Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Cosenza, dopo Dionigi anche Viali: in panchina ma senza fiducia

La storia si ripete: si va avanti con l’allenatore perché non è pronta un’alternativa, a parte qualche telefonata “informativa” a Dionigi…

Evidentemente in Via degli Stadi avranno appeso su tutti i muri la classifica al contrario. Al punto che il Cosenza non è più ultimo ma primo al posto del Frosinone, non si spiegherebbe altrimenti la calma piatta. Saranno anche state le temperature fredde, ma ad accompagnare la ripresa degli allenamenti dopo la sconfitta di Modena non c’era nemmeno il solito gruppetto di fedelissimi a fare capannello davanti all’ingresso della sede del club. Non solo gli ultras ma anche gli altri tifosi stanno… mollando la presa.

Immobilismo imbarazzante nei confronti di una squadra che avrebbe la necessità di essere rinforzata. Ma evidentemente Gemmi con il portafogli molto limitato e con una serie di rifiuti, è costretto a racimolare quello che capita. Calciatori fuori rosa, che non hanno giocato e che invece di accettare proposte dalla Serie C preferiscono giocarsi la carta della Serie B, che magari accada l’ennesimo miracolo sportivo. Il malumore serpeggia in ogni angolo. E nessuno prova a nasconderlo. Anzi. La frase più ricorrente, con un chiaro riferimento al proprietario del club, è una sorta di copia e incolla: “Ma perché non sa cosa fare e aspetta… Che cosa, con si sa!”.

Di fatto si va avanti con Viali soltanto perché non ci sono le idee chiare sull’alternativa. Il direttore sportivo vorrebbe un terzo allenatore mentre la proprietà ha già fatto arrivare messaggi inequivocabili a Davide Dionigi. Di fatto si sta ripetendo quanto accaduto all’ex allenatore, mollato da proprietà e area tecnica dopo la sconfitta nel derby con la Reggina e lasciato solo in balia degli eventi contro Genoa, Spal e Frosinone. Insomma un siluramento già deciso. Ecco che magari nemmeno una mancata vittoria con il Parma porterà al cambio della guida tecnica, si aspetterà la sfida con la Ternana…

Non solo l’allenatore. Perché fonti molto attendibili confermano che è finita pure la fiducia nei confronti del direttore sportivo. L’esperto Beppe Ursino continua essere, sin dalla scorsa estate, un punto di riferimento “esterno”. Si era anche pensato di coinvolgerlo direttamente in questa seconda parte di stagione. Ma evidentemente i “no grazie”, per quanto è dato sapere, non si sono limitati soltanto ad allenatori e calciatori. E nel frattempo dopo Micai, Cortinovis e Marras i nomi più accostati al Cosenza restano altri calciatori fuori rosa nei rispettivi club come Gucher del Pisa e Maric del Monza. È solo un caso? Forse. Intanto la strada che porta alla Serie C, si è messa in discesa…. E senza ostacoli!

88 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

88 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia rossoblu: scelto il centravanti!

Ultimo commento: "Secondo il mio parere bisogna separare le due epoche anni 60 e post prima lenzi (se non ricordo male capo cannorire e pallone d'oro ) poi il gande..."

Al via la Super League: rivoluzione nel mondo del calcio. Favorevoli o contrari?

Ultimo commento: "DOMANI FORZA LUPI. Stringiamoci attorno alla squadra e alla dirigenza. Bando alle Polemiche Lupi ALÈ"

LA TOP 11 della storia rossoblu: scelto il miglior allenatore

Ultimo commento: "Giusto,signor Giovanni ! È facile applaudire quando si vince ; ma la squadra va' sostenuta,soprattutto,quando è in difficoltà !"

La Top 11 della storia rossoblu: scelta la coppia dei difensori centrali

Ultimo commento: "Verissimo, scuola Inter, un vero professionista serio e bravo"

Coronavirus, giusta la ripartenza del Calcio? Dite la vostra con TifoCosenza

Ultimo commento: "Come ogni lavoratore che si assume il suo impegno, così anche i calciatori si devono assumere i loro ,i soldini si devono guadagnare ..."
Advertisement

I Miti rossoblu

STORICO CENTROCAMPISTA ROSSOBLÙ DAL 1985 AL 1989

Denis Bergamini

GIANNI DI MARZIO ERA COME UNA SPECIE PROTETTA, DA PRESERVARE

Gianni Di Marzio

BANDIERA ROSSOBLÙ E CALCIATORE PIÙ PROLIFICO DELLA STORIA DEL COSENZA

Gigi Marulla

Altro da Approfondimenti