Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, sarà ancora 3-4-3 ma anche contro l’Ascoli previsto qualche cambio

In difesa torna Idda e c’è un ballottaggio. Anche a centrocampo ci sono un paio di dubbi mentre il peso dell’attacco ruoterà attorno a Rivière

Quale Cosenza contro l’Ascoli? Intanto si parte da una certezza: l’idea tattica di Occhiuzzi non cambia, anche se in tanti vorrebbero che modificasse l’assetto tattico per fare giocare insieme Rivière e Asencio. Il giovane allenatore del Cosenza ha trovato i giusti equilibri e di certo non si lascia condizionare di chi vede il calcio come se le partite si giocassero alla playstation. In campo serve equilibrio e in questo momento le giuste garanzie continua a darle il 3-4-3. Poi i fucili sono già belli e pronti, spianati per “giustiziare” l’allenatore nel caso in cui le cose non dovessero andare per il verso giusto.

L’idea di calcio di Occhiuzzi ha portato ben 7 punti in 3 partite ma soprattutto ha permesso al Cosenza di accorciare di 4 punti la distanza dalla salvezza diretta: da -9, si è passati a -5. Solo un pazzo potrebbe cambiare un meccanismo che sta portando a ottimi risultati. E in questo si può stare tranquilli: ogni scelta, magari anche sbagliata, ha il solo obiettivo di portare il massimo dei benefici per il Cosenza.

Dunque, quale Cosenza vedremo? Intanto in difesa torna Idda: indispensabile per le idee tattiche di Occhiuzzi. Si va verso la conferma di Schiavi e Legittimo, anche se l’ex Salernitana è quello che, non avendo giocato quasi mai prima del lockdowm, dal punto di vista fisico potrebbe pagare dazio al fatto che quella con l’Ascoli sarà la terza partita in sette giorni. Pronto Monaco. A centrocampo conferma per Casasola a destra, mentre a sinistra non è da escludere del tutto il ritorno di D’Orazio nonostante le ottime prestazioni di Bittante a Cremona e contro il Trapani.

Sulla mediana in tre si giocano due maglie: Bruccini, Prezioso e Sciaudone. In avanti la certezza si chiama Baez: l’esterno uruguayano giocando nel suo ruolo, al di là dei due gol in tre partite, sta esaltando le sue qualità. Con Pierino Braglia faceva il terzino adesso gioca da attaccante. Il centravanti dovrebbe essere Rivière con Asencio pronto a dare il suo contributo a partita in corsa. A destra dovrebbe tornare Carretta, anche se non è da escludere a priori l’opzione Bahlouili il quale potrebbe, per la prima volta, giocare da titolare.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Piero C
Piero C
2 mesi fa

Forza lupi sempre ovunque e comunque. Da Modena

ginoX
ginoX
2 mesi fa

Ci siamo. La madre di tutte le partite. Pressione sui ragazzi? Si si. I ragazzi non solo devono avvertire la pressione, ma devono caricarsi sulle proprie spalle la responsabilità di una gara fondamentale. Inutile girarci intorno è venuto il momento di accettare in pieno la sfida, e di affrontare a viso aperto il destino, senza paure. Oggi o mai più bisognerà dare fondo a tutte le energie, fino all’ultima goccia di sudore. E sennò quando? Un cuore grande così come sempre vincerà, ma ci vorrà tanta astuzia, e soprattutto l’approccio mentale giusto.
Forza Lupi sempre ❤️💙

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti