Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, la sfida continua: Occhiuzzi invita tutti a non mollare

Dopo il k.o. con l’Ascoli il giovane allenatore guarda al futuro: “Proveremo a uscirne in tutti i modi. Non c’era da esaltarsi prima, né da buttarsi giù ora”

Prima sconfitta per Occhiuzzi da quando è diventato allenatore del Cosenza. Dopo due vittorie e un pareggio è arrivato il pesante k.o. casalingo con l’Ascoli, nella partita valevole per la 32ª giornata del campionato di Serie B. Una battuta d’arresto che il giovane tecnico rossoblu ha così commentato: “Abbiamo pagato a caro prezzo un’ingenuità. Sapevamo di poter soffrire su queste situazioni di gioco. Ci sono ancora diverse partite, non ci diamo assolutamente per spacciati. Ogni passo falso – si legge sul sito del club – purtroppo fa male, dobbiamo cercare di non farci condizionare troppo mettendoci tutta la nostra cattiveria. La squadra deve rimanere concentrata, senza cali di pressione”.

Che non fosse una passeggiata lo sapevano tutti. Che servisse qualcosa di speciale lo diceva la classifica. Ma Occhiuzzi non è tipo che molla facilmente. Ci sono da giocare ancora sei partite e nella parte bassa della classifica c’è un traffico pazzesco. Bisogna provarci e, ovviamente, mantenere la calma. “Proveremo a uscirne in tutti i modi e alla fine tireremo le somme. Non possiamo più permetterci di sbagliare. Ai ragazzi non posso rimproverare nulla perché hanno dato tutto. Non abbiamo sfruttato bene alcune occasioni. Non c’era da esaltarsi prima né da buttarsi giù ora. Turnover? Non lo definirei così. Ha giocato chi era nelle migliori condizioni”, ha concluso l’allenatore del Cosenza.

26 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
26 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Massimiliano
Massimiliano
30 giorni fa

Occhiù vati fa na zuppa puru tu. Tutti si risvegliano allenatori. Un ci a faciannu a sta all’impiadì e prima sostituzione al 67. Va mina a zappa puru tu insieme a gargamella, a trinchetto e a ssu gruppi di mercenari.

Luca 2
Luca 2
1 mese fa

Qua non si tratta di guardare le altre..si tratta di guardare in casa tua.Occhiuzzi parla di cattiveria..se così fosse stato dovevano mangiarsi pure l’erba ieri.Non fate sempre i tifosi buoni del cavolo…poco fa i calciatori erano a brindare al mare in un lido e noi dovremmo dirgli pure “tranquilli che non è successo nulla”.Il primo a non essere grintoso e arrabbiato è proprio Occhiuzzi.Ieri vedeva la sua squadra passeggiare in campo e se ne stava tranquillo ad osservare.Mai sentito un urlo a differenza di Dionigi che gli ha rotto le palle per tutta la partita….VERGOGNA!

Giuseppe
Giuseppe
1 mese fa
Reply to  Luca 2

concordo con te.. anche con la partita del Trapani in casa, solo un miracolo ci ha fatto pareggiare al 95mo…a quest’ora eravamo più vicini al Livorno….. altroché parlare delle altre squadre… un’altra sconfitta e anche gli ultimi reduci….apriranno gli occhi…

Giuliano
Giuliano
1 mese fa

Sono di Crotone e spero che il Cosenza si salvi. Non dovete perdere la speranza…. con due vittorie si stravolge nuovamente la classifica…. e poi… le altre non “volano”….

Pino
Pino
1 mese fa
Reply to  Giuliano

Grande commento ✌️

Tonino
Tonino
30 giorni fa
Reply to  Giuliano

Onorate la Calabria in A. Per noi ancora mediocrità e serie C.

Emy milano
Emy milano
30 giorni fa
Reply to  Giuliano

Grande Giuliano e grande Crotone speriamo bene sto Cosenza ci fa soffrire

Baldo
Baldo
1 mese fa

E tiraturi brutti ancora non è finita …andata a guardare il calendario dell Ascoli,Venezia,juve Stabia,cremonese.,trapani….chi non ci crede non se lo guardasse più il Cosenza …siete la rovina di Cosenza voi che scrivete sempre in negativo….

Giovanni
Giovanni
1 mese fa
Reply to  Baldo

Giusto… Il nostro calendario rispetto alle altre è molto meglio…. Io ci credo ancora

Giuseppe
Giuseppe
1 mese fa
Reply to  Baldo

ma smettiamola di prendere in giro la gente di Cosenza… ho visto le altre squadre, La Cremonese gioca, il Trapani vola (8 partite utili consecutive) l’Ascoli con i giocatori titolari che sono ritornati dagli infortuni va, mancano 6 partite (18 punti in palio) di cui 3 bisogna toglierle perché è il ritardo del Cosenza con le altre squadre già attualmente salve, ne rimangono 3… ( Il Cosenza dovrà vincere tutte e 6).. e le altre squadre nelle 6 rimanenti partite dovrebbero perdere o pareggiare in casa… visto la squadra che abbiamo, è più facile vincere 6 numeri al superenalotto…

Massimiliano
Massimiliano
1 mese fa
Reply to  Baldo

Giustamente chi guarda in faccia la realtà è la rovina del cosenza…nn una società assente (che da ultimo si è tenuta la designazione di abattista senza fiatare..e regolarmente ci mancano almeno o 2 rigori netti..), incompetente e persino offensiva e sprezzante verso la città…continuiamo così che nn passa tempo che torniamo a giocare ad adrano…mah…

Roberto
Roberto
1 mese fa
Reply to  Baldo

Concordo pienamente

ginoX
ginoX
1 mese fa

A inizio secondo tempo l’Ascoli ha cominciato a giocare, noi dopo aver speso di più, eravamo sulle gambe. L’Ascoli ha avuto un paio di occasioni clamorose e, come si dice, il gol era nell’aria. È a quel punto, quando suona il campanello d’allarme, che il tecnico DEVE intervenire, anche perché molti dei nostri erano stanchi. Ma nessun cambio, neppure con 2 centrocampisti ammoniti. Nel professionismo alla fine si paga tutto. Si pagano i presidenti improvvisati, gli allenatori improvvisati e i centrocampi improvvisati come appunto quello di ieri: mi dite chi era il regista ieri? Sciaudone (mezzala)? Prezioso ( incontrista)? Chi… Leggi il resto »

Francesco Scalercio
Francesco Scalercio
1 mese fa
Reply to  ginoX

Chi imposta l’azione chi detta i ritmi chi mette ordine chi, aggiungo, spezza l’azione avversaria non l’abbiamo mai avuto quest’anno. Non solo da ieri. Eppoi aggiungo, capisco il budget scarno ma, per esempio, schiavi con noi gioca gratis? Greco è venuto gratis?

ginoX
ginoX
1 mese fa

Vero

Gluca
Gluca
1 mese fa
Reply to  ginoX

Analisi perfetta: bravo. Sottolineerei i 2 ammoniti di centrocampo che avevano paura di fare falli andavano sostituiti. Però dico che ancora c è speranza. Vincere con lo spezia aprirebbe scenari inimmaginabili.
P.s notte in bianco pensando ad un nuovo campionato in c.

ginoX
ginoX
1 mese fa
Reply to  Gluca

👍

Giovanni
Giovanni
1 mese fa

Non prendetemi per pazzo, ma fino a quando la matematica non mi dice che è finita, io ci credo….

Piero C
Piero C
1 mese fa

Centrocampo assente e con kanoutè in meno. Nessuna colpa a Roberto! Ma a chi ha fatto la squadra ai tempi! La speranza è l’ultima a morire.

Giovanni
Giovanni
1 mese fa

Secondo me nulla ancora è perduto, fino a quando non ci sarà la matematica…. Ieri la squadra ha creato e giocato, loro devono ringraziare il loro portiere in giornata di grazia. Abbiamo ancora tre partite in casa delle quali 2 con squadre forse già matematiche di salvezza e forse di play off acquisiti, e una con la Juve Stabia che è in caduta libera…idem per le partite in trasferta… Secondo me possiamo ancora farcela…

Non importa il nome
Non importa il nome
1 mese fa

Le scelte sbagliate e gli errori si pagano a caro prezzo!Anche con gli interessi!!!

pasquale filice
pasquale filice
1 mese fa

Ma come fai a far giocare giocatori che non sono amalgamati fra di loro a cosa serve il tour over si simu stati tri misi fermi.
E che diamine , ma fai giocare chi ti ha fatto vincere le prime due partite e insisti su quegli uomini.
Robe’ mannaia a tia , si nu guagliuni spiartu e jamu ja.

Gennaro
Gennaro
1 mese fa

Mi deve spiegare Occhiuzzi perché ha fatto giocare quel bidone di Monaco invece di Schiavi

Special One
Special One
1 mese fa

Nella vita ognuno deve fare il proprio mestiere…per ottenere i propri risultati, non bisogna improvvisarsi…è pur vero che i professionisti costano, ma un lavoro fatto da un incompetente ti può costare il doppio…

Massimiliano
Massimiliano
1 mese fa

Purtroppo ormai questa è stata la mazzata psicologica finale..a occhiuzzi sono molto affezionato, ma non era cosa sua (probabilmente quasi nessuno ci sarebbe riuscito) far rendere una squadra assortita male e probabilmente anche con uno spogliatoio turbolento. Cominciamo a programmare la C con una società diversa e attori diversi. Guarascio vendi il Cosenza! Direi che ci hai fatto abbastanza…ora basta! Il Cosenza ai cosentini!

Massimiliano
Massimiliano
1 mese fa

Robertì anche tu il giorno prima in conferenza ti vanti di avere la fortuna di un organico completo che sta bene fisicamente e mentalmente, e il giorno dopo ti presenti con Dorazio titolare e i primi cambi li fai al 62esimo dopo l’1a0 quando c’erano già giocatori che respiravano a bocca aperta da circa 10 min..Per poi non parlare dei cambi.. Mi dispiace ma visto che ti sei preso questa responsabilità pesante di ereditare una banda da “festa patronale” allora è il caso che anche tu forse dopo la partita di ieri dovrai sentirti un minimo sulla coscienza la retrocessione..… Leggi il resto »

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "E non dimentichiamoci anche di Massimiliano CATENA."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ero piccola quando era in auge, sentivo i commenti degli adulti che a proposito del suo tiro micidiale dicevano "Rizzo ha ruttu a Rizza"perché fu..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti