Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, l’obiettivo è continuare a sfruttare il fattore campo

Buona partenza al Marulla con 3 vittorie e 1 pareggio. Nel 2000 si registrò un inizio migliore con 7 successi di fila: con Mutti si accarezzò a lungo il sogno della Serie A…

Mercoledì sera si torna in campo per la 10ª giornata del campionato di Serie B 2021-2022. Allo stadio Marulla, fischio d’inizio alle ore 18, si gioca Cosenza-Ternana una classica che torna dopo 11 anni. Da una parte c’è Marco Zaffaroni che proprio davanti al popolo rossoblù sta cercando di costruire il percorso che porta alla salvezza. Finora imbattuto nelle partite casalinghe con 3 vittorie e 1 pareggio. Dall’altra c’è Cristiano Lucarelli che fuori casa zoppica un po’: soltanto 4 punti.

Soltanto una volta nella storia del campionato cadetto i Lupi hanno registrato una partenza migliore rispetto a quella in corso. Bisogna fare un lungo passo all’indietro, fino alla stagione 2000-2001 con Bortolo Mutti allenatore. Il campionato che vide il Cosenza primo in classifica per un girone intero, per poi chiudere all’8° posto. Un Cosenza che grazie a 7 vittorie nelle prime 7 partite al San Vito, accarezzò a lungo il sogno della promozione in Serie A.

Abbiamo dato una rispolverata al libro dei ricordi. Si cominciò con la vittoria sul Pescara (1-0) grazie al gol di Gianluca Savoldi. Era il 3 settembre 2000. La striscia positiva si chiuse il 19 novembre: 1-0 sulla Salernitana grazie al gol di Zampagna al 90’. Una rete che fece esplodere anche Mutti, fin a quale momento mai visto esultare in quel modo. In mezzo il 3-0 nel derby con il Crotone (doppietta di Apa e rigore di Pisano) e l’1-0 sul Monza deciso da Cristiano Pavone.

Anche due vittorie scoppiettanti: il 3-2 sull’Ancona deciso dalla rete di Paschetta al 90’ dopo che Pisano e Pavone avevano messo il match sul doppio vantaggio, annullato dai gol di De Palma e Corallo. Il 3-1 sul Siena: Pisano, Pavone e Savoldi per i Lupi, la rete dei toscani fu segnata da Arcadio. Di Pisano il gol che decise la sfida con il Cittadella. La prima sconfitta casalinga di quel Cosenza arrivò il 4 dicembre 2000: Cosenza-Chievo 1-2. Il solito Pisano portò in vantaggio i rossoblù, a inizio secondo tempo il calcio di rigore di Corini e nel finale la zampata di Franceschini all’83’.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Grande Oberdan Biagioni, ma anche Missiroli, papa' del Missiroli del Sassuolo."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Con Franco siamo coetanei e abbiamo cominciato a giocare insieme: di lui ho un bellissimo ricordo. Spero stia bene e tanto che non lo vedo"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Ci stavo pure io a Casarano e non solo......."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "Baclet,col Cosenza sei stato mitico.Ti sei sempre impegnato al massimo e hai contribuito alla promozione del Cosenza in serie B .Ti auguro tanta..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti