Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, l’affidabilità e la duttilità di Baez punti fermi per Occhiuzzi

L’attaccante uruguayano si conferma calciatore imprescindibile nello scacchiere del giovane allenatore rossoblu. Dal post lockdown la svolta, la conferma contro la Vibonese

Per Jaime Baez è come se non ci fosse stata nessuna sosta. Lo avevamo lasciato indiscusso protagonista dell’impresa salvezza del Cosenza, lo abbiamo ritrovato come punto di riferimento dello scacchiere tattico di Roberto Occhiuzzi. Nel corso delle dieci partite del post lockdown l’attaccante, grazie soprattutto al fatto che l’allenatore lo ha messo nelle condizioni di giocare nel suo ruolo, ha dimostrato che lì davanti può fare male da qualsiasi posizione. Esterno offensivo nel 3-4-3 ma una vera e propria mina vagante nel ruolo di trequartista nel 3-4-1-2. E infatti è proprio in quel ruolo che viene utilizzato ma con la libertà di potersi muovere liberamente sul fronte offensivo. Il risultato sono stati i gol e gli assist.

Nell’amichevole di sabato con la Vibonese è sembrato che per lui non c’è stata nessuna sosta. Si è rivisto il Baez affidabile e duttile che si annuncia punto fermo dell’undici rossoblu. Se proprio vogliamo segnalare una novità, è il numero di maglia: non più la “sua” 32 ma ha giocato con la numero 11 lasciata in eredità da D’Orazio. Una pura causalità, oppure nel campionato di Serie B 2020-2021 gli vedremo sfoggiare la 11. Oltre al gol su assist di Sacko, il calciatore uruguayano fino a quando è rimasto in campo ha giocato dappertutto. Ha cominciato da trequartista alle spalle della coppia CarrettaLitteri, spesso si allargato sulla corsia sinistra per agire da attaccante esterno ed è proprio da quella posizione che è arrivato il gol. Con i cambi dei giovani Sueva e De Angelis ha prima giocato da esterno di centrocampo a sinistra, poi a destra. Infine la seconda punta al fianco di Moreo.

Per Jaime Baez, 25 anni compiuti lo scorso 25 aprile, quello che sta per cominciare si annuncia come l’anno della sua consacrazione definitiva. Già diversi club, la Salernitana su tutte, gli hanno messo gli occhi addosso. Ma l’uruguayano ha un contratto fino al 30 giugno 2022 e Guarascio ha fatto sapere chiaramente che non ha nessuno intenzione di priversene.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
tonino turano
tonino turano
7 giorni fa

Elemento prezioso per lo schacchiere rossoblù.E’ un campione.Li ricordate i due gols in contrpiede:nessuno è riuscito a fermarlo con una partenza da centro campo da campione ha seminato tutti gli avversari.Forza Campione!

Fabio
Fabio
7 giorni fa

e’ l’unico di categoria superiore rimasto dei 4 dell’anno scorso. Se quest’anno la squadra non fa un campionato almeno da playoff, dubito che rinnovi.

Cicciuzzu
Cicciuzzu
7 giorni fa

Guarà ti raccomando fattu fuia cumu a fattu cu Okereke, Embalo e compagnia bella a capì

tonino l'africano
tonino l'africano
7 giorni fa

a natale allunga di altri 2 anni. stat a senta

Dodo'
Dodo'
7 giorni fa

Sara il ns salvadanaio per fare cassa nel 2021 quando dovremmo fare il mercato della serie A. ✌️✌️

ginoX
ginoX
7 giorni fa

Stravedo per Baez, un giocatore straordinario, che merita davvero grandi palcoscenici. Lui è stato il segreto della salvezza: tecnica sudamericana, impegno massimo, gol spettacolari. Questo è stato un vero colpo di Trinchera. Teniamocelo stretto, se fossi un DS di squadre importanti ci farei più di un pensierino

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti