Resta in contatto

Approfondimenti

Il Cosenza fa il tifo per la riforma grazie alla quale blinderebbe la Serie B

Il rinvio del Consiglio federale sta mettendo in subbuglio il mondo del calcio. E si fanno largo tante ipotesi, su tutte quella di un campionato cadetto allargato…

Stop al Consiglio federale. Che non è una riunione di condominio rinviata a data da destinarsi. Ma questa storia che venerdì la federazione calcistica non si riunisca, apre un dibattito dal quale emergono tante voci. E non per ultima quella dell’ipotetica Serie B a 40 squadre, divisa in due gironi. Ad alimentare questi passaparola, sono proprio le prime righe del comunicato stampa diffuso dalla Figc. Da rileggere, prego: “Con riferimento all’ipotesi di riforma dei campionati, in particolare sulla Serie C, circolata nelle ultime ore su alcuni organi di informazione e sui social media, la FIGC precisa che nel tavolo di confronto istituito dal presidente Gabriele Gravina con tutte le componenti federali lo scorso gennaio, sono stati discussi diversi scenari, ma i lavori si sono interrotti a causa dell’emergenza da Covid-19.

Riforma dei campionati. Che sia giunto il momento decisivo? Lo vedremo nei prossimi giorni. Chiaramente dovesse prendere corpo questa ipotesi della Serie B allargata, il Cosenza ne diventerebbe il primo accanito sostenitore. Ciò garantirebbe un’altra stagione nella seconda serie, nonostante il pessimo campionato disputato finora che vede la formazione rossoblu al penultimo posto, anche se con dieci partite da giocare. Si vedrà.

Intanto dalle stanze dei bottoni cominciano a filtrare le prime indiscrezioni. Serie B a 40 squadre, appunto, con due gironi da 20. Domanda d’obbligo: ma nella Serie C attuale, ci sono 20 società in grado di iscriversi al campionato cadetto? Sembra davvero complicato. E allora spuntano altre ipotesi: due gironi da 16 squadre, per una Serie B a 32. Oppure due da 18, per un campionato a 36 squadre. Voci. Soltanto voci, al momento. Ma evidentemente la pandemia da Covid-19 cambierà molte cose. Magari anche la Serie B.

24 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
24 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Prega prega ca fannu a riforma..e caccia a pila!😬

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Come arrampicarsi sugli specchi…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Solo così ci salviamo

Fabio
Fabio
2 mesi fa

Io farei due gironi da 20 squadre inserire A così saremo promossi in A…. ahahahah, ma non diciamo caz…

Maikol
Maikol
2 mesi fa

Ma non sperate in cose irrealizzabili perché poi ci rimarrete male, hanno allestito una squadra scarsa, se qualcuno buono c’e magari è mezzo rotto .meritiamo il posto che abbiamo ,in attesa di un cambio serio al vertice altrimenti non avremo più delle soddisfazioni sportive.

pasquale filice
pasquale filice
2 mesi fa

Guara’ cu ra pila tua e ra capu mia eravamo gia’ in serie A. Tagliati i capiddri ca t’ossigena u cirviaddru . Chissa’ forra a vota bona ca cacci a pila. Preside’ se lei crede in questo proggetto del calcio a Cosenza deve investire di piu’. Forse a lei non e chiara una cosa : la provincia di Cosenza ha una densita’ abitativa di ottocentomila abitanti e con questa sete di calcio che abbiamo lei in serie A ogni domenica avrebbe ventiquattromila spettatori fissi ogni domenica . Non riesco a capire il perche’ non si punti a realizzare un progetto… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Siamo sicuri che siamo su tifo Cosenza o tiro Cosenza iativi curcati tagliaturi e tiraturi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Si ma non ti cullare, comincia a programmare una campagna acquisti immediata NON come hai fatto l’anno scorso! Perché io non voglio più soffrire come quest’anno! La salvezza deve essere conquistata e garantita nei tempi giusti senza sofferenza!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Se non si adeguano i costi, l’unica soluzione è due gironi da 16. Non esistono 40 squadre così economicamente stabili, già alcune di serie B stanno traballando…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Questo format ebbe il suo inizio nel 1998 allora si chiamava C2, e durò fino a 6 anni fa, 2014, poi abolito per una riforma che riportò la serie C a come la conosciamo oggi.
Quindi, riproporlo oggi con la serie B, mi sembra inappropriato.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Se quest’anno (volesse la Madonna) si scappotta dalla serie C senza aver speso un euro e ccu ri seggiolini ca li su puru rimasti nuavi nuavi, tena cchiu culu di Gastone!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Oi guara’ tu sei fortunatu . se cacci nu pocu a pila con stu” culu noi saglimmu in serie A….

giovanni
giovanni
2 mesi fa

Credo che la cosa migliore sia stabilire due gironi di serie B a sedici squadre .Subito una serie A a venti squadre e nei prossimi anni ridotta a 18 squadre .I motivi mi sembrano evidenti .Molte città meridionali non ce la fanno ad allestire squadre competitive .Città importanti come Messina Catania Taranto e molte altre da troppo tempo sono relegate nelle serie inferiori .Una serie B con due gironi di 16 squadre darebbe le giuste chances a molte di loro .Una serie A a 18 squadre darebbe delle possibilità a molte squadre di vincere una coppa europea .Da troppi anni… Leggi il resto »

Rino
Rino
2 mesi fa

Sono uno sportivo della provincia , spesso ho visto partite in casa e fuori del Cosenza ; devo dire che 8/10 000 in casa e mai meno di 700 fuori sono numeri che non hanno squadre o citta’ blasonate nemmeno in serie A !! Peccato che non si punti seriamente in alto ; ricordo il Benevento a Cosenza di recente : 100 tifosi … primi in classifica ; se il Cosenza fosse stato primo a parti inverse , a Benevento sarebbero andati in 15000 come fu a Pescara o a Lecce … e’ davvero un peccato !!

Raffaele giudice ultras
Raffaele giudice ultras
2 mesi fa

Presideee’ u 1 giugno tagliamuni i capiddri , poi programmiamo seriamente, caccia a pila , Trinchera mannalu a coglia cicoria a Lecce e w Lupiiii … il resto lo faremo noi come sempre , parranu i serie A cu 3000 tifosi ari stadi , e 150 fuori !!! E noi allora??? Putimu fa a champions👀👌

Roberto
Roberto
2 mesi fa

Intanto in serie B non fallisce nessuno e poi i due gironi non dovranno per forza essere sud e nord !

Giuseppe anni 80
Giuseppe anni 80
2 mesi fa

A A A cercasi un presidente : programmi ambizioni certezze o ara casa , tifoseria presente ovunque ,in massa , pretende rispetto

Marco
Marco
2 mesi fa

Salve sara ‘ probabilmente con 2 gironi da 16 o da 18 la B : impareremo qualcosa da tutto questo ? Dal presidente ai tifosi? E’ tempo di unione , in tutti i sensi … w Lupi 💪🏻

Gigi
Gigi
2 mesi fa

Gargamella e’ culutu ! Tutto calcolato … anno prossimo torna “ Ara risparmi e cumparisci” mah …

Donato
Donato
2 mesi fa

Su 2 misi ca vi dicimu che il format sara’ allargato per ovvie ragioni ! Bella scoperta … trattasi di scelta obbligata ! Lupi ancora in B , nonostante i danni fatti da 1 presidente assente e non tifoso … speriamo impari !!

ginoX
ginoX
2 mesi fa

Ovviamente faremmo parte del girone centro-meridionale, niente più sfide affascinanti tra squadre del Sud e squadre del Nord. Il girone meridionale ci darà l’impressione di essere di nuovo in C e, con il livello tecnico che si abbassa, saremo effettivamente in C. Certo, questa riforma è un tentativo di salvare capra e cavoli, con un occhio all’economia, tra l’altro eliminando costose trasferte, e poi molti giocatori di C avrebbero la possibilità di mettersi in vetrina in categoria superiore, di fa per dire. Però il fascino della B perderebbe parecchio e anche la A non avrebbe più un serbatoio adeguato di… Leggi il resto »

Rob
Rob
2 mesi fa

Con tutte le squadre che falliranno il cosenza in ogni caso il prox anno sarà in serie B

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "De Carolis, non andrebbe dimenticato."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ero piccola quando era in auge, sentivo i commenti degli adulti che a proposito del suo tiro micidiale dicevano "Rizzo ha ruttu a Rizza"perché fu..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti