Resta in contatto

Pagelle

Cosenza, il doppio volto di Idda: super da difensore, ma da attaccante…

Il centrale perfetto davanti a Perina ma sotto porta si divora il pareggio nel recupero. Rivière isolato non riceve un solo pallone giocabile, Machach non incide. Senza gioco non si va da nessuna parte. E stavolta l’assistente ha visto il tocco con la mano che l’arbitro aveva ignorato…

PERINA 6 La parata sulla punizione di Forte a inizio partita.

CAPELA 5,5 Il tocco con la mano sui titoli di coda macchia una partita senza particolari errori.

IDDA 6 Una partita perfetta, senza sbavature quando fa il suo mestiere. Il difensore, appunto. Al quinto minuto di recupero si divora un’azione gigantesca che avrebbe portato al pareggio. Ma non è un attaccante.

LEGITTIMO 6 Di azioni pericolose la Juve Stabia non ne crea. E quando ci prova, lui diventa insuperabile.

CORSI 5,5 Un paio di imprecisioni quando c’è da spazzare il pallone, così come nell’occasione a limite dell’area capitata nel finale. Per il resto la solita prestazione tutto cuore: rimane l’anima di questo Cosenza.

BROH 6 Nulla di eccezionale ma rispetto a giovedì si vede di più, si muove bene. Nel girone di ritorno potrebbe essere la sorpresa, magari se avesse l’opportunità di giocare in coppia con Kanoute.

SCIAUDONE 5 Regala il calcio d’angolo dal quale scaturisce il tiro di Cisse fermato da Capela con il braccio. Ingenuità clamorosa che porta il Cosenza alla sconfitta.

D’ORAZIO 6 In fase difensive sfiora la perfezione. Diversi palloni calciati in area, esce stremato. Dal 28’ s.t. LAZAAR 6 Nel recupero confeziona con caparbietà l’assist sul quale né Pierini, e soprattutto Idda non ci arrivano a porta sguarnita.

BAEZ 6 Supera l’uomo con facilità ma sulla precisione nei cross c’è molto da rivedere. Nel secondo tempo si vede poco. Dal 38’ s.t. GRECO S.V. Nemmeno il tempo di entrare in clima partita che arriva il rigore di Forte.

MACHACH 5 Il ragazzo conferma di avere doti tecniche di spessore ma di utile per la squadra non ha fatto praticamente niente. Dal 35’ s.t. PIERINI S.V. In ritardo sul cross di Lazaar in pieno recupero. In campo quando la squadra viene costretta ad arroccarsi dietro la linea del pallone. E in questi casi le sue qualità tecniche vengono imprigionate.

RIVIÈRE 5 Se giocasse in una squadra capace di produrre almeno un paio di azioni a partita, sarebbe in doppia cifra già da un pezzo. Nessuna occasione per fare l’attaccante. Dura quando non c’è una identità di gioco.

BRAGLIA 5 Se pensi soltanto a difenderti prima o poi le prendi. Magari anche per una ingenuità, com’è successo al Menti. E le prendi pure quando sei in superiorità numerica, ma la fortuna di avere un arbitro e un assistente che non vedono il pallone dentro la porta non capita tutte le partite. Anche stavolta l’arbitro non aveva visto il tocco con la mano di Capela m il secondo assistente no…

21 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
21 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

La verità è che non si ci doveva trovare lui lì sul secondo palo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Date colpa a Idda … non abbiamo fatto un tiro in porta!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Infatti è un difensore. Ha fatto bene quello che doveva fare.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

È stato sfortunato, se no, a quest’ora veniva osannato.
Doveva andare così, dopo il capodanno, sia trinchera che il nuovo DG, si concentrassero sul mercato, e portassero a COSENZA gli elementi giusti per dare una mano a questo gruppo.

gianfranco
gianfranco
8 mesi fa

Braglia avevi detto a qualcuno di noi, l’avvocato per fare nomi e cognomi, che avevi capito che qualcuno ti giocava contro. E oggi lo hai schierato di nuovo. Ti ha risposto con una prestazione ….

Artco
Artco
8 mesi fa

Trovate uno con le palle tipo Bisoli se no con questo fifone che trema appena in campo,la C dietro l’angolo,con un attacco come il cosenza va a fare fare brutte figura con squadrette da parrocchia come Stabia e pordenone

Filomena
Filomena
8 mesi fa

Per carita’ mandartelo via questo pauroso,sciò sciò,con lui siamo gia’ in C al 80xcento,e con lui il flagello di Dio sciaudone,non hanno dato un solo pallone a riviere,catenacciaro e piccolo uomo tesori 900 tifosi traditi da una macchietta

Salvatore
Salvatore
8 mesi fa
Reply to  Filomena

Ma va ti fa na zuppa!
E sono uno di quelli che era a Castellammare

Gino
Gino
8 mesi fa

Ma che consiglio di allenatore abbiamo. Un pauroso trasmette insicurezza,sbaglia tutti i cambi va a Stabia per 7n pareggetto davanti a 800 eroi,ma non ha capito che il Cosenza se lo fai giocare,ti fa tre reti a partita,con sciaudone in tribuna si vince,lui causa solo rigori,Brescia,Pescara tante cornetti e punizione letali

gianfranco
gianfranco
8 mesi fa

Oggi si e’ sbagliato tutto:atteggiamento tattico,cambi,gol fatti(era piu’ difficile sbagliarli).
La Juve Stabia ha dimostrato di essere una squadretta,ma noi abboamo gipcato pet un misero pateggio.
Bisogna rimforzare la squadra e cambiare allenatore finche’ si e’ in tempo.

ginoX
ginoX
8 mesi fa

L’allenatore della Juve Stabia alla fine ha inserito 3 punte, 3 ARMADI A 2 ANTE L’UNO, Rossi, Cisse e Forte, dimostrando a tutti di volere a tutti i costi i 3 punti, CON UN ATTACCO FISICO.
Ora mi chiedo come mai noi abbiamo solo attaccanti “piccoli”( si fa per dire)? Anche questa, non è una pecca di costruzione della squadra?

Antonio
Antonio
8 mesi fa

Su risbigliati i tiratori scelti….

ginoX
ginoX
8 mesi fa

Per me Braglia è intoccabile, è un ottimo allenatore, IL MEGLIORE, ma gli rivolgo una domanda. Quest’anno HAI PAURA? PERCHÉ SE HAI PAURA È MEGLIO CHE VAI VIA. TE LO DICO CON GRANDISSIMO AFFETTO, CREDIMI!!
QUELLA DI OGGI È UNA UMILIAZIONE TOTALE, POTEVAMO VINCERLA O ALMENO PROVARCI, COME HA FATTO IL TUO COLLEGA CHE ALLA FINE HA INSERITO 2 PUNTE, ROSSI E CISSE’
ADESSO BASTA,NON SE NE PUÒ PIÙ

Emi
Emi
8 mesi fa

Serie d altro che c chissà è

ginoX
ginoX
8 mesi fa

Adesso bisogna vederci chiaro. È il momento dei resoconti. 800 tifosi fuori e 8 mila in casa ( il doppio di quelli della Juve Stabia) NON POSSONO PIÙ ESSERE UMILIATI COSÌ CON UNA BEFFA AL 90″. Braglia DEVE OSARE, basta spaventarsi, OGGI POTEVAMO TRANQUILLAMENTE VINCERE.Alcuni uomini BISOGNA AVERE IL CORAGGIO DI MANDARLI VIA. Occorrono almeno 4 acquisti importanti tra cui 2 pedine essenziali: UN REGISTA VERO ( quanto ci manchi Palmiero) e UN SIGNOR ATTACCANTE CHE PARLI LA STESSA LINGUA DI RIVIERE. Che pena vedere oggi un buco a centrocampo, e ciò nonostante abbiamo manovrato più degli avversari. Ci sono… Leggi il resto »

SPECIAL ONE
SPECIAL ONE
8 mesi fa

SCIAUDONE, CORSI, D ORAZIO, al presepe vivente di PANETTIERI come figuranti, inguardabili…LAAZAR un sacrilegio tenerlo in panchina, può giocare anche con una sola gamba, Braglia rinunciatario contro una squadra da commedia napoletana…mediocre sei e mediocre resterai…a gennaio serve gente con carattere e con voglia di lottare…dopo Empoli ed oggi dico che serve un all allenatore con la mentalita vincente…

Gianluca
Gianluca
8 mesi fa

Un amaro fine anno: forse meglio così xche bisogna intervenire al mercato di riparazione in maniera decisa in tempo utile. Le 2 vittorie ci avevano illuso e smascherato i problemi della squadra. Ci mancano 5 giocatori di qualità 2 in difesa e centrocampo è una in attacco. Speriamo che non aspettano L ultimo giorno di mercato

Gianfranco
Gianfranco
8 mesi fa

Brutta brutta sconfitta. Contro una squadra nettamente inferiore. Braglia capisce che alcuni remano contro. Sciaudone lo vogliamo sbattere in tribuna?

Angelo
Angelo
8 mesi fa

Non possiamo giocare sempre in 10….ringraziamo con affetto capitan Corsi….non era giocatore da serie c figurati in b…non attacca non difende…non crossa …

Mike
Mike
8 mesi fa

Questa volta concordo in pieno specie su Braglia… Ma i giocatori quelli sono..

Gianfranco
Gianfranco
8 mesi fa

Sciaudone in tribuna

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Pagelle