Resta in contatto

Il muro del Tifoso

Fiore esulta con Iemmello e scoppia la polemica. Che ne pensate?

L’ex Cosenza, collaboratore di mister Oddo, tecnico del Perugia, ha abbracciato l’attaccante catanzarese che ha segnato contro i Lupi. Gesto che non è andato giù alla tifoseria rossoblù.

Minuto 18 del match Perugia-Cosenza. Pietro Iemmello, attaccante dei Grifoni, nativo di Catanzaro e storicamente poco simpatico alla tifoseria rossoblù, segna il gol che sblocca il risultato. Corre verso bordo campo e abbraccia Stefano Fiore, collaboratore del tecnico degli umbri Massimo Oddo, ma anche cosentino di nascita e giocatore che ha iniziato e poi terminato la carriera calcistica proprio nei Lupi, e poi anche dirigente del club.

Un gesto che non è decisamente piaciuto ai supporter del Cosenza, che sin da subito hanno espresso il proprio dissenso, anche attraverso i social. Ma proprio Fiore, rispondendo ad una delle varie critiche ricevute su Instagram, ha affermato: “Non devo ne vergognarmi ne giustificarmi per quanto accaduto. Non ho abbracciato un giocatore né un catanzarese ma semplicemente un mio giocatore con tutta la squadra per festeggiare un gol, niente di più e soprattutto nulla nei confronti del Cosenza. Dimenticate quando io sono retrocesso con tanti ragazzini e senza scappare sono rimasto onorando la maglia fino all’ultimo minuto e quando da direttore ho ricostruito una società dalle macerie senza prendere un soldo e senza che nessuno mi dicesse un semplice grazie. Troppo facile ora sparare sentenze attraverso i social”. 

Che ne pensate? Scrivetecelo qui sotto nei commenti.

98 Commenti

98
Lascia un commento

avatar
93 Comment threads
5 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
21 Comment authors
PietroFranco d'andrea ex resp.le settore giovanile cosenfrancesco farinapasquale filiceTonino Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Franco d'andrea ex resp.le settore giovanile cosen
Ospite
Franco d'andrea ex resp.le settore giovanile cosen

Secondo il mio modestissimo parere Fiore ha sbagliato, perché non si esulta in quel modo. Probabilmente si è dimenticato che deve tutto al COSENZA.Non deve dimenticare che una sera, lui è il padre,si presentarono alla tipografia di Mario GUIDO, allora Presidente del settore giovanile e il padre PREGÒ di prendere il figlio Stefano nel settore giovanile. In quell’occasione, il Presidente, che è stato sempre corretto nei riguardi del personale del settore giovanile, gli rispose che se il responsabile del suddetto settore giovanile cioè-(IO) , riteneva valido il ragazzo , non aveva nulla in contrario a tesserato. Io nell”occasione dissi di… Leggi il resto »

francesco farina
Ospite
francesco farina

Stefano è tifoso del Rende

pasquale filice
Ospite
pasquale filice

Caro Stefano , tanto caro ai Cosentini perche’ sei un Cosentino
Figlio di una terra che ti ha dato i natali , figlio di una terra che ti ha fatto crescere calcisticamente , ti ha dato la possibilita’ di esprimerti a vari livelli……si perche’ il Cosenza Calcio non a tutti da questa opportunita’a te la data e proprio per questo il GRAZIE lo devi tu al Cosenza Calcio e poi i Grandi Campioni contro le loro amate ex squadre non hanno mai esultato , ma chiesto scusa abbassando la testa in segno di rispetto e di eterno amore.

Pietro
Ospite
Pietro

Sono sempre dei mercenari

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Scusate se mi permetto, ma Stefano Fiore chi lo ha fatto diventare Cosentino?

Tonino
Ospite
Tonino

Facitimi capì non doveva esultare?Perché?È pagato al Perugia e fa bene ad esultare!Cu sta mentalità cusenza non farà niente!

Rob
Ospite
Rob

Vrigognati e vai fuori …..dal tunnel !!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Capisco che un tesserato debba esultare per la squadra per cui è pagato, ma farlo abbracciando in quel modo il cozzolaru reo anche di quei gesti rivolti alla nostra curva è mancanza di rispetto verso la maglia e verso i tifosi.

ginoX
Ospite
ginoX

Da non credere

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Se veramente ami Cosenza alcuni gesti non riesci a farli…..non c’entra proprio niente la professionalità è solo una questione sentimentale.
Questo gesto mi sa più di vendetta che di altro

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Poteva esultare…Doveva esultare…Ma con ” garbo”….Ha offeso il suo “sangue”….!PUNTO.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

un pò di puzzetta sotto il naso l’ha sempre avuta e talvolta ha mancato di quella umiltà che dovrebbe caratterizzare le persone importanti

Gianluca
Ospite
Gianluca

Ma non si è vergognato: Iemmello ha fatto 12 gol e non ha mai abbracciato al traditore combinazione L amore nasce quando fa gol al Cosenza. Ma ammucciati x sempre fiore appassito e

GB
Ospite
GB

Stefano una bandiera per Cosenza …… è normale che esulti essendo un dipendente di quella società !

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Rimozione foto dalla “hall of fame”, così la penso!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ne penso che nessun tifoso del Cosenza calcio se ne “dimenticherà” ….perché le CORTELLATE al CUORE date da chi hai amato sono INDIMENTICABILI …..

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Solo questione di SOLDINI

Emanuele
Ospite
Emanuele

Abracciare Iemmello ci poteva anche stare ma subito dopo che ti ha fatto l’aquila ntra faccia e’ veramente da peesona che nn vale 2 soldi anche poco professionale e poco rispettoso nei suoi confronti stessi uaminicchiu i 2 sordi

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

FIORE …? Chi ? Ba non so
FORZA LUPI SEMPRE 💙🐺❤️ COMUNQUE e OVUNQUE 👍

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Nu vuammicu tutti quanti

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ecco la risposta.👎

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Io penso che sia una questione di sentire l’affetto x la propria amata città, se non sentì questo amore viscerale allora succede questo. Probabilmente Fiore non sente questo amore nei confronti dei nostri stupendi colori e CITTÀ. personalmente mi ha deluso.

Odisseo
Ospite
Odisseo

Fiore è un opportunista senza dignità, siamo d’accordo.. ma quanti tra questi che commentano e fanno la morale hanno fischiato Garritano ad Ottobre?

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

É un professionista

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ti ho sempre ammirato stefanu si statu na delusione basta

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Uno schifo!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ma cosa giustificate, ha rancore ed acredine verso cosenza, un venale freddo e calcolatore. Ha preso un lauto triennale a fine carriera ed è stato un dirigente sprovveduto, e ricordiamoci che siamo falliti anche x colpa sua. I marulla, urban, simoni…. Secondo voi, avrebbero esultato con uno che esulta facendo l’aquila ?un nemico in più

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Lui conosce il senso del gesto dell’aquila…..stassa cittu

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Doveva contenere l’esultanza punto !!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Per me ha sbagliato.
Una delusione!
Sapeva esattamente quello che faceva, nessuna giustificazione.
Per me, al ritorno, va contestato e fischiato.
In modo civile, ma va contestato più di quell’uominicchio del 9, che non merita venga scritto nemmeno il nome

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Esultanza da evitare completamente per rispetto dei colori della maglia del Cosenza che ha indossato con la fascia da Capitano.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Almeno avere il buon senso di ammettere lo sbaglio compiuto niente anzi innalzare ancora di più i toni rendendosi ancora più ridicolo del gesto compiuto caro Stefano ricorda solo quello che hai scritto sui tuoi documenti di nascita quello non lo puoi cancellare per il resto sei ancora in tempo a rimediare Il Cosenza si ama!!!! Noi Cosentini lo facciamo forse è ora che lo iniziassi a fare anche Tu!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Dignità 0

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Rispetto x chi merita rispetto…. Fiore va passiamo va bellu

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Che se alimentate queste polemiche siete poco professionali!!ps puru ma pocu strunzi

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sinceramente non me ne frega niente perché non guardo le esultanze degli avversari io guardo le nostre il ssiiiuuussss di DS e le capriole di ER ❤💙.. ps Iemme Aru Cu

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Alla fine il Perugia non ha ottenuto una scontata (per loro) vittoria, siamo usciti meglio noi dalla sfida quindi né Iemmello né Fiore Si sono presi alcuna soddisfazione personale anzi stanno ancora rosicando

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Anche i “campioni” con la lettera minuscola hanno…cadute di stile…! Magari la notte non avrà neppure dormito per il pari…! Stefano va ta mmuccia…!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Stefano fiore mi ai deluso, ricordati che sei di cs se non lo vuoi essere fatti a residenza a cacanzaru

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Non mi piace comunque dopo ha masticato amaro.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Signori si nasce . Non si diventa

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Nn lo condanno!! COSENZA nn valorizza ne i suoi giocatori ne gli ex tenetelo presente

Pierpaolo
Ospite
Pierpaolo

Non si deve nè vergognare nè giustificare il Sig. Fiore. Dovrebbe soltanto andare a nascondersi. In virtù di ciò che ha fatto per il Cosenza calcio (almeno stando a quello che dice) era necessario avere più rispetto per la città che gli ha dato i natali. Ci sono giocatori che non esultano dopo aver segnato un gol alla loro ex squadra, figuriamoci come possa sembrar indelicata l’esultanza di Fiore nei confronti del “suo” Cosenza.
Non ci sono parole da aggiungere, ma solo muri dove andare a nascondersi.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Chi delusione Stefano Fio’, si può essere professionisti senza esultare in faccia alla squadra della tua città e di cui sei stato capitano…ad esempio Manolo Mosciaro non lo avrebbe mai fatto 😉

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Noi nn conosciamo cosa succede a Perugia, può darsi che hanno problemi con l’ambiente, con i tifosi, e l’esultanza è dettata solo da uno stato emotivo….. il Cosenza ha giocato una grande partita, i tifosi devono essere contenti di questo….. lasciate stare Stefano Fiore è un grande ed ha dato tutto se stesso per Cosenza ed il CosenzaCalcio…….

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Che nu pisciaturu

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Nu snobbinu i renne!!! Con 2/3 anni che ha fatto parte del cosenza calcio si sente la storia……… ma chini ti canuscia!!!!!! Va bellu vá

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Fiore è stato un grandissimo giocatore.. vestendo la maglia della Nazionale.. x cosenza è stato un vanto.. l’ altra sera nn ha usato il cervello.. bastava andare in tribuna, invece che stare a bordo campo.. dopo nn poteva esimersi d’ abbracciare Iammello.. che di proposito è andato a cercarlo.. il Perugia lo paga.. come detto poteva andare in tribuna.. evitando il tutto

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Se si estrapola dal contesto calcistico inteso come tifo, oggi le squadre di calcio sono delle aziende e come tali fanno risultati sul campo e negli uffici, ora immaginate che il sigmor fiore fosse a capo di una azienda e per motivazioni personali si fosse trasferito ad una altra azienda e uno dei suoi collaboratori avesse ottenuto in buon risultato lavorativo , chiunque avesse “esultato”…. Quando sento parlare di fede calcistica, la fede è solo penso religiosa, ma la squadra di calcio è solo un 11 titolare che va in campo e gioca, pure pagata profumatamente in alcuni casi, fatta… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ma fondamentalmente, a nua chi ninni frica di Stefano fiore? È un tesserato di un’altra squadra, normale che esulti per un gol della sua squadra.

Altro da Il muro del Tifoso