Resta in contatto

News

Coronavirus, l’augurio di Legrottaglie: “Che il calcio dia un segnale di speranza”

L’allenatore del Pescara, noto per la sua fede evangelica, non è rimasto insensibile all’emergenza in atto causata dalla pandemia

Nicola Legrottaglie, 44 anni da compiere il prossimo 20 ottobre, è l’allenatore del Pescara subentrato a Luciano Zauri direttamente dalla panchina della formazione Primavera. L’ex difensore della Juventus è molto conosciuto anche per la sua fede evangelica. Da calciatore era uno degli Atleti di Cristo. Si è inserito anche lui nel dibattito di questi giorni, sulla possibilità o meno di tornare in campo. Decisione che condivide ma a patto “che il calcio dia un segnale di speranza. Il calcio – ha sottolineato sulle colonne del Corriere dello Sport – non è solo il campo ma ha dimensioni diverse. È anche vita”.

L’allenatore del Pescara ha aggiunto. “Dipende qual è la motivazione per cui si ripartirà. Se riguarda la vita, se si tratta di un incoraggiamento al popolo per uscire fuori da questa situazione, allora va bene. Nel caso il calciatore potrebbe diventare quel modello positivo di cui tanto si parla, lanciando un messaggio di speranza per ricominciare a vivere”. Lo stesso Legrottaglie sul quotidiano sportivo romano, ha anche precisato. “Non è che dopo due mesi riattacchi la spina ed è tutto come prima: tutti hanno una famiglia, c’è la salute da salvaguardare, ci sarebbero riserve mentali”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "

Non dimentichiamo che ha giocato con il Cagliari ed è stato l'artefice principale della promozione dalla B alla massima serie. Quando espletavo il..."

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Cavalli di raazza!!!Difficili ripetersi.Purtroppo per noi che siamo attaccati da anni (io da 60!) a questi splendidi colori!!!"

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Un insegnante di calcio."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News