Resta in contatto

Approfondimenti

Ex Cosenza, i ricordi rossoblu di Margiotta: “Mi sarebbe piaciuto rimanere anche in Serie B”

Nel corso nella trasmissione Soccer Night ha parlato l’ex attaccante dei rossoblu protagonista della promozione in serie cadetta del 1998.

Una stagione da protagonista che servì da trampolino verso il grande calcio, che lo portò ad indossare anche la maglia dell’Under 21 prima di scegliere di giocare per il Venezuela. Massimo Margiotta arrivò a Cosenza nell’estate del 1997 con l’ingrato compito di sostituire Gigi Marulla dopo una cocente retrocessione: “Ricevetti una chiamata dal direttore Castagnini e decisi di venire a Cosenza, sono stato gratificato ed è stata una stagione indimenticabile”.

Un gruppo guidato sapientemente da Giuliano Sonzogni che dominò il campionato di Serie C: “Logarzo era il capitano, insieme a Mazzoli erano rimasti dalla B, poi sono arrivati giocatori come Bega e un personaggio che con la sua esuberanza riuscì a darci una grossa mano nello spogliatoio come Salvatore Soviero. Ma c’erano tanti giocatori importanti da Paschetta ad Apa che mi aiutarono tanto nell’inserimento. Era una squadra  forte che ha rispettato le aspettative della piazza e della società”.

A fine stagione non solo arrivò la promozione in Serie B ma anche il titolo di capocannoniere: “Io vivevo per il gol, la mia forza è stata sempre quella. Dopo l’esperienza di Pescara al fianco di Carnevale sono arrivato pronto in una piazza con una storia e delle esigenze. Puntare su di un’attaccante che non aveva un vero e proprio campionato sulle spalle fu una scommessa importante fortunatamente vinta”.

L’avventura in riva al Crati durò una sola stagione: “Mi sarebbe piaciuto continuare la mia avventura a Cosenza, però il Pescara fece altre scelte, arrivò un’offerta importante dal Lecce e andai lì”.

Dopo l’esperienza a Lecce, Margiotta vesti anche le maglie di Reggiana, Udinese, Vicenza, Perugia, Frosinone e Barletta, dopo il ritiro una nuova vita come responsabile del Settore Giovanile: “Stavo concludendo la mia terza stagione come responsabile del settore giovanile del Verona, dopo aver iniziato a Vicenza, cerco di essere un amico per i ragazzi e aiutarli a dargli qualche consiglio per quando affronteranno il calcio dei grandi”.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti