Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, la difesa è un vanto. È la seconda migliore della Serie B

I Lupi hanno incassato fin qui dieci gol, meglio ha fatto solamente la capolista Benevento.

Dieci gol segnati e dieci incassati dal Cosenza nelle prime undici gare di Serie BKT. Se quello delle reti realizzate è un dato che è poco incoraggiante – peggio solo la Cremonese con otto, battuta lunedì, come i rossoblù il fanalino di coda Trapani, dove il Cosenza sarà di scena domenica prossima – quello invece dei gol incassati è sicuramente positivo.

Il Cosenza infatti ha la seconda miglior difesa del torneo fin qui. Meglio ha fatto solo la capolista Benevento, che di gol ne ha incassati appena sette. Tra l’altro c’è una curiosità ulteriore perché il dato è in perfetta parità in casa e in trasferta: quattro gol fatti e subiti lontano dalla Calabria, sei fatti e subiti allo stadio “Marulla”.

Tra l’altro contro i grigiorossi è arrivato il secondo clean sheet in questo campionato, dopo quello all’esordio col Crotone – gara terminata 0-0 -, in tutte le gare successive e prima di quella con la Cremonese, il Cosenza aveva incassato almeno un gol. Ma solo il Pescara è riuscito a segnarne due ai Lupi. Sicuramente questo è e deve continuare ad essere un punto di forza del Cosenza, una squadra alla quale è difficile segnare. Se poi la vena offensiva inizierà ad essere sempre più costante, i risultati verranno da sé.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco Palermo
Francesco Palermo
6 mesi fa

Grazie,secondo me voi SCRITTORI della redazione avete poco a che fare con il calcio…RIBADISCO il concetto…BAEZ e CARRETTA hanno fatto finora i TERZINI, RIVIERE lo STOPPER, i centrocampisti i difensori, i difensori il portiere…il conto è fatto…ma che partite vedete…siete ridicoli

pasquale filice
pasquale filice
6 mesi fa

Rigori inesistenti,calci piazzati imprendibili e fortunati a fil di palo con la preparazione atletica non in condizione ottimale e allora il quadro e fatto.
Ora e il momento di prendere il largo e chiedere permesso e il momento di prendere quelle posizioni alte che a questa squadra gli competono.
Se il Benevento e primo noi dobbiamo stagli di fianco.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Confrontate le classifiche 2018/19 e 2019/2020 alla stessa giornata, +3 punti in classifica, +2 gol fatti, -5 gol subiti, bisogna prosciugare le saline di Trapani?♥️?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Se solo avessimo un bomber serio quest’anno si poteva provare veramente a fare il gran salto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Se Guarascio cacciava i sordi si parlava di un Cosenza tra i primi in classifica….
Ma cpn i “se” non si vada nessuna parte

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Vabbè se la difesa è forte significa anche che la squadra ha un approccio difensivo alle partite che ha giocato fino ad ora, infatti siamo nelle ultime posizioni di classifica quindi non significa nulla subire pochi gol piuttosto è importante farne qualcuno in più degli avversari x vincere le partite.

Giovanni
Giovanni
6 mesi fa

Ne riparleremo a gennaio quando saremo in zona play off. Per chi capisce di calcio poi per gli altri é meglio che si vadano a vedere il Rota greca con tutto il rispetto per questo paese

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Se non fosse stato per i rigori sarebbe di gran lunga la migliore….tutta la squadra cmq è forte

Advertisement

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "

Non dimentichiamo che ha giocato con il Cagliari ed è stato l'artefice principale della promozione dalla B alla massima serie. Quando espletavo il..."

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Cavalli di raazza!!!Difficili ripetersi.Purtroppo per noi che siamo attaccati da anni (io da 60!) a questi splendidi colori!!!"

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Un insegnante di calcio."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti