Resta in contatto

Esclusive

Mutti: “Cosenza ben strutturato ma in fase offensiva c’è da migliorare”

L’ex allenatore dei Lupi: “Buona organizzazione difensiva e in mezzo al campo è messo bene. Manca uno come Rivière…”. Bergamo, la città dei Bruzi e il Covid: “Forza ragazzi, se ne verrà fuori!”

Bortolo Mutti lo scorso 11 agosto ha compiuto 66 anni. A Cosenza ha lasciato ottimi ricordi da allenatore, in due momenti diversi. La prima parentesi nel campionato di Serie B 1995-1996, subentrò al posto di Fausto Silipo dopo quattro giornate. Chiuse all’11° posto e la stagione successiva si trasferì al Piacenza dove ha vissuto la sua prima esperienza in Serie A. Quella Serie A sfiorata alla guida dei Lupi nella seconda esperienza in rossoblù. Campionato 1999-2000 concluso un’altra volta all’11° posto e quello successivo in cui si è sfiorata la Serie A dopo essere rimasto in testa alla classifica per tutto il girone d’andata, per poi chiudere la stagione all’8° posto.

Cosenza e il Cosenza sono rimaste nel cuore di Lino, così come lo chiamano gli amici. Al telefono le prime parole sono legate alla situazione Covid, lui che è bergamasco di Trescore Balneario. “Qui a Bergamo la situazione rispetto a quanto accaduto nel corso della prima ondata, è più tranquilla. È tutto sotto controllo anche se il livello di attenzione rimane alto. Diciamo che in Lombardia le maggiori preoccupazioni sono a Milano e nella Brianza. Invece ho visto che da voi la situazione comincia a essere critica… Forza ragazzi, se ne verrà fuori!”.

Con Mutti, ovviamente, si è parlato di calcio. E del Cosenza. Ma anche una panoramica sulla Serie B che lui segue da opinionista per la Rai. Si è cominciato proprio dai rossoblù.  “Una squadra ben strutturata, ricalca in linea di massima quella di fine campionato scorso. La mancanza di un attaccante come Rivière sta un po’ pesando nella fase realizzativa. Chiaramente quello offensivo è un aspetto sul quale bisognerà migliorare. Ho visto che la squadra – ha sottolineato l’ex allenatore del Cosenza – ha una buona organizzazione difensiva e in mezzo al campo è messa bene. Complessivamente è una squadra che sta “dentro” il campionato. A distanza, noto un po’ di difficoltà nel fare crescere qualche ragazzo. Che sinceramente conosco poco. Con Baez e Carretta, che seguo da un po’, si va sul sicuro ma ripeto c’è da lavorare soprattutto nella fase offensiva”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Lupo Leo
Lupo Leo
3 mesi fa

Grande mister…….. Forza lupi sempre

micuzzu
micuzzu
3 mesi fa

un signor Allenatore!!! ad un passo dal sogno….chapeau…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Vogliamo tutti bene a Bortolo Mutti ma posso dire che forse ce ne ervamo accorti anche noi?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Mister mutti è stato uno dei più grandi allenatori che il cosenza abbia avuto mai, una bella persona, sono felice di aver lavorato per lui. ❤️💙❤️💙

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Di marzio, Giorgi, mutti, reja, Zaccheroni, sonzogni e braglia.i mister che hanno segnato la nostra storia, almeno, quelli che ho visto allenare. Anche roselli per la coppa italia

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "il fatto che nessuno punta su Cosenza"

Gigi De Rosa, il professore

Ultimo commento: "Difensore tecnico e veloce, grande attaccamento alla maglia"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Per me il migliore allenatore del Cosenza e stato. Attilio De Maria. Forse voi siete troppo giovani per ricordarlo."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Franco Rizzo grande mezzala con visione di gioco e con un destro potentissimo. Ero piccolo, ma ricordo perfettamente che quando giocava a Cagliari e..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Esclusive