Resta in contatto

Approfondimenti

Mutti a TifoCosenza WebTV: “L’attacco sterile può non dipendere solo dagli uomini”

L’ex allenatore rossoblu avanza un suggerimento: “Forse si dovrebbe puntare a qualcosa di diverso a livello di manovra”

Bortolo Mutti, ex allenatore del Cosenza, intervenuto ai microfoni di TifoCosenza WebTV, ha analizzato il momento dei Lupi: “Pensavo che il Cosenza potesse crescere maggiormente, ma ultimamente non riesce a fare quel salto di qualità che si intravede. Alcune partite sono state giocate molto bene ma si è finalizzato poco, e la squadra è stata penalizzata da alcuni risultati. Sta facendo un campionato di sofferenza e non me l’aspettavo. Si potrebbe intervenire sul mercato per dare al reparto offensivo un piglio diverso, perché di fatto dal punto di vista realizzativo la squadra è carente”. 

“Si potrebbe anche fare un ragionamento diverso, dare una struttura alternativa alla squadra, ma questo non mi sembra possibile – ha proseguito Mutti -. C’è una grande solidità difensiva, il reparto arretrato è tra i meno battuti del campionato. Forse si dovrebbe puntare a qualcosa di diverso a livello di manovra, non bisogna addebitare tutte le negatività solo agli attaccanti. Magari c’è da migliorare qualche situazione che può portare alla finalizzazione. C’è da dire che spesso la squadra è stata sfortunata, perché tante occasioni non hanno portato al gol per poco”. 

“Nella finestra di mercato appena iniziata bisogna valutare tutte le situazioni possibile che possono portare a miglioramenti. Con la serenità e la giusta alchimia di tutti si deve fare qualche passo in più. Quello che è stato fatto probabilmente non è bastato. Ma a Cosenza c’è una grande forza ambientale, bisogna essere positivi e, ripeto, questa sessione di mercato può aiutare a risolvere certi problemi”, ha concluso l’allenatore bergamasco.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Michelino
Michelino
4 giorni fa

In parole povere rivoluzionare il centrocampo che effettivamente non fa filtro e stanca i difensori che non sono nemmeno tanto eccelsi e soprattutto che lanci gli attaccanti. PETRUCCI LENTO COME LA LOCOMOTIVA A VAPORE CAMIGLIATELLO silvana mansio….4 giocatori le ali,il regista oltre al possente attaccante…..E via Bittante Vera Corsi etc etc

lupo84
lupo84
5 giorni fa

riassunto serve un terzino destro,un attaccante,un mediano e un allenatore che capisca che bisogna giocare con tre centrocampisti dati gli uomini a disposizione,altrimenti andrebbero presi almeno altri 5 giocatori cosa che il nostro presidente che fa affari con le lenticchie non farà mai.

Franco
Franco
4 giorni fa
Reply to  lupo84

Analisi giusta ed è ciò che ha fatto capire Mutti… forse è colpa anche dell’allenatore

Sasa'
Sasa'
5 giorni fa

Da pochi intenditori ,poche parole.

Tifocosenza WebTV



Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Maledetto correttore....Uxa e non Usa."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Rizzo è stato l'idolo di mio padre cosentino Vittorio (nato nel 1914 e compagno di Del Morgine, di Cosenza. Un tiro fortissimo. Ho avuto il piacere..."

Gigi De Rosa, il professore

Ultimo commento: "Ma mi ricordo che usciva palla al piede da situazioni rischiosi dove altri avrebbero buttato in tribuna. Palla a piede con giravolte , pallonetti e..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti