Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, Trinchera: “Bruccini e D’Orazio avevano percepito cosa stava accadendo”

Il direttore sportivo rossoblu è tornato sul rifiuto dei due calciatori di partecipare alla trasferta di Verona.

Stefano Trinchera, direttore sportivo del Cosenza, intervistato da tuttomercatoweb.com, è tornato sull’episodio che qualche settimana fa vide Mirko Bruccini e Tommaso D’Orazio non partecipare alla trasferta di Verona contro il Chievo. Per i due calciatori, che temevano l’epidemia di coronavirus, il club emise un comunicato stampa, nel quale si riservava provvedimenti.

Trinchera, così come aveva fatto il presidente Guarascio, chiarisce così l’episodio: “Il comunicato del club in occasione del match contro il Chievo fu semplicemente diramato perché altrimenti sarebbe passato il messaggio che rinunciare a una gara, con un contratto in essere e dei doveri, era la normalità, non c’era assolutamente in noi la volontà di punirli. Solo quella di rimarcare le nostre ragioni, pur comprendendo comunque le loro: effettivamente avevano capito prima di tutti, percepito in modo esatto, quello che stava succedendo”.

30 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
30 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Diciamo che non ci voleva molto .o non ci voleva uno scienziato per percepire quello che stava accadendo . Giocare le partite ,viaggiare . E tante partite a porte aperte fino all’ultimo secondo. Per non perdere qualche migliaio di euro abbiamo messo in ballo la vita mi migliaia di persone che al loro volta lo anno fatto inconsapevolmente con altrettante. E adesso il disastro economico che ivertici italiani anno provocato non si calcola neanche.

Luca 2
Luca 2
5 mesi fa

Mi rendo conto che c’è qualcuno che ancora sottovaluta quello che sta’ vivendo il mondo interno.I 2 ragazzi con rispettive mogli in cinta dovevano rischiare per cosa? GUARASCIO avrebbe dovuto ritirare la squadra e perdere a tavolino.Avremmo fatto tutti più bella figura.Fare scalo a Bergamo e poi in Veneto dove i morti e i contagi non si contano più.Ma scherziamo o siamo seri.Tu che commenti ciò dovresti vergognarti.Invece di additare sempre pensate a tifare in silenzio standovene a casa.FORZA LUPI SEMPRE!

Luca
Luca
5 mesi fa

Bruccini e D-Orazio? mai più nel Cosenza Calcio

Luca 2
Luca 2
5 mesi fa
Reply to  Luca

Ma chi sta cuntannuuuu….ripigliatiiii.BRUCCINI E D’ORAZIO GENTE CON GLI ATTRIBUTI.#PRIMADITUTTOLASALUTE!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Trinke’ un si bbuanu mancu ara play station.Vavatinni tu e Capellone

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Ancora qui è sto cesso.. Ma vfkktsm vai via..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Vati curca va’

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

E significa che erano gli unici due assennati presenti in società perché noi a Cosenza, nel nostro universo reale, lo avevamo già capito domenica alle 12

luca
luca
5 mesi fa

che razza di dichiarazione è? Boh.Generica, a parte che nel merito non spiega le vere ragioni perché i 2 non siano partiti (mentre gli altri fessi dei compagni sì). Poi a mio giudizio bruccini e d’orazio andavano multati e basta.e se tutti si fossero rifiutati? Come avrebbe commentato trinkettino?
Non dice mai nulla di serio; come si fa a stipendiare un soggewtto del genere? A parte i 3/4 mesi di calciomercato(con gli ottimi risultati sotto gli occhi di tutti..) .Mah. Misteri da girare a Vojager di Giacobbo.
Non c’è odio o antipatia nei suoi cfr ; è sola una constatazione

tonino Turano
tonino Turano
5 mesi fa

gli errori commessi ci hanno portato a questa situazione di classifica umiliante per la città,per la provincia e per tutto il generoso pubblico rossobù,me compreso che seguo questa squadra da 66 anni.Ma ora,per favore,uniamoci per salvare il salvabile e che “la storia docet.” T.Turano

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Tutto passa restano solo i colori e le bandiere…….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Solo tu non ti sei accorto che hai costruito una squadra indecente e con giocatori finiti manco in serie C potevamo competere con la squadra che hai allestito
VATTENE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Gentile Trinchera, ormai le sue dichiarazioni lasciano il tempo che trovano. Dopo quest’annata disastrosa (per usare un eufemismo) non penso che lei abbia più credibilità nell’ambiente calcistico cosentino. Troppe falsità, poca trasparenza, poca onestà nei confronti dei tifosi per salvare la faccia di una società assente, che avrebbe dovuto intervenire in molti momenti imbarazzanti preferendo usare, a mo’ di parafulmine, l’allenatore facendolo bersagliare di critiche di domenica in domenica. Ancora, una società che vive solo di espedienti e che, francamente, non ha la struttura, la rosa e le possibilità economiche di affrontare un campionato serio e di caratura come la… Leggi il resto »

luca
luca
5 mesi fa

Parole sacrosante. Condivido in pieno!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Sono due codardi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Iu avia percepito na quasi retrocessione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Sempre vigliacchi sono

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

TRINCHERAA VATTENEE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Pagliaccio nasconditi tu e il tuo padrone! dobbiamo sperare al blocco dei campionati per una salvezza.. a cosa ci avete portato… sporchi indegni! A giugno fate le valigie e dimenticate il nome di questa città! INDEGNI

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Se eravate d’accordo perchè non avete ritirato la squadra come ha fatto il Getafe? Siete andati a Venezia, Bergamo, Verona e Treviso. A parte Wuhan ve le siete fatte tutte.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Va arrobba a natra parte, Trinche’

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Non condivido assolutamente perché i loro compagni sono andati mmmmma

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Non commento il comportamento dei calciatori ma caro trinchera voglio dirti che quest’anno hai fatto solo danni…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Di questi e formata la squadra del Cosenza esseri senza dignità.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Pensa a noi comuni mortali che dobbiamo lavorare lo stesso rischiando nonostante tutto, con la netta differenza di stipendi miseri. Mercenari

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Ammissione spontanea di Trinchera: “come al solito un c’è capitu nu czz!!!”…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 mesi fa

Ciò significa che in quel momento non c’era la necessaria serenità per la disputa di un evento sportivo quale una partita di calcio, e il calcio è serenità, è un momento di gioia da condividere fra Team e tifosi. La mancanza di un solo componente compromette e falsa il gioco più bello del mondo! Ciò significa che i campionati andavano fermati prima e visto quello che sta succedendo non ci sono né i tempi tecnici, né tantomeno le condizioni per il regolare prosieguo del torneo!

tonino Turano
tonino Turano
5 mesi fa

cercate di mantenere la categoria,non pensate al passato ma al futuro,speriamo roseo. la trasferta di Verona non andava fatta,la salute prima di tutto!T.Turano

tonino Turano
tonino Turano
5 mesi fa

ok,il diritto alla salute è sacro-santo,la trasferta non andava fatta.Tonino Turano

giuseppe
giuseppe
5 mesi fa

si va bè:dua scienziati,due eroi.e tutti l’atri ca vannu lavuranu ogni iurnu puru mo’?

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti