo Stadio Adriatico, quando il Cosenza di Edy Reja riuscì a difendere la categoria. Fu la definitiva consacrazione di Gigi Marulla, simbolo e bandiera di un intera città che viveva attraverso il calcio un riscatto sociale.

Una partita con poche emozioni, dominata solo dalla paura di perdere e sprofondare nuovamente in Serie C. Poi, all’ottavo minuto dei tempi supplementari, il lancio di Aimo per il Tamburino di Stilo, che supera Ceramicola e Della Pietra e di sinistro trafigge Battara. Una pagina di storia, scritta non solo da chi è sceso in campo ma anche da quei 5000 cosentini giunti in Abruzzo con la voglia di continuare a vivere un sogno. Un’immagine entrata di diritto nella storia rossoblu e che continuerà per sempre ad essere narrata alla generazioni future.

 

 

 

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

28 anni fa! 27 anni fa piangevamo da qualche giorno, di ritorno da lecce

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Che bei tempi

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "De Carolis, non andrebbe dimenticato."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ero piccola quando era in auge, sentivo i commenti degli adulti che a proposito del suo tiro micidiale dicevano "Rizzo ha ruttu a Rizza"perché fu..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti