Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza-Cittadella, 1-2 il finale: Asencio la riapre troppo tardi, altro KO per i Lupi

Stanco e Vita regalano il successo agli ospiti, a nulla vale la rete dello spagnolo in pieno recupero.

Il Cittadella esce vittorioso dal “Marulla” di Cosenza, è 1-2 il finale a favore della squadra veneta. I Lupi approcciano la seconda frazione nel peggiore dei modi: al terzo pallone perso a centrocampo in pochi minuti il Cittadella non concede altri scontri, Luppi serve Stanco in area, controllo e sinistro che batte Perina e sblocca il punteggio. La reazione del Cosenza è tutta nei minuti immediatamente successivi. Sciaudone ci prova due volte, prima da posizione angolata, poi sul successivo corner, ma Paleari è sempre attento.

Il gol di Vita sembra quasi una naturale conseguenza della staticità del Cosenza, che concede al giocatore avversario un rigore in movimento. Il raddoppio di fatto è il sigillo del Cittadella sul match, a nulla serve per il Cosenza chiudere con quattro attaccanti, se non per la rete di Asencio che arriva solo in pieno recupero ed è utile solamente per le statistiche. Il confuso assalto finale non sortisce gli effetti sperati. Un momento veramente negativo per i Lupi, ora agganciati a 24 punti dal Trapani che batte l’Entella. Prossimo appuntamento per i rossoblu lunedì 9 marzo a Verona, avversario il Chievo.

25 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
25 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

richiamate braglia, quello delle 6 sconfitte consecutive, quello che ha raccolto 20 punti in 24 partite.
richiamatelo e sarà SERIE A!!!

Pino
Pino
6 mesi fa

Attenzione in campo vanno i giocatori , se non si Ama questa maglia è giusto che i risultati non vengono Non si può accettare che professionisti ( così dicono ) non fanno il loro dovere , Tutti in ritiro forzato andate in quarantena a lavorare

Paolo
Paolo
6 mesi fa

A questo punto,visto che siamo da retrocessione,farei giocare in difesa e a centrocampo giovani della primavera e anche qualcuno in attacco.
Così valorizzeremo i ns giovani Cosentino.
Trichetto non rompere…..e ritornatene a Lecce,che fanno bene il pasticciotto.

Giuseppe
Giuseppe
6 mesi fa

Ecco questo è il clima ideale che riconosco , dopo due anni di meraviglia , vedere applaudire dopo le sconfitte ( Brascia , Lecce ecc ) , tifare sempre ecco ritornato il vero clima Cosenza , dare la colpa a qualcuno , contestare tutta la settimana , via questo , via quello , è il CLIMA che ci ha accompagnati per 15 anni , quello ideale per sfasciare tutto e dopo essere riuscito a far andare via anche Guarascio , ritorneranno le trasferte a Bisceglie e Francavilla e presidenti tipo Nucaro , e alla fine ci sarà qualcuno ( come… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Rivogliamo Braglia, non abbiamo mai voluto il suo esonero perché questa situazione e frutto di persona incapaci i giocatori vanno presi a calci non basta un giro di campo a testa bassa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

tranquilli ci aspetta la C nn illudetevi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Per salvare il salvabile e finire almeno in maniera dignitosa, richiamate Pierino Braglia e dopo le scuse che merita sperare in ciò che a questo punto va oltre i miracoli sportivi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Credo che si debba dire addio alla serie B. La lasciamo con DISONORE. Mai in questi ultimi anni si sono visti giocatori senz’anima sbandati apatici anche dinanzi al peggio,mercenari senza palle pagati da una società approssimativa nelle scelte suggerite dalla direzione sportiva e soprattutto proterva nel pensare che il popolo rossoblu sua fatto da persone da poter prendere in giro fino all’inverosimile. Il cosentino tiene a questa maglia SEMPRE e non tollera di essere trattato come una nullità. I tifosi hanno dato e danno l’anima le trasferte costano tempo e denaro mentre la dirigenza comoda in poltrona assiste al proprio… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️😡👿

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Si sa da tanto che il 3-5-2 è il modulo migliore per il Cosenza. Questa sera non ho capito con che modulo hanno giocato, secondo me per vincere dobbiamo giocare col 4-4-4 e non so nemmeno se basta.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Ci vorrebbe uno stadio deserto….ma poi…siamo sempre li……😔😔😔😔

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Trinchera il primo che doveva a dare via

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Richiamare braglia subito!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

#BRAGLIASUBITO

Luigi
Luigi
6 mesi fa

Aaaaaahhhh braglia un si tocca ,sicula Ponzio arriviamoooooooo

Luigi
Luigi
6 mesi fa
Reply to  Luigi

Prossime trasferte virtus Francavilla sicula leonzio bisceglie

Federico
Federico
6 mesi fa

Purtroppo devo dire che abbiamo una squadra incompleta e si vede ad un miglio, molti giocatori sono da serie inferiore, io ci spero sempre da tifoso ma non mi fanno essere ottimista perché vedo una squadra molle, senza tecnica, senza cattiveria agonistica, sembriamo rassegnati. Peccato, la città ed il pubblico non meritava ciò, il presidente penso che non ama più di tanto le sorti del Cosenza, dispiace dirlo ma penso sia così. Sono demoralizzato

pasquale filice
pasquale filice
6 mesi fa

Tutti a casa nessuno si salva….vogliamo la Beretti come prima squadra i titolari tutti a f………o a casa…….anche Pillon. Povero Braglia l’unico che ci poteva salvare. L’unico che aveva capito i limiti di questa squadra. L’unico che sapeva chi buttare fuori dalla rosa perche’non sudava la maglia. Giocatori senza grinta……imbarazzanti a vedere. In questo modo siamo spacciati e spacciati per spacciati allora facciamo giocare la beretti forse da qui a fine campionato possiamo vedere qualche partita vincere. Arrasusia non si possono guardare lantani , lantani da una formazione di serie B GUARASCIO incompetente pensava che gli altri togliessero i giocatori… Leggi il resto »

Giuse
Giuse
6 mesi fa

Guarascio non hai più il nostro gradimento…..ti invieremo la raccomandata

Roberto
Roberto
6 mesi fa

Sul primo goal capela poteva e doveva fare meglio(avanzare per chiudere lo specchio della porta a stanco…sul secondo siamo stati dei polli…pensavano che il giocatore del cittadella non riuscisse a prenderla l’avevano già battezzata fuori…tutti fermi invece palla al centro rigore in movimento e secondo goal…poi non capisco perché non mettono più agonismo più intensità più cuore solo quando la partita è compromessa si svegliano mah…vero un regista ci serviva come il pane.

Tonino
Tonino
6 mesi fa

Non serie d ma serie interregionale

Leonardo
Leonardo
6 mesi fa

Vergogna

Luigi
Luigi
6 mesi fa

Bisogna disertare..

Piero C
Piero C
6 mesi fa

C’è chi ancora difende Guarascio e ha gioito per l’esonero di Braglia, ecco…andate tutti a fanculandia..

ginoX
ginoX
6 mesi fa

Maledetti avete ucciso un sogno, una tifoseria.
Grazie per non aver comprato il regista a gennaio.
GRAZIE.
La squadra non riusciva a costruire, palle alte alla viva il parroco. Non parlo dei singoli, perché gente come Sciaudone, Broh, Carretta non è degna di vestire questa maglia. Per non parlare di Capela che ha lasciato tirare sul loro primo gol senza opporsi, incredibilmente.
Grazie a Trinchera per averci regalato questi fenomeni, farà tanta carriera.
Squadra senza palle, e senz’anima.
E alla fine quel gol inutile di Asencio che rende ancora più amaro tutto.
Era tutto già scritto.
Sono avvilito

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti