Resta in contatto

Approfondimenti

Ex Cosenza, l’applauso di Reja all’Albania e al suo premier Rama

L’allenatore che ha sfiorato la Serie A con i Lupi si è commosso per l’iniziativa del suo amico verso l’Italia alle prese con l’emergenza Coronavirus. “Una persona di grande spessore e generosità. Paese povero ma riconoscente con chi l’ha aiutato”

Edy Reja, 74 anni, è il ct dell’Albania. Ha preso il posto di Panucci e a La Gazzetta dello Sport ha raccontato com’è nata questa idea. “Un anno fa mi chiama e mi dice: Dai, cosa fai a casa? Vieni a darci una mano”. In quel giorno del mese di marzo 2019 l’ex allenatore del Cosenza ha capito che non era ancora il tempo per andare in pensione e che non poteva dire di no al suo amico, Edi Rama.

Già, Edi Rama. Lui è il premier dell’Albania che in questi giorni di emergenza legata alla pandemia da Coronavirus ha emozionato l’Italia intera. E non soltanto per avere portato nel nostro Paese 30 operatori sanitari in aiuto nelle corsie ospedaliere. Ma memoria e gratitudine hanno fatto la differenza. “Non ho mai dimenticato quello che ha fatto l’Italia per il nostro popolo”. Ed è arrivato il momento di ricambiare.

Reja e Rama sono amici, ha ricordato l’allenatore che sfiorò la Serie A alla guida del Cosenza: 14 giugno 1992 a Lecce. Amici, dicevamo. “Ci conoscevamo da tempo – ha detto Reja a La Gazzetta dello Sport -, da quando lui era sindaco di Tirana e io allenatore della Lazio: veniva a Roma a vedere la Juve, la sua squadra”.

E il gesto di Rama lo ha commosso, come conferma alla rosea dalla sua casa di Gorizia. “Ma non mi ha sorpreso, è una persona di grande spessore e generosità, che parla un italiano perfetto e questo gli ha permesso di dire parole importanti. È vero, l’Albania – ha concluso l’ex rossoblu – non è una nazione ricca, ma ha un cuore infinito, sa essere riconoscente con chi l’ha aiutata”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Cavalli di raazza!!!Difficili ripetersi.Purtroppo per noi che siamo attaccati da anni (io da 60!) a questi splendidi colori!!!"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ricordo la convocazione di Rizzo nella Nazionale italiana ai mondiali del 1966 in Inghilterra. Rizzo non venne mai impiegato e questo gli evitò la..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Un insegnante di calcio."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti