Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, obiettivo Frosinone: si lavora per migliorare la fase offensiva

Sedute di allenamenti intense in vista del ritorno in campionato. Occhiuzzi si concentra anche sulle scelte in vista della partita di venerdì

Doppia seduta di allenamento. Si intensifica la preparazione del Cosenza in vista dell’anticipo di venerdì sera con il Frosinone. La partita, in programma allo stadio Benito Stirpe alle ore 21, sarà valevole per l’8ª giornata del campionato di Serie B 2020-2021. L’allenatore Roberto Occhiuzzi assieme ai componenti dello staff tecnico hanno approfittato della sosta per migliorare alcuni aspetti, a cominciare dalla fase offensiva. O meglio, quella realizzativa considerato che in questa prima parte del campionato i rossoblù hanno creato tanto ma concretizzato poco.

Ovviamente ci sarà da capire se si tratta di una questione di uomini, oppure di aspetti prettamente tattici. Il giovane allenatore di Cetraro si è sempre assunto le responsabilità ma da questo momento in poi bisognerà concentrarsi sulle capacità, da parte del gruppo, di recepire il suo calcio. E il match contro la squadra di Alessandro Nesta, si annuncia come un altro banco di prova significativo. Motivo per il quale ogni dettaglio risulterà fondamentale, a cominciare dalle scelte che verranno fatte sulla formazione.

Intanto non ci saranno lo squalificato Ingrosso e l’indisponibile Gliozzi. Si dovrebbe viaggiare verso la conferma della difesa formata da Tiritiello, Idda e Legittimo. Tranne se Occhiuzzi dovesse decidere di dare un’opportunità a Schiavi. L’ex Salernitana potrebbe giocare centrale con Idda sulla sua destra e Legittimo centrale di sinistra. Sugli esterni tutto dipende da Vera, nel senso che se il colombiano garantisce una condizione fisica accettabile toccherà a lui a sinistra con Bittante a destra. Altrimenti l’alternativa Corsi rimane l’unica praticabile. In mezzo al campo la coppia Sciaudone-Kone, considerato che Petrucci non è ancora al meglio mentre Ba è appena rientrato dall’infortunio.

Infine l’attacco. Se Occhiuzzi opterà per una punta di riferimento allora si contendono una maglia Petre e Borrelli,  che assieme a Carretta e Baez completerebbero il tridente. Ma non può non essere tenuta in considerazione la crescita di Bahlouli. Il giovane francese ha dimostrato di avere numeri eccezionali e nel 3-4-1-2 sembra essere il calciatore con le caratteristiche migliori per giocare tra le linee. Ma con Bahlouli in campo, la coppia d’attacco potrebbe essere formata da Carretta e Baez, usato garantito.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Iniziamo a fare filotto già dalla partita col Frosinone, forza Cosenza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 giorni fa

Lo sto leggendo dal dopo partita contro il Brescia, adesso vediamo i risultati di queste due settimane di lavoro, e speriamo di vedere qualche giocatore finora fatto ammuffire in panchina, visto che chi fino a ora ha giocato, non è che siano tutti sti fenemeni insostituibili

Odio RC e CZ e KR
Odio RC e CZ e KR
11 giorni fa

Ma bouha? Chi l’ami pigliatu a fa? In un l’altra, squadra (e lo volevano in tanti) avrebbe già sfondato e titolare fisso…

Giovanni
Giovanni
11 giorni fa

Infatti bouha? Mi sa che il principe di Cetraro non ci ha capito una beata m…….!!!! Okkiu’ va coglia fungi ara sila!!!!

Riccardo
Riccardo
11 giorni fa

Lupi. Lupi..Lupi…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 giorni fa

E lavura…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 giorni fa

Bouah è vivo? Mah…

Braglia
Braglia
11 giorni fa

bisogna creare densità in avanti nella fase offensiva e sopratutto meno giochetti e balletti sudamericani… piu’ concretezza….

Paolo
Paolo
11 giorni fa

Esattamente come lo scorso anno … anzi lo scorso anno le perdevamo tutte , almeno quest’anno 5 punti li abbiamo ! Ma se non sostituisci adeguatamente le partenze importanti succede questo ! Guarascio ti consiglio di trovare da ora un SOSTITUTO DI TRINCHERA , ormai ha dato tutto è giusto LASCIARSI !

ginoX
ginoX
11 giorni fa

Occhiuzzi ha detto che Rivière “legava il gioco”. Ecco, questo è esattamente quello che manca al Cosenza. La punta centrale non lega il gioco. Inoltre Rivière non solo “legava” il gioco, ma segnava a valanga ( attaccante da 20 gol). Le nostre punte né “legano”, né segnano. Fine.

Roberto
Roberto
11 giorni fa
Reply to  ginoX

Bravo , c’è poco da lavorare … se non hai Riviere! forse PETRE può almeno legare il gioco ( visto che gol a valanga non ne farà ) ma non lo fa giocare

tonino turano
tonino turano
11 giorni fa

Cerchiamo soluzioni offensive valide per portare via da Frosinone un risultato positivo in attesa di guarire il male cronico di questa squadra che è l’attacco.

Mussolini
Mussolini
11 giorni fa

Dobbiamo iniziare a vincere qualche partita, altrimenti facciamo la fine dello scorso anno!!! A gennaio bisogna prendere una punta che faccia Gol.

Advertisement

Gigi De Rosa, il professore

Ultimo commento: "Grande Gigi tecnica e intelligenza un grande abbraccio cugino"

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Per me il migliore in assoluto resta Renato campanini troppo presto ceduto ad altra squadra al contrario di altri giocatori che pur bravissimi ..."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "grande roberto , che bei ricordi."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti