Resta in contatto

Approfondimenti

Coronavirus, l’ex tecnico del Cosenza Pillon: “Pensare al calcio era diventato impossibile”

L’allenatore ha dichiarato: “A Verona la squadra era spaventata, dopo il match ho preferito restare con la mia famiglia”.

E’ tornato a parlare dalle colonne della Gazzetta del Mezzogiorno, l’ex tecnico del Cosenza Bepi Pillon. Il tecnico trevigiano che ha preferito lasciare la panchina rossoblu per restare vicino alla sua famiglia: “Pensare al calcio era diventato impossibile. Con il Cosenza abbiamo giocato l’ultima gara a Verona, contro il Chievo. La squadra era spaventata, due ragazzi non sono voluti partire, in quel momento il Veneto era un epicentro della pandemia. Dopo il match, dovevo rientrare in Calabria, ma non sarei potuto tornare dalla mia famiglia e in un frangente del genere proprio non potevo essere lontano”.

“Non siamo ancora nella fase di poterci permettere programmi – ha proseguito Pillon – In Veneto stiamo provando a riemergere da un dramma: gli ospedali sono ancora pieni, con questa malattia non si scherza. Sono nato al Nord, ma ho lavorato tantissimo al Sud e rivolgo un appello: rimanete a casa, stroncate i contagi, non alimentate cause di ciò che qui è un incubo”.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

ed ancora c’è gente che parla di calcio giocato!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Per me si ha abbandonato la barca……ovviamente che affonda…..poteva restare a casa sua e restare allenatore del cosenza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Meno male che sei andato via dopo averci salvato. Quanto tempo perso

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ma vfc

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Allora, bisognava avere le palle e non partire…….. 😡

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ma ancora lo fate parlare a sta specie d’uomo? Schettino in confronto era un signore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Si sì l’unico allenatore al mondo che ha preferito restare a casa!mahhhhh

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

È quindi è ovvio che quella partita era falsata e quindi da non omologare!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ottimo lavoro..da terzultimi a penultimi👍

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Cavalli di raazza!!!Difficili ripetersi.Purtroppo per noi che siamo attaccati da anni (io da 60!) a questi splendidi colori!!!"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ricordo la convocazione di Rizzo nella Nazionale italiana ai mondiali del 1966 in Inghilterra. Rizzo non venne mai impiegato e questo gli evitò la..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Un insegnante di calcio."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti