Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Verso Cosenza-Como, Fabregas: “Avere Henry in questo club è qualcosa di speciale”

L’ex campione del mondo è stato intervistato dal Daily Mail: “La statura di Thierry può fare la differenza. I calciatori si emozionano già a sentire parlare, figuriamoci ad averlo a bordo campo”

Tre partite e un assist, sul Lago di Como Cesc Fabregas è pronto a regalare gli ultimi colpi di classe di una carriera ricca di successi. Il Daily Mail ha deciso d’intervistarlo nella settimana che porta alla sfida contro il Cosenza aprendo le porte ad una carriera d’allenatore dopo aver appeso gli scarpini al chiodo.

Queste le parole del centrocampista spagnolo: “Nello spogliatoio sono uno a cui è sempre piaciuto parlare. Non mi sono mai sottratto a dare la mia onesta opinione, a discutere coi calciatori, con gli allenatori, sempre in modo costruttivo. Wenger, ad esempio, è sempre stato molto aperto al dialogo col gruppo. Amava fare domande. Chiedeva “cosa ne pensi?”. Ti metteva sempre alla prova mentalmente. Oggi gli allenatori non sono così. Oggi dicono: “Sono io, fai quello che chiedo e basta”. E non hai voce in capitolo. È un modo per proteggersi, per non dover dare spiegazioni a nessuno. Loro prendono le decisioni. A chi piace piace, altrimenti sei fuori. È la direzione dei tecnici moderni. Io sono cresciuto in tutt’altro ambiente, con Wenger Del Bosque. Così ero e così sarò. Sempre con rispetto, dirò sempre come la penso”.

A Como è arrivato nel ruolo di dirigente anche il suo ex compagno di squadra ai tempi dell’Arsenal Thierry Henry : “È importante per il club. Quando sono arrivato qui ho capito che volevano fare qualcosa di speciale. Che volevano portare alcuni nomi importanti nel club, per farlo crescere davvero. La statura di Henry può fare la differenza. I calciatori si emozionano già a sentirne parlare, figuriamoci averlo a bordo campo. Ti viene voglia di dare ancora di più».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Al via la Super League: rivoluzione nel mondo del calcio. Favorevoli o contrari?

Ultimo commento: "…e quando non riuscivi ad andare in trasferta, radiocronaca di Milicchio che ti veniva un infarto appena superavamo il centrocampo. 🥹"

LA TOP 11 della storia rossoblu: scelto il miglior allenatore

Ultimo commento: "com'è giusto che sia, Grande Bruno ..."

La Top 11 della storia rossoblu: scelta la coppia dei difensori centrali

Ultimo commento: "Verissimo, scuola Inter, un vero professionista serio e bravo"

La Top 11 della storia rossoblu: scelto il centravanti!

Ultimo commento: "Memorabile il gol segnato alla fiorentina in cui scartó mezza squadra"

Coronavirus, giusta la ripartenza del Calcio? Dite la vostra con TifoCosenza

Ultimo commento: "Come ogni lavoratore che si assume il suo impegno, così anche i calciatori si devono assumere i loro ,i soldini si devono guadagnare ..."
Advertisement

I Miti rossoblu

STORICO CENTROCAMPISTA ROSSOBLÙ DAL 1985 AL 1989

Denis Bergamini

GIANNI DI MARZIO ERA COME UNA SPECIE PROTETTA, DA PRESERVARE

Gianni Di Marzio

BANDIERA ROSSOBLÙ E CALCIATORE PIÙ PROLIFICO DELLA STORIA DEL COSENZA

Gigi Marulla

Altro da L'angolo dell'avversario