Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza-Pillon, 36 giorni per conquistare tutti. E quel messaggio di Occhiuzzi…

In poco più di un mese il tecnico trevigiano si è fatto apprezzare dai calciatori, dallo staff e dal club per la sua lealtà lasciando di sé un ricordo molto positivo, al di là dei risultati. L’sms dell’allenatore in seconda

Bepi Pillon, 64 anni compiuti lo scorso 8 febbraio, in 36 giorni è riuscito a lasciare di sé un ottimo ricordo nel Cosenza calcio. Al di là dei risultati (4 punti in 5 partite), i calciatori, lo staff tecnico, lo staff sanitario e tutti coloro i quali lavorano con altre mansioni all’interno del club sono rimasti stregati dall’ex allenatore. Persona per bene, leale con tutti che, evidentemente, si è ritrovato nel posto giusto al momento sbagliato. Perché nel calcio, più di ogni altra cosa, contano i risultati. E quelli non sono arrivati. Non è che prima si fosse fatto meglio, anzi: tutt’altro. Ma lui ha lasciato in eredità valori importanti, che il mondo del calcio, purtroppo, non contempla più.

Rimane il ricordo di una persona che avrebbe voluto centrare un obiettivo sportivo difficilissimo ma il destino ha voluto che il rapporto si interrompesse. E non perché il percorso che avrebbe dovuto portare il Cosenza alla salvezza si è maledettamente complicato, più di quanto non lo avesse già ereditato. Perché la pandemia del Covid-19, meglio conosciuta come Coronavirus, ha radicalmente cambiato la vita di tutti noi. E Pillon dalla sua Mogliano, in provincia di Treviso, ne ha preso atto: prima di tutto la famiglia. La salute della famiglia.

Nei giorni successivi alla risoluzione del contratto in una intervista rilasciata a La Gazzetta del Sud ha ribadito i ringraziamenti a tutto l’ambiente rossoblu, con un pensiero, anche questo leale e sincero, ai tifosi. E poi un messaggio al presidente Guarascio: Occhiuzzi è la persona giusta per il futuro”. Se mai ci sarà un futuro, per la stagione in corso ovviamente. Così com’era successo con Braglia il giovane allenatore di Cetraro si era messo a disposizione anche di Pillon. Perché lui il Cosenza lo sente suo. Pochi giorni insieme, ma intensi. E quelle parole di Pillon hanno emozionato e non poco Occhiuzzi, il quale ha a sua volta inviato all’ex allenatore un messaggio in risposta che preferisce custodire nel suo cuore. Perché tra persone per bene è così che ci si comporta.

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Tranne a B..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Con lui più confusione di prima .

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Apprezzato si..ma non di certo x i risultati

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Persona seria con una società non all’altezza……..

Marco
Marco
4 mesi fa

Gargamella ha rovinato tutto Braglia special one

Pino palermo
Pino palermo
4 mesi fa

Braglia ritorna ? Per fare cosa? Dovrebbe chiedere scusa: 1 mese fa ci raccontava che questi scarsi e inutili calciatori erano fenomeni che ci avrebbero portato in alto!! Si cumu no! A luglio doveva dimettersi . In 15 ooo lo avremmo difesi e osannato ancora …

Ernesto
Ernesto
4 mesi fa

Guarascio culutu il virus lo salvera’ ancora …

Livio sconza
Livio sconza
4 mesi fa

Scusate ma pregate che nn si giochi piu’ ! Evitiamo altre figuracce a noi e a Gargamella

tonino Turano
tonino Turano
4 mesi fa

Braglia e tanto sudore e ce la possiamo fare!

Donato
Donato
4 mesi fa
Reply to  tonino Turano

Cu sa banda i paralitici messa su da incompetenti !! Ahahah cumu siti illusi

tonino Turano
tonino Turano
4 mesi fa

Braglia e sudore e ce la possiamo fare!

Maikol
Maikol
4 mesi fa

.ormai con questa squadra ,irriconoscibile per via della scarsezza di contenuti, ogni allenatore ,va bene ,purché si arriva alla fine.

Francesco
Francesco
4 mesi fa

Spero diventi il prossimo allenatore , preparato e persona per bene . Mi riferisco a Pillon ovviamente

Luca
Luca
4 mesi fa

Trinketto mister. Così l’innominabile culto risparmia.
E poi Trinkett con il suo passato da grandissimo giocatore e il futuro da grandissimo dirigente (Marotta style)ci salva facilmente…

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Ciccio Marino al posto di Tortelli, al posto di Napolitano Schio, al posto di Bia Giovannelli molto più tosto ma forse meno tecnico, al posto di..."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Un fortissimo centrocampista con un tiro micidiale. Peccato ad avere incontrato sulla sua strada quegli incapaci allenatori della nazionale di quel..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti