Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Cosenza, ecco il credo di Viali: entusiasmo, positività e crescita

L’allenatore, giustamente, alza i toni dopo il pareggio con il Brescia per tenere alta la tensione in vista di un altro snodo cruciale quale sarà domenica a Venezia

Al bicchiere mezzo pieno è giusto dare il peso che merita, altrimenti si rischia di finirla qui prima ancora che il cammino preveda altre tappe per arrivare al traguardo. Che per il Cosenza rimane la salvezza, possibilmente meno agonizzante delle ultime stagioni. Anche se la classifica, seppur cortissima con 13 squadre raccolte nello spazio di 9 punti, continua a tenere il campanello dell’allarme sempre acceso. E poi si è giocato contro il Brescia che nonostante le assenze rimane una squadra nettamente superiore ai rossoblù dal punto di vista qualitativo.

E dire che il Cosenza ha accarezzato la possibilità del colpaccio. Perché questo sarebbe stato in caso di vittoria. Da qui il bicchiere mezzo pieno, sul quale ha posto l’accento William Viali a fine partita. L’allenatore ha giustamente sottolineato che si è trattato della migliore prestazione da quando c’è lui in panchina, la prima volta che ha visto la sua squadra giocare una “partita completa”. È ancora meglio ha fatto nel sottolineare che in questo momento c’è bisogno di creare entusiasmo attorno alla squadra. Così come è stato giusto alzare i toni dicendo che la positività figlia dei netti segnali di crescita intravisti nelle ultime partite, dovranno rappresentare la benzina necessaria per arrivare a quel traguardo, seguendo il percorso tracciato.

Le 4 partite di fila senza sconfitte rappresentano anche il viatico migliore, anche se 3 pareggi e 1 sola vittoria rimangono un bottino decisamente pigro in fatto di punti. Però, come dice Viali, bisogna lasciarsi trasportare dall’entusiasmo e dalla positività. Perché è in arrivo un’altra tappa fondamentale, ennesimo snodo cruciale di un campionato che si avvicina a lunghe falcate al giro di boa. Domenica si scende di nuovo in campo contro il Venezia, un’altra squadra costruita per ambizioni di alta classifica ma adesso impelagata nei bassi fondi. Per cui uno scontro diretto per la salvezza. E in partite come queste i punti valgono il doppio. Ecco perché bisogna approfittarne. Chiunque scenda in campo…

18 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia rossoblu: scelto il centravanti!

Ultimo commento: "Secondo il mio parere bisogna separare le due epoche anni 60 e post prima lenzi (se non ricordo male capo cannorire e pallone d'oro ) poi il gande..."

Al via la Super League: rivoluzione nel mondo del calcio. Favorevoli o contrari?

Ultimo commento: "DOMANI FORZA LUPI. Stringiamoci attorno alla squadra e alla dirigenza. Bando alle Polemiche Lupi ALÈ"

LA TOP 11 della storia rossoblu: scelto il miglior allenatore

Ultimo commento: "Giusto,signor Giovanni ! È facile applaudire quando si vince ; ma la squadra va' sostenuta,soprattutto,quando è in difficoltà !"

La Top 11 della storia rossoblu: scelta la coppia dei difensori centrali

Ultimo commento: "Verissimo, scuola Inter, un vero professionista serio e bravo"

Coronavirus, giusta la ripartenza del Calcio? Dite la vostra con TifoCosenza

Ultimo commento: "Come ogni lavoratore che si assume il suo impegno, così anche i calciatori si devono assumere i loro ,i soldini si devono guadagnare ..."
Advertisement

I Miti rossoblu

STORICO CENTROCAMPISTA ROSSOBLÙ DAL 1985 AL 1989

Denis Bergamini

GIANNI DI MARZIO ERA COME UNA SPECIE PROTETTA, DA PRESERVARE

Gianni Di Marzio

BANDIERA ROSSOBLÙ E CALCIATORE PIÙ PROLIFICO DELLA STORIA DEL COSENZA

Gigi Marulla

Altro da Approfondimenti