Resta in contatto

Rubriche

“Caro direttore Trinchera, ecco perché non ti ho capito…”

La nostra redazione ha selezionato, tra le tante, la seguente mail perché rappresentativa del pensiero di molti tifosi rossoblu: l’oggetto della discussione è rappresentato dalle parole del direttore sportivo, che ha chiarito ieri alcune dinamiche sulla sessione di mercato appena conclusa

“Caro Direttore Trinchera ti scrivo,
Inizio così la mia lettera – pensiero da tifoso non operante nel mondo calcistico, ma che ha sempre seguito questo sport al di là della fede e dell’amore verso questa squadra e verso questi due colori -, e proprio per questo amore sento il dovere di scriverle queste due righe pur sapendo che non riceveranno mai alcuna risposta.
Trovo assurda la conferenza stampa cui lei ha presenziato, in quanto mai un Direttore Sportivo prima aveva dato spiegazioni sul mercato del Cosenza, assurdo perché (utilizzando un eufemismo, è come se Boban o Paratici indicessero una conferenza stampa per spiegare il mercato), il ruolo del Ds è un ruolo di responsabilità e di scelte che possono essere accettate o meno e, proprio come Lei dice, è sempre il campo a parlare.

Ma visto che ormai è stata fatta questa conferenza, mi soffermo sulle sue parole notando innumerevoli contraddizioni e con rammarico constatando che la “confusione” regna sovrana. Il nodo principale, quello dell’attaccante soprattutto (senza denigrare gli attaccanti in forza alla squadra) evidenzia che si è operato senza consapevolezza, fatto che ci ha portato alla data odierna ad essere una squadra incompleta nel reparto offensivo. Come lei mi insegna, nel calcio vince chi fa più gol, e la partita di sabato con la Salernitana ha dimostrato in maniera evidente che questa squadra (in assenza del solo e “povero” Litteri), non ha alcun peso offensivo se non soltanto tramite la velocità. Lei sottolineava che lo scorso anno (dopo il mercato di gennaio) con attaccanti di peso come lo stesso Litteri e Maniero, chi ha fatto la differenza è stata gente come Embalo, Tutino, Baez. Questo è vero caro direttore, ma proprio l’importanza della punta che fa salire la squadra, che ti crea spazi, ha portato lo scorso anno i vari esterni d’attacco a fare la differenza e di conseguenza a segnare.

Lei parlava del profilo dell’attaccante Nzola come giocatore ideale per completare la squadra, ma una volta sfumato il colpo, come mai non le è venuto in mente un altro profilo ideale (secondo il semplice parere del sottoscritto ben superiore a quello del ragazzo in forza al Trapani e probabilmente di pari livello anche economicamente) come Arrighini?
Lei ha sostenuto di non aver cercato di prendere un giocatore qualunque per poi trattare Tupta o Rosseti ( argomento che affronterò in seguito), giocatori che hanno un profilo completamente diverso da quello di Nzola e qui mi domando… dove sta la verità?
Lei dichiara che considera Rosseti “non questo granché “ e qui sorge spontanea la domanda. Perché ha accettato allora la proposta dell’Ascoli per poi incassare il rifiuto del ragazzo? Muovendosi così ha dimostrato di muoversi alla “dove cojo cojo”.
Caro direttore, la cosa che più mi ha deluso è stata la sua dichiarazione rispetto al fatto che Cosenza non sarebbe appetibile per certi giocatori. Beh, caro direttore, con tutte le contraddizioni della sua conferenza, è chiaro che senza soldi non potremo mai aspettarci nessuno, e lei denigrando (involontariamente probabilmente) questa città è riuscito a far passare questo messaggio. Perché si sa, “senza sordi ‘un si ni cantanu misse….” pero si può sempre operare meglio senza lasciare incompleta una squadra.

Saluti
Un semplice tifoso ignorante in materia calcistica
Antonello Costanzo

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Eugenio
Eugenio
1 anno fa

Tifocosenza giornale tagliaturo.

pasquale filice
pasquale filice
1 anno fa

Diciamola tutta cosi com’e’ la verita'”” Trinchera praticamente attacca ru ciucciu addi vo u patruni.””

Odisseo
Odisseo
1 anno fa

La cosa peggiore è sentir dire che la società voleva investire ma non ha trovato il profilo giusto, per poi dire che alcuni calciatori richiedevano stipendi troppo alti. Tutto ed il contrario di tutto. Si apprezzerebbe l’onestà nel dire:puntiamo alla salvezza, ed anche raggiungerla all’ultima giornata andrebbe bene. Con il rispetto dovuto, quella conferenza stampa è una paraculata che rischia di compromettere seriamente i rapporti con la tifoseria.

Gianni
Gianni
1 anno fa

Scusate ma spendere per comprare un Braglia qualunque (rinomata punta ex Napoli che venne a Cosenza a svernare) non mi sembra una soluzione. Il Cosenza quando ha esagerato con le spese come nella seconda presidenza Pagliuso ha sentenziato il fallimento del calcio cittadino costringendoci a sopportare spettacoli indecorosi nei dilettanti. Il calcio non è matematica. Ultimo esempi Palermo e Foggia. Meditate gente meditate.

Antonio
Antonio
1 anno fa

Beh che dire, il pensiero espresso dal signor Costanzo corrisponde esattamente al mio, a sentire la pseudo conferenza del signor Trinchera, a cui vorrei ricordare la prima campagna acquisti della serie B, ho avuto le stesse sensazioni che il signor Costanzo ha espresso in maniera inequivocabile. Terrei inoltre a precisare in maniera più marcata che la difesa del signor Trinchera poggiava sulla mancanza di appeal della città di Cosenza, non considerando che molti giocatori sono approdati in società di molto meno appetibili rispetto a Cosenza, addirittura alcuni hanno preferito scendere di categoria, forse questa mancanza di appeal altro non è… Leggi il resto »

Cristian
Cristian
1 anno fa

Non si può DENIGRARE così una città…non si puó OFFENDERE cosi L INTELLIGENZA del tifoso ….cercate di essere un po’ più UMILI…SINCERI…
non bisogna trovare per forza un CAPRO ESPIATORIO per DIFENDERE solo ed ESCLUSIVAMENTE il vostro SCELLERATO operato!!!

❤️?

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rubriche