Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, mentalità vincente e bel gioco: i rossoblu adesso sanno cosa fare in campo

Media punti da playoff, miglior attacco nel post lockdown e adesso gli ultimi 90 minuti per completare una rimonta straordinaria

Il Cosenza vola. Segna tanto, si diverte, vince. Mancano 90 minuti per conoscere il proprio destino, ma ciò non toglie nulla alla crescita impressionante di una squadra che, prima del lockdown, sembrava già destinata alla Lega Pro. Invece, Roberto Occhiuzzi con il suo staff è riuscito a tirare fuori il meglio dalla rosa a disposizione.

Un gruppo che non tira mai i remi in barca, che si è saputo rialzare dopo il pesantissimo KO di La Spezia e adesso ha iniziato a macinare gioco e risultati. Una, mentalità vincente, quella che spesso è mancata nella prima parte della stagione. Una squadra che è diventata spietata in zona gol (18 reti in 9 gare) e corre tanto, più e meglio degli altri. Tutti sanno cosa fare, dove andare. I meccanismi funzionano alla perfezione.

Alla manovra partecipano in tanti e c’è sempre qualcuno che arriva da dietro per tirare o allargare l’azione. Contro l’Empoli sono andati a segno quattro marcatori diversi (Bittante, Carretta, Riviere e Baez), significa che la squadra gira in tutte le sue componenti. Adesso serve l’ultimo sforzo, dopo di che si tireranno le somme.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Micuzzu
Micuzzu
2 mesi fa

tanto di cappello a questi ragazzi ed al signor Principe di Cetraro!!!

TONINO TURANO
TONINO TURANO
2 mesi fa

Hai ragione,amico mio,speriamo che i nostri Lupi continuino su questa strada!

Advertisement

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "grande roberto , che bei ricordi."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti