Resta in contatto

Approfondimenti

Jaime Baez: “Ho voluto fortemente tornare a Cosenza perché qui sento la fiducia di tutti”

Il giocatore rossoblù spiega perché questa estate ha scelto di tornare ai Lupi, stavolta a titolo definitivo.

Ospite di Lupiindiretta, Jaime Baez, attaccante del Cosenza, ha raccontato come e perché questa estate, dopo la prima stagione in prestito, ha deciso di sposare il progetto rossoblù, stavolta a titolo definitivo: “Da quando sono arrivato in Italia vado in giro in prestito, una cosa che volevo cambiare a livello personale. Ho avuto la fortuna di trovare il Cosenza che mi ha fatto giocare, qui ho trovato la fiducia che non avevo ricevuto in precedenza. Appena si è conclusa la scorsa stagione, la prima cosa che ho pensato è stata di tornare definitivamente. Essere al Cosenza oggi è molto importante a livello personale, sento la fiducia della gente e mi sto trovando benissimo con la squadra”.

Sul gruppo multietnico: “Se non ci si capisce dentro lo spogliatoio non si va da nessuna parte. E’ fondamentale fare gruppo e noi lo siamo. Non sentiamo le differenze di lingua o altro. Siamo sempre insieme e insieme stiamo bene. Questo è molto importante per il Cosenza”.

Sugli obiettivi personali Baez afferma: “A livello personale e sportivo il calcio ti fa sognare tanto. Se fai bene, punti sempre a qualcosa in più. Il mio sogno è arrivare alla Nazionale dell’Uruguay ma so che devo lavorare tanto per arrivare a quel livello”. 

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Grande Baez❤??

Carlo
Carlo
6 mesi fa

Jaime Baez, il mio preferito!
Come detta lui i passaggi nel Cosenza non li detta nessun’altro…
Ha un piede felpato ed una buona tecnica individuale.

Francesco Scalercio
Francesco Scalercio
6 mesi fa
Reply to  Carlo

Quando ne ha voglia ok, ma quando non ne ha è irritante

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Sei furbo.. Tu sei voluto tornare perché hai la ragazza qui. No perché qui senti qualcosa..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Top baez

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Grande
Un vero ?

Special One
Special One
6 mesi fa

Ringraziamo la Fiorentina che c è l ha regalato…è Braglia ancora si ostinava a fargli fare u pendolare supra a fascia

gennaro
gennaro
6 mesi fa
Reply to  Special One

Regalato? La fiorentina gli ha pagato pure una buonuscita perché si trovava in organico 75 giocatori.
Solita botta di c. guarasciana.
Comunque è veramente uno spettacolo vederlo giocare.

mike
mike
6 mesi fa

concordo …esterno d’attacco puo’ fare davvero la differenza… terzino è sprecato. Corre sempre come un dannato e dispone di un ottimo piede, lusso per la categoria. Con Tutino e Palmiero c’era da scialarsi…

gino
gino
6 mesi fa

Adesso mi sbilancio e dico che Baez probabilmente è il giocatore più forte del Cosenza. Mi piace moltissimo, è giovane, non ha avuto fortuna con i viola, ma in patria era stato accostato nientemeno che a Suarez. Ora lo abbiamo a titolo definitivo, un grandissimo acquisto. Palla al piede in velocità è dirompente: l’assist sprecato malamente da Machach grida ancora vendetta. Però è un sacrilegio farlo giocare da terzino ,mortificandone le doti. Spero adesso Braglia abbia capito di non farlo mai più. Forza Jaime!

Carmelo
Carmelo
6 mesi fa

Un giocatore che ha voluto fortemente il Cosenza.Di una classe non comune andate a rivedere l’aggancio prima e il passaggio poi a Kanute contro la Cremonese da li poi è nato il gol di Riviere.Un difetto? Forse dovrebbe inquadrare più la porta comunque per serietà e impegno non è secondo a nessuno chapeau a questo lupacchiotto

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Cavalli di raazza!!!Difficili ripetersi.Purtroppo per noi che siamo attaccati da anni (io da 60!) a questi splendidi colori!!!"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ricordo la convocazione di Rizzo nella Nazionale italiana ai mondiali del 1966 in Inghilterra. Rizzo non venne mai impiegato e questo gli evitò la..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Un insegnante di calcio."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti