Resta in contatto

News

Cosenza, attento a Stroppa: vuole sfatare un tabù

Il tecnico dei pitagorici da calciatore e da allenatore non ha mai vinto al “San Vito-Marulla” ma nel 2000 col Brescia festeggiò la promozione in Serie A

Ancora il Cosenza sulla strada di Giovanni Stroppa. Per la dodicesima volta nella sua carriera, l’ex trequartista scuola Milan affronta i rossoblu, 8 le sfide da calciatore 4 quelle da tecnico.

La prima risale al 30 Ottobre del 1988 a Monza, i biancorossi di Frosio tra le loro fila hanno gente del calibro di Ganz e Casiraghi ma i rossoblu passano grazie alla doppietta di Michele Padovano. Nella gara di ritorno finisce 1-1, Venturin porta in vantaggio il Cosenza, che viene raggiunto nella ripresa da un gol di Bolis, subentrato pochi minuti prima proprio al posto di Stroppa.

Dieci anni dopo, 1 Coppa dei Campioni, 2 Intercontinentali realizzando un goal contro l’Olimpia Asunción in finale con il Milan, Stroppa ritorna al San Vito con la maglia del Brescia. Nell’ultima giornata del campionato 1999-2000 finisce 2-2, doppietta di Hubner per le rondinelle e reti di De Francesco e Colle per i lupi, con i lombardi che festeggiano la promozione in Serie A a fine gara.

La stagione successiva il passaggio al Genoa, 3 sfide tra campionato e Coppa Italia. Nel girone di Coppa i lupi vincono 2-0 con reti di Aurelio e Pisano, in campionato a Marassi Nicola e Grieco nel primo tempo portano il Genoa in vantaggio, ancora una volta l’argentino Aurelio accorcia le distanze ma non basta, finisce 2-1 i liguri. Nella gara di ritorno i silani invece passano grazie ad un gol di Stefano Guidoni.

Il biennio genoano di Stroppa si chiude con una sconfitta al San Vito con Mendil e Giampaolo che ribaltano la rete di Mensah, mentre a Marassi finisce con uno spettacolare 3-2 in favore dei grifoni. Nonostante la doppietta di Igor Zaniolo il Cosenza resta in 10 per l’espulsione di Traversa. Francioso, Manetti e Mhadhebi regalano i tre punti alla squadra di Onofri, per Stroppa c’è spazio solo negli ultimi 15 minuti, subentrando al posto del tunisino Gabsi.

Quattro i precedenti da tecnico un successo sulla panchina del Foggia allo Zaccheria (3-1) e un pareggio al San Vito-Marulla (2-2) nella stagione 2015-2016. La sconfitta nel derby di ritorno della passata stagione col Crotone e il pareggio nella prima gara del campionato in corso.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News