Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, soffri di pareggite. Sette segni X e solo due vittorie. Nessuno come i Lupi

La classifica dei Lupi è condizionata dai tanti, troppi pareggi. Molti subiti in rimonta.

Non sono tanto le sconfitte, quanto le vittorie a determinare la classifica di una squadra. Il Cosenza, è vero, ha perso cinque volte in quattordici gare. Ma ad esempio tante ne ha perse anche l’Ascoli e una in più il Pescara, eppure entrambe sono in zona playoff. No, numeri alla mano il problema della squadra rossoblù sono i tanti, troppi pareggi fin qui ottenuti in campionato.

Ben sette in tutto, e in questa classifica particolare il Cosenza è primo in solitaria. Nessuna altra squadra infatti ha ottenuto altrettanti segni X in questo torneo fino a questo punto. Di questi sette pareggi, ben cinque sono caratterizzati dal risultato di 1-1, poi il 2-2 di Trapani e lo 0-0 dell’esordio contro il Crotone.

Ma sorprende anche, dato sottolineato da mister Braglia nel commentare il match con lo Spezia, che il Cosenza spesso si è fatto raggiungere dopo essere passato in vantaggio. In queste sette gare, ben quattro volte i Lupi hanno segnato per primi, contro Venezia, Chievo, Trapani e Spezia, per poi farsi raggiungere.

Chiaro che aver conquistato solamente due vittorie, nessuna peggio del Cosenza nel torneo, è frutto proprio di questo dato. Da sovvertire quanto prima.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Special one
Special one
7 mesi fa

Tu chiamalo se vuoi MISTER X…giocando con tutti gli undici elementi sotto la linea di centrocampo, matematicamente non si può andare oltre il pareggio…mica ci vo na scienza…e non mi parlate di risultati utili consecutivi che fate ridere i polli…Zeman o Delio Rossi subito

salvatore
salvatore
7 mesi fa
Reply to  Special one

è tardi ormai,teniamoci Braglia e incrociamo le dita.I due toui sono vecchi,ci vogliono giovani.

special two
special two
7 mesi fa
Reply to  salvatore

Purtroppo io tutta sta scienza non c’è l’ho. Credo comunque che special one sarebbe un allenatore migliore di Braglia visto che di pallone capisce tutto lui e ne capisce meglio di chiunque.

special one
special one
7 mesi fa
Reply to  special two

Sicuramente meglio di te…senza chiacchiere

Special one
Special one
7 mesi fa
Reply to  special two

I numeri dicono questo…mister x è un Catenacciaro, pertanto si è raccolto quello che si è seminato…vedi Spezia in 10 gli ultimi 25 minuti, zero tiri in porta…o meglio 2 tiri in tutta la partita…ma di cosa stiamo parlando…documentatevi prima di fare commenti da fantancalcio

special one
special one
7 mesi fa
Reply to  special two

Avete raggiunto il vostro obiettivo…visto che continuate a cancellare i miei commenti, educati e civili, da oggi in poi ne scriverò, ne leggerò più il vostro giornaletto da strapazzo…siete l ANTICALCIO in persona…vergognatevi buffoni

Antonello Ferroni
7 mesi fa
Reply to  special one

Gli unici commenti che vengono cancellati sono quelli che possono avere conseguenze a livello giudiziario. Se lei ne ha fatti dovrebbe ringraziarci e non insultare, mi creda. Se non ne ha fatti, è un troll.

salvatore
salvatore
7 mesi fa

ditemi quando abbiamo fatto una vittoria con Braglia senza soffrire,chiara e netta .io non ne ricordo una.

salvatore
salvatore
7 mesi fa

pareggite frutto della mentalità dell’allenatore,meglio 1 sconfitta ed una vittoria che 2 pareggi

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "De Carolis, non andrebbe dimenticato."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ero piccola quando era in auge, sentivo i commenti degli adulti che a proposito del suo tiro micidiale dicevano "Rizzo ha ruttu a Rizza"perché fu..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti