Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, le ultime scelte di Braglia nella rifinitura a porte chiuse

Allenamento pomeridiano alle ore 15 al Delmorgine. Da valutare le condizioni di Legittimo e Schiavi. I dubbi dell’allenatore a centrocampo e in attacco

Appuntamento negli spogliatoi del Marulla nel primo pomeriggio: alle ore 15 è in programma la rifinitura sul terreno del Ciccio Delmorgine. Ultima seduta alla vigilia della gara con lo Spezia in programma venerdì sera alle ore 21 e valevole come anticipo della 14ª giornata del campionato di Serie B. Il Cosenza si avvia allo snodo cruciale di questa prima parte di stagione con un passaggio obbligato dall’infermeria. Infatti prima che cominci l’allenamento ci saranno da valutare le condizioni di Legittimo e Schiavi: toccherà ai sanitari l’ultima parola, anche se, vista la delicatezza del match, per entrambi, al massimo, potrebbe arrivare l’ok alla convocazione e, di conseguenza, un posto in panchina.

Il mancino Lazaar non è ancora pronto: prosegue la sua personale tabella di marcia con il professore riabilitatore Domenico Lucchetta. Out, dopo l’intervento al ginocchio, Kone. Il terzo sicuro assente sarà lo squalificato Idda. Per cui in difesa davanti a Perina tre posti su quattro sembrano già assegnati: Capela (al rientro dopo lo stop inflitto dal Giudice sportivo) farà coppia al centro con Monaco mentre a sinistra toccherà a D’Orazio. Sulla corsia di destra è ballottaggio tra Corsi e Bittante: vista l’ondata di critiche social che sta travolgendo nuovamente il capitano, è molto probabile che toccherà all’ex Empoli il quale ha smaltito l’influenza che lo aveva costretto a saltare la sfida di Ascoli all’ultimo momento.

Se in difesa si viaggia verso alcune scelte obbligate, a centrocampo si valuta la possibilità di alcuni cambi nonostante non ci siano molte alternative. Infatti di Broh e Trovato non si trova traccia di un loro utilizzo nell’undici titolare: soltanto 4 presenze, sempre da subentrato, per l’ex Padova; una sola volta in campo, pure lui da subentrato, il giovane scuola Fiorentina. E visto l’infortunio di Kone che è un calciatore offensivo ma utilizzato da Braglia come interno di centrocampo, ecco che per concedere un eventuale turno di riposo a Sciaudone l’unica alternativa sarebbe spostare Kanoute mezzala e rilanciare Greco dall’inizio. Oppure potrebbe toccare proprio all’ex Pescara accomodarsi in panchina, con il solo Bruccini certo di una maglia da titolare. Nel ventaglio delle ipotesi rimane anche quella di non modificare nulla rispetto ad Ascoli.

In avanti sembra esserci un solo dubbio: Baez o Carretta? Questa volta la scelta dovrebbe cadere sull’ex Cremonese con l’uruguayano inizialmente in panchina. Per le altre due maglie che andranno a completare il tridente i favoriti sono Pierini (fa ancora discutere la sua sostituzione domenica scorsa ad Ascoli) e Rivière. Al momento sembra escluso da qualsiasi ballottaggio Litteri il quale, come il capitano Corsi, si è ritrovato stritolato nel tritacarne dei social come fosse lui l’unico colpevole dell’imbarazzante classifica del Cosenza. E fino a quando la “protesta” rimane racchiusa nei canoni della civiltà, può anche starci. Ma nel momento in cui si va oltre ogni limite, dovrebbe essere il club a intervenire. Ma dalle stanze dei bottoni tutto tace…

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Gianfranco
Gianfranco
8 mesi fa

Mi permetto di consigliarvi la lettura di un articolo uscito oggi su iacchite.blog. credo sia una disamina quasi perfetta.

Special One
Special One
8 mesi fa

Bittante un bala, Corsi un serva, Litteri para n eremita, chisà su TROVATO…

Gennaro
Gennaro
8 mesi fa
Reply to  Special One

Ecco perfetto. Gente che gode quando si perde.
D’altronde braglia è stato chiaro: ti si vede solo quando le cose vanno male, mancavi da tre anni.
Cercavo solo di dire all’amico riccardo ed altri utenti, che domani si gioca e forse sarebbe meglio per le prossime ventiquattro ore accantonare le polemiche.

Gennaro
Gennaro
8 mesi fa

Si può anche essere d’essere d’accordo, o meno,sulle deficienze dell’organico o sulle lacune di singoli giocatori. Ma dobbiamo considerare che alla riapertura del mercato mancano sei partite, diciotto punti in palio.
il convento guarasciano al momento questo passa, e non credo che il modo migliore di arrivare a gennaio sia quello di picconare a più riprese e a tutto spiano i nostri giocatori.
nel malaugaratissimo caso che facciamo due punti, IL PRESIDENTE ne potrebbe persino approfittare e cedere qualcuno di quelli buoni.

Special One
Special One
8 mesi fa
Reply to  Gennaro

Assolutamente non verranno picconati, a gennaio tutti i calciatori saranno invitati da me per la classica FRITTOLIATA…

Giggino
Giggino
8 mesi fa
Reply to  Special One

Prepara il morseddu che lo sai cucinare meglio

Riccardo
Riccardo
8 mesi fa

Il vero problema del Cosenza è la difesa, abbiamo bisogno di 2 centrali forti e di un portiere capace nelle uscite, purtroppo Perina è bravo solo tra i pali. Bisogna correre ai ripari a Gennaio. Per la partita con lo Spezia speriamo che Braglia non alteri il centrocampo perché non abbiamo di meglio, Kanoute e company sono validi… Greco o altri assolutamente NO!!

Luca
Luca
8 mesi fa

Perina Bittante Legittimo Capela Monaco Bruccini Kanoute Greco Carretta Riviere Perina.Questa formazione è la più ovvia …genialate di Braglia permettendo….Turno di riposo per Sciaudone…e Litteri nel secondo tempo.Non penso che ha demeritato nel secondo tempo ad Ascoli…vedremo

Luca
Luca
8 mesi fa
Reply to  Luca

Ops Pierini

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "E non dimentichiamoci anche di Massimiliano CATENA."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ero piccola quando era in auge, sentivo i commenti degli adulti che a proposito del suo tiro micidiale dicevano "Rizzo ha ruttu a Rizza"perché fu..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti