Resta in contatto

Approfondimenti

Pillon disegna il Cosenza con il 4-3-3: Schiavi titolare e Machach centravanti

Il nuovo allenatore nel corso della seduta tattica al Delmorgine ha cominciato a provare l’undici da opporre al Livorno, dove ritorna da ex

L’avventura di Bepi Pillon sulla panchina del Cosenza, comincia da Livorno. E per lui si tratterà di un ritorno da avversario all’Armando Picchi dove ha allenato gli amaranto nella stagione 2010-2011. Sabato pomeriggio, fischio d’inizio alle ore 15, si gioca infatti per la 24ª giornata del campionato di Serie B, la quinta del girone di ritorno. E il tecnico treviagiano comincia dal 4-3-3, modulo che Braglia ha utilizzato soltanto per una parte della stagione.

Con Perina che torna tra i pali dopo la squalifica, la novità è l’utilizzo di Schiavi centrale al fianco di Idda. Monaco fermo per squalifica, rimane in lizza Capela. Per quanto riguarda gli esterni, dove c’è grande abbondanza, sono stati provati Casasola a destra e D’Orazio a sinistra. In organico ci sono anche Corsi e Bittante da una parte, Lazaar e Legittimo (ancora alle prese con le noie muscolari al quadricipite).

A centrocampo si rivede il trio formato da Bruccini, Kanoute (Pillon lo ha già allenato a Pescara) e Sciaudone. In avanti spazio al tridente leggero con Carretta e Pierini sugli esterni mentre Machach è stato provato da centravanti. Il classico falso nueve. Occhio però ad Asencio, il quale potrebbe recuperare dalla distorsione alla caviglia che si è procurato dopo i primi minuti di gioco lunedì sera contro il Benevento.

29 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
29 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Era ora

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Pierini no

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Speriamo che ci sia uno scossone.Forza lupi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Bravo mister.. vediamo i calciatori all’opera….poi valutiamo bene il problema dov’era?♥️💙

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Dai che possiamo ancora salvarci se iniziamo con un bel filotto di 3-4 vittorie di fila !

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Speriamo bene. Forza Lupi sempre ❤💙🐺

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Questo sta ai signori che indossano la maglia rosso blu adesso tocca alloro nn ci sono scuse. Mister Braglia se l’anno tolto davanti adesso vediamo quanto valgono.

Guly
Guly
7 mesi fa

Si Pierini un signa nu mangiamu!

Gennaro
Gennaro
7 mesi fa

Mi interesserebbe sapere il commento di special one

SPECIAL ONE
SPECIAL ONE
7 mesi fa
Reply to  Gennaro

Ciao Gennaro è cambiato il regista ma i figuranti restano sempre quelli, soprattutto in difesa dove ogni pallone che entra è un pericolo…come già detto,confido molto in Pillon allenatore capace è preparato, il quale sicuramente darà una scossa a questa squadra che in parte è ancora viva…se poi giocatori come Riviere, Laazar, Machach, che hanno grandi qualità, stanno bene, penso che l’obiettivo minimo dello spareggio possa essere raggiunto, e con un po di fortuna anche la salvezza diretta.

eugenio
eugenio
7 mesi fa
Reply to  SPECIAL ONE

scusami ma se un giorno dovessimo giocare con Perina, Casasola, Idda, Schiavi e Legittimo (in difesa) Carretta, Bruccini, Kanoutè e Lazaar (a centrocampo) Riviere ed Asencio (in attacco) quindi un equilibratissimo 4-4-2 in non possesso e 4-2-4 in possesso palla qualche risultato dovrà pur arrivare o no? possiamo fare peggio di quanto fatto finora? non credo

Pippo
Pippo
7 mesi fa
Reply to  eugenio

Eugenio, Mi piace questa formazione.. bravooo..

Gianluca
Gianluca
7 mesi fa
Reply to  SPECIAL ONE

Se lo dice lui é garantito. Ha studiato a coverciano.

Luca
Luca
7 mesi fa

Ho letto la lettera aperta a Mister Braglia scritta da un Certo Giulio Bruno… Caro Giulio la lettera che hai scritto un tena ne capu e ne cuda, scritta per giustificare e attaccare la barracca societaria che è il Cosenza Calcio 1914… È vero che è stato un inizio campionato ammuzzedrato a stizzichi e a muzzichi senza giocatori e una preparazione atletica tardiva. È vero ca Guarascio un capisce ne di palluni e ne di stiriddru, ca credo ca simu tutti daccordo… Però su passati 7 mesi e in qualche modo la squadra è stata composta e integrata con ottimi… Leggi il resto »

Paolo
Paolo
7 mesi fa

Vorrei sapere se Occhiuzzi fa sempre il secondo?.

Luca
Luca
7 mesi fa

Si minta D’Orazio e Corsi simu ruvinati ma seriamente, spero ca i tena legati ara panchina finu ara fine…. Bittante e Lazaar Please!!

Saverio
Saverio
7 mesi fa

Tra pillon e braglia per me buanu Pillon
Braglia e da serie C.
Io lo dicevo da tanto tempo che bisognava cambiare allenatore siccome ce gente che di calcio non ne capisce cominciando dalla società . Poi finalmente Gargamella ha capito allore adesso vedete come noi ci salveremo. Ma velo chiedete perché il Benevento è primo? pensateci un po….

Luca
Luca
7 mesi fa

I giocatori quelli sono…. l’importante è che tolgano gli attributi

Aldo
Aldo
7 mesi fa

Mo annavota Braglia è nu dilettante, Paulù ti vedevo gridare Piero Braglia eeeee Piero Braglia ooooo Piero Braglia eeeeeee Piero Braglia alé alé… U cusentino e così, cumu a canna, dove tira il vento va.. Tutti priiissuri siti fatti

Paolo
Paolo
7 mesi fa

Invito tutti ad andare a vedere gli allenamenti di mister Pillon … così vedranno la differenza tra professionisti e dilettanti allo sbaraglio … tra serie A/B e gli specialisti della serie C … andate a VEDERE… E apprezzate chi lavora con quello che ha senza LAMENTARSI

innocenzo palazzo
innocenzo palazzo
7 mesi fa
Reply to  Paolo

e cosa fa in particolare

eugenio
eugenio
7 mesi fa

ha ridisegnato completamente le sedute di allenamento riportandole agli standard classici con una equa e logica ripartizione fra la preparazione fisico-atletico e l’aspetto tecnico-tattico, creando estremo interesse anche verso i numerosi tifosi presenti che seguono l’allenamento in religioso silenzio.
Sembra essere ritornati indietro di qualche anno… in fondo gallina vecchia fa buon brodo…speriamo solo di non essere in ritardo per l’obiettivo salvezza.

Franco
Franco
7 mesi fa
Reply to  eugenio

È normale che deve cambiare il metodo di allenamento è subentrato e ha necessità di conoscere subito le caratteristiche dei suoi giocatori…nn inventate favole cu mezza jurnata ca è a cusenza mo ha rivoluzionato già u munnu

giuseppe
giuseppe
7 mesi fa
Reply to  Paolo

Se le partite fossero durate 10′ in meno saremmo a metà classifica.Il problema era anche e soprattuuto la prep.atl..I giocatori con Pincente non davano probab. il max. perchè c’era confidenza e B. vedeva e non diceva niente fregandosene,tanto sapeva che la sua avventura aCS era agli sgoccioli.

eugenio
eugenio
7 mesi fa
Reply to  giuseppe

anche se ci fossimo accontentati del pareggio (Ascoli-Salerno-Pescara ed altre ancora) in tante occasioni ora stavamo in altra posizione di classifica la dimostrazione è l’ultima gara con il Benevento al quale un punto stava benissimo, si è detto questa la dobbiamo vincere assolutamente (errore gravissimo) tu ti devi salvare sarebbe stato sufficiente proporre un 4-5-1 molto corto, attendere il Benevento (squadra fortissima o no Braglia?) nella propria metà campo invece noi ce la giochiamo alla pari con uno spudorato 4-3-3…ricordiamoci sempre che sul terreno di gioco si sono pure gli avversari…….

Pino
Pino
7 mesi fa

Baez???????????????????

Sasa'
Sasa'
7 mesi fa

Scusate non sapevo che asencio era infortunato

Sasa'
Sasa'
7 mesi fa

Maschach centravanti e poi dicono che vogliono salvarsi

Toni
Toni
7 mesi fa
Reply to  Sasa'

Ma se altri nn ce ne sono, addi fa ioca nu prima era sinno

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti