Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, la continuità base di partenza per migliorare il processo di crescita

Occhiuzzi imbattuto da nove partite: la squadra ha una sua identità, ha dimostrato solidità e capacità di reagire alle difficoltà. Gli attaccanti vanno messi nelle condizioni di avere più opportunità nell’area di rigore

Tre giornate di campionato sono poche per dare un giudizio sulla squadra e sul lavoro di Occhiuzzi. Anche perché, com’è nella tradizione del Cosenza, l’organico è stato completato soltanto sui titoli di coda del calcio mercato. La sosta per la nazionale ha aiutato un po’ ma è decisamente troppo presto per capire il ruolo che potrà recitare la formazione rossoblu. Tranne Falcone (da applausi), Ingrosso (troppe indecisioni) e Sacko (un giovane tutto da scoprire), gli altri nuovi si stanno inserendo soltanto da poco. Sabato nella partita con il Cittadella sono stati lanciati Petrucci (esordio positivo) e Petre (da rivedere), a gara in corso Bouah (prospettive molto interessanti) e nel finale si è visto Ba (troppo poco in campo). Secondo spezzone di partita per Gliozzi (piccolo passo in avanti rispetto al primo assaggio con l’Entella). In attesa di vedere all’opera Vera.

Il Cosenza si trova ancora in quel lembo che viene racchiuso nella classica frase “lavori in corso”. Ma con una buona base di partenza, si può aggiungere. Intanto la continuità di risultati: tre pareggi che aggiunti alle cinque vittorie di fila nel corso del campionato scorso, quello del post lockdown, portano la squadra di Occhiuzzi a una serie positiva che dura da otto partite. Nove con quella di Coppa Italia contro l’Alessandria. L’idea di gioco c’è, la squadra ha una sua identità. E questo è un altro aspetto che lascia ben sperare per il futuro. Così come la solidità, nonostante qualche errore individuale. Una squadra che non si arrende facilmente, capace di reagire alle difficoltà vedi la partita con la Spal e quei dieci minuti con il Cittadella dopo avere subito il gol di Rosafio.

Occhiuzzi lavora molto sull’equilibrio di squadra. Non è un difensivista ma nemmeno un allenatore che sbilancia eccessivamente la squadra in avanti. Anzi, agli attaccanti viene chiesto un sacrificio notevole. Ecco perché il giudizio su Petre (e Gliozzi) rimane in sospeso: il rumeno e l’ex Monza hanno corso tanto, hanno giocato per la squadra. Spesso larghi a prendere palla per poi accentrarsi. Se c’è qualcosa in cui bisogna migliorare è proprio il fatto di mettere gli attaccanti nelle condizioni di avere più opportunità nell’area di rigore. Adesso comincia il primo tour de force con cinque partite, inclusa quella di Coppa Italia con il Monopoli, fino al 7 novembre. Sarà l’occasione per migliorare il processo di crescita.

27 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
27 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Maikol
Maikol
4 giorni fa

Ci vogliono subito un paio di attaccanti veri, altrimenti non vinceremo partite, mettersi subito alla ricerca dei giusti profili, e non perdere tempo ,perdere tempo vuol dire perdere punti, non sempre si può avere fortuna, tenendo presente che lo scorso anno ci siamo salvati ,soprattutto per la forza dell,attacco.

Pino
Pino
5 giorni fa

Finchè Baez non capirà che lui non è un attaccante ma un regista/assist man, e deve far segnare gli altri… il Cosenza non prenderà forma in attacco.

Luca
Luca
5 giorni fa

Potete fare tutte le analisi ca vuliti abbiamo giocato solo tre partite ma dovete avere pazienza, l unico intoppo ora è Corsi risolto questo un ce nenti ppi nessuno e mercoledì ara Reggina ci facimu a capu a menzine… FORZA LUPI! #stannusaglimu

citizen
citizen
5 giorni fa

Pressoché d’accordo con tutto l’articolo di Leone (non mi capita spesso ad esser sincero)
@Ginus @Michele ma davvero pensate di essere più bravi di Occhiuzzi ad interpretare il gruppo, tanto da chiedergli di modificare le scelte? Davvero con quello che ha fatto dopo il lockdown non si è meritato UN MINIMO di fiducia? E dai….

Joe
Joe
5 giorni fa
Reply to  citizen

Citizen, lascia stare: è tempo perso. Purtroppo la memoria corta è un fattore comune a molti tifosi. Forza lupi e fiducia al giovane condottiero, Occhiuzzi!

Michele
Michele
5 giorni fa

La squadra deve segnare e Occhiuzzi deve metterla in condizioni di poterlo farlo.. Baez, l’unico che può inventare la giocata, deve essere messo in campo nella maniera giusta…

Ginus
Ginus
5 giorni fa

Di cosa si parla,il Cittadella ha avuto il coraggio di mettere subito 6 o 7 giovani di 20 anni in campo dall’inizio al posto dei suoi senatori,e si e’ visto correvano,cattivi,gran tiratori,i nostri non riuscivano mai a contrastarli,i nostri giovani vanno in campo solo negli ultimi 8 minuti,qui’ci vuole fegato e coraggio,da chi dirige il gruppo,se no,solo pareggetto con batticuore

Giuseppe
Giuseppe
5 giorni fa

Concordo nell’ analisi, per fare goal quando ci sono le folate offensive devono andare dentro l area di rigore tutti i tre attaccanti e un centrocampista , se non si riempiono gli ultimi sedici metri con inserimenti i goal difficilmente arrivano

Roberto
Roberto
5 giorni fa

È ovvio che è una squadra in costruzione , però è evidente che c’è una voragine sulla fascia destra ( Corsi ????) e gente come Petre , Vera , PETRUCCI, BA, non sono ancora in forma ! Scusatemi ma io questa grande partita non l’ho vista , non abbiamo fatto tre passaggi di fila ( a parte azioni personali di Carretta e Baez ) ! Ma miglioreremo spero ,,, forza Lupi

micuzzu
micuzzu
5 giorni fa
Reply to  Roberto

Caro Roberto io dico 1) abbiamo incontrato un avversario molto tosto e cattivo; 2) i nuovi arrivati quando entreranno nelle idee del Mister sicuramente ci daranno altre spinte e sicurezze; 3) abbiamo incontrato Spal e Cittadella che sono squadre di prima fascia e non abbiamo fatto una cattiva figura tutt’altro, quindi bisogna avere fiducia e già dal derby possiamo vedere di che pasta siamo fatti, comunque rispetto all’anno scorso….altra cosa oggi, il vero tifoso dei lupi può avere speranze per un campionato diverso….

tonino turano
tonino turano
5 giorni fa
Reply to  Roberto

Bravo Roberto.Pienamente d’accordo.Solo ricordi piacevoli le discese di Casasola,gli assist,il gioco difendivo (hai vistioche gol che abbiamo preso!),il centrocampo ecc.ecc.

Lupo leo
Lupo leo
5 giorni fa
Reply to  Roberto

Esatto concordo pienamente….. Corsi????
Chiamiamo chi la visto” forza lupi”

Luca
Luca
5 giorni fa

Giuseppe e Salvatore C. St’ annu saglimu ❤️💙🐺

micuzzu
micuzzu
5 giorni fa

io ho piena fiducia nell’organico e nelle idee dell’allenatore e dico… ragazzi avanti cosi’….forza Lupi!!!!!!!!sempre!!!!!!!!

ginoX
ginoX
5 giorni fa

Sono d’accordo a metà. Vero, c’è una base solida e abbiamo un ottimo mister. Però è altrettanto vero che 1) non sto vedendo il solito Cosenza sulle fasce, molto propositivo e aggressivo 2) ieri spesso non abbiamo giocato palla a terra ma ho visto lanci lunghi(palla a terra solo in difesa, come è moda nel calcio odierno). Tutto questo sta emergendo e mi fa dire che non è il Cosenza del post-locdown. Se è così con 2 soli centrocampisti potremmo soffrire e il modulo 343 potrebbe non essere più adatto. Comunque aspettiamo Vera e Bouahe vediamo. Un importante banco di… Leggi il resto »

Cosentino fuori sede
Cosentino fuori sede
5 giorni fa
Reply to  ginoX

si è vero derby banco di prova e non dimentichiamo che a Reggio c è l aeroporto e da lì possiamo……….decollare Luca dice Stannu Saglimu

Rob
Rob
5 giorni fa
Reply to  ginoX

ma della forza dell avversario non ne parliamo. mai ?? di fronte avevi una squadra che veniva da 5 goal a 0 rifilato a brescia e cremonese

ginoX
ginoX
5 giorni fa
Reply to  Rob

Ma guarda che non sto criticando, la pensiamo uguale, ieri avevamo contro una squadra non solo forte, ma che andava a 1000 ed era scesa in campo davvero CATTIVA: hai visto quanti falli e quanti cartellini hanno preso quelli del Cittadella? Sono scesi cattivi, ma hanno trovato un muro. Io sono contento, dico solo che non vedo più il gioco di prima sulle fasce ( manca Casasola e Bittante ieri ha pensato più a difendere) e che un po’ non abbiamo giocato palla a terra, tutto qua. Sennò ieri bella partita, molto combattuta e i nostri mi sono piaciuti, soprattutto… Leggi il resto »

Andrea
Andrea
5 giorni fa
Reply to  ginoX

Bhe allora… Se sono piaciuti a te …siamo a posto!!! I….ota

ginoX
ginoX
5 giorni fa
Reply to  Andrea

André, mu fa nu piaciri, se mi odi per quello che scrivo e proprio non lo mandi giù, evita di leggermi, non te lo ha ordinato il dottore e ci fai più bella figura, invece di sembrare uno zorro da tastiera. Che ne pensi?

Andrea
Andrea
5 giorni fa
Reply to  ginoX

Torna a scuola se ci sei mai stato …

LR
LR
5 giorni fa
Reply to  ginoX

Concordio. Casasola spingeva,corsi poco e male . Ginox sei molto competente. Leggi bene le partite. Sei indiscutibilmente il più preparato qui. Onore a ginox. Senza ironia.

Andrea
Andrea
5 giorni fa
Reply to  LR

Anche io CORCORDIO….

ginoX
ginoX
5 giorni fa
Reply to  LR

Assolutamente no, caro LR. Siamo tutti competenti, perché se amiamo il magico Cosenza ci piace discuterne appassionatamente tra amici, al netto di qualche imbecille che ingiuria o di qualche infiltrato( alcuni però sono corretti). Nota di merito alla redazione che ci consente di esprimere le nostre opinioni, dando voce ai tifosi. Io apprezzo gli interventi di tutti, quando mi accorgo che sono fatti con il cuore, e anche se critici sono sempre a fin di bene. Per questo non credo esistano i così detti tagliaturi, ma solo gente che ama forse troppo questa maglia, esclusi ovviamente gli elementi di cui… Leggi il resto »

Andrea
Andrea
5 giorni fa
Reply to  ginoX

Redazione tagliate questo messaggio …. altrimenti vi querelo

Antonello Ferroni
4 giorni fa
Reply to  Andrea

Vengono cancellati solo i messaggi che possono avere conseguenze giudiziarie.

Mario
Mario
4 giorni fa
Reply to  ginoX

Qualche imbecille? forse hai ragione è non dovremmo leggere i tuoi messaggi . Ma non fai prima a non scriverli, visto che a molti “imbecilli” come li chiami tu, danno fastidio? Vai al bar a dire le tue str….ate.

Advertisement

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "grande roberto , che bei ricordi."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti