Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, la scelta di Guarascio è fatta: c’è il dopo Goretti

In queste ore il presidente ha riflettuto a lungo dopo un confronto anche con i suoi fedelissimi: la settimana potrebbe cominciare con l’annuncio del nuovo direttore sportivo

Ore di riflessione in casa Cosenza con il presidente Guarascio pronto all’ennesimo ribaltone. Contatti e soprattutto più di un confronto con i suoi fedelissimi, lo hanno portato a decidere per l’ennesimo ribaltone. Tranne clamorosi colpi di scena, la settimana dovrebbe cominciare con l’annuncio che il rapporto con il direttore sportivo Roberto Goretti dovrebbe finire qui. Evidentemente non è bastata la salvezza arrivata al playout ma avranno pesato altre valutazioni.

Si parla di budget per il calciomercato, di ingaggio ma soprattutto di alcune condizioni che avrebbe posto Goretti. Dall’altra parte un Guarascio che con il passare dei giorni si sarebbe visto crollare il muro di certezze che si era costruito attorno al direttore sportivo. Tant’è che una decina di giorni fa, a seguito del lungo pranzo di lavoro da Via degli Stadi era stata data notizia che l’accordo con lui e Bisoli era cosa fatta. Invece…

Ma potrebbe non finire qui. Perché già in passato il presidente nonostante avesse dato per fatte alcune scelte, poi le ha riviste. Al momento la pista più calda per il sostituto porta a Roberto Gemmi. Nato a San Giorgio a  Cremano l’1 gennaio 1975, è reduce dalla poco felice esperienza al Brescia di Cellino per cui ha grande voglia di rimettersi in gioco. Un passato da centrocampista di sostanza soprattutto in Serie C e una breve parentesi in B con la Pistoiese, da dirigente ha cominciato dalle giovanili. Nel 2015 passa al Carpi come responsabile scouting.

Il 5 febbraio del 2016 il passaggio all’Arezzo nel ruolo di direttore sportivo, carica mantenuta fino al 25 novembre 2017. A giugno del 2018 la chiamata del Pisa. Con i toscani Gemmi ha conquistato subito la promozione in Serie B e per due anni la salvezza diretta lanciando Luca D’Angelo come allenatore. Quindi la parentesi a Brescia come direttore sportivo, carica durata soltanto 44 giorni a seguito delle sue dimissioni.

136 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
136 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia rossoblu: scelta la coppia dei difensori centrali

Ultimo commento: "Hai assolutamente ragione! 👍"

LA TOP 11 della storia rossoblu: scelto il miglior allenatore

Ultimo commento: "Giorgi e Reja,Zaccheroni che ha vinto uno scudetto con il Milan e una Coppa d'Asia con il Giappone."

Al via la Super League: rivoluzione nel mondo del calcio. Favorevoli o contrari?

Ultimo commento: "Viva il calcio anni 80...partite alle 14.30, 90 minuto alle 18.10, la domenica sportiva alle 22.30...avete rotto il caxxx con questi orari..."

Coronavirus, giusta la ripartenza del Calcio? Dite la vostra con TifoCosenza

Ultimo commento: "Come ogni lavoratore che si assume il suo impegno, così anche i calciatori si devono assumere i loro ,i soldini si devono guadagnare ..."

La Top 11 della storia rossoblu: scelto il centravanti!

Ultimo commento: "Grande Marulla mio idolo Felice dal Belgie"
Advertisement

I Miti rossoblu

STORICO CENTROCAMPISTA ROSSOBLÙ DAL 1985 AL 1989

Denis Bergamini

GIANNI DI MARZIO ERA COME UNA SPECIE PROTETTA, DA PRESERVARE

Gianni Di Marzio

BANDIERA ROSSOBLÙ E CALCIATORE PIÙ PROLIFICO DELLA STORIA DEL COSENZA

Gigi Marulla

Altro da Approfondimenti