Resta in contatto

News

Cosenza, attento a Stroppa: vuole sfatare un tabù

Il tecnico dei pitagorici da calciatore e da allenatore non ha mai vinto al “San Vito-Marulla” ma nel 2000 col Brescia festeggiò la promozione in Serie A

Ancora il Cosenza sulla strada di Giovanni Stroppa. Per la dodicesima volta nella sua carriera, l’ex trequartista scuola Milan affronta i rossoblu, 8 le sfide da calciatore 4 quelle da tecnico.

La prima risale al 30 Ottobre del 1988 a Monza, i biancorossi di Frosio tra le loro fila hanno gente del calibro di Ganz e Casiraghi ma i rossoblu passano grazie alla doppietta di Michele Padovano. Nella gara di ritorno finisce 1-1, Venturin porta in vantaggio il Cosenza, che viene raggiunto nella ripresa da un gol di Bolis, subentrato pochi minuti prima proprio al posto di Stroppa.

Dieci anni dopo, 1 Coppa dei Campioni, 2 Intercontinentali realizzando un goal contro l’Olimpia Asunción in finale con il Milan, Stroppa ritorna al San Vito con la maglia del Brescia. Nell’ultima giornata del campionato 1999-2000 finisce 2-2, doppietta di Hubner per le rondinelle e reti di De Francesco e Colle per i lupi, con i lombardi che festeggiano la promozione in Serie A a fine gara.

La stagione successiva il passaggio al Genoa, 3 sfide tra campionato e Coppa Italia. Nel girone di Coppa i lupi vincono 2-0 con reti di Aurelio e Pisano, in campionato a Marassi Nicola e Grieco nel primo tempo portano il Genoa in vantaggio, ancora una volta l’argentino Aurelio accorcia le distanze ma non basta, finisce 2-1 i liguri. Nella gara di ritorno i silani invece passano grazie ad un gol di Stefano Guidoni.

Il biennio genoano di Stroppa si chiude con una sconfitta al San Vito con Mendil e Giampaolo che ribaltano la rete di Mensah, mentre a Marassi finisce con uno spettacolare 3-2 in favore dei grifoni. Nonostante la doppietta di Igor Zaniolo il Cosenza resta in 10 per l’espulsione di Traversa. Francioso, Manetti e Mhadhebi regalano i tre punti alla squadra di Onofri, per Stroppa c’è spazio solo negli ultimi 15 minuti, subentrando al posto del tunisino Gabsi.

Quattro i precedenti da tecnico un successo sulla panchina del Foggia allo Zaccheria (3-1) e un pareggio al San Vito-Marulla (2-2) nella stagione 2015-2016. La sconfitta nel derby di ritorno della passata stagione col Crotone e il pareggio nella prima gara del campionato in corso.

 

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Minali tutti, Minali tutti, Minali tutti Soviero, minali tutti Soviero minali tutti Sovie'"

Vincenzo Riccio, una settimana fantastica

Ultimo commento: "Grandissimo Vincenzo........uno di noi"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "È stato un grande. V"

Maurizio Lucchetti, il “Lucky gol” del Cosenza

Ultimo commento: "Il citato gol contro il Teramo è un colpo che Lucky aveva provato, con meno fortuna personale ma in ogni caso decisivo, in Casertana - Cosenza 1-1...."

18 novembre, trenta anni fa la morte di Denis Bergamini: i vostri messaggi per lui

Ultimo commento: "C'è poco da commentare. È stato un peccato la perdita di un fortissimo calciatore e un bravissimo ragazzo. Resterà per sempre nei cuori dei..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News