Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, il passo in avanti è sulla mentalità che Occhiuzzi ha trasferito ai calciatori

Un altro tassello positivo che fa pendant con l’identità di squadra: passo in avanti in quel percorso di crescita di cui parla sempre l’allenatore. Ma contro il Frosinone si sono anche visti i soliti limiti…

Vittoria a parte, la partita di Frosinone ha detto che il Cosenza prosegue spedita in quel percorso di crescita di cui ha sempre parlato Occhiuzzi. Certo, analizzare una gara dopo una vittoria è decisamente più semplice specie se la critica rimane superficiale. Ma andando oltre i tre punti, l’aspetto che più balza agli occhi è la mentalità con la quale ha affrontato la sfida. La voglia di rubare palla per ripartire e arrivare in porta. Pressing alto, da parte degli attaccanti, dei centrocampisti ma anche degli esterni: un messaggio forte ai calciatori di Nesta.

L’azione che fotografa la mentalità del Cosenza è quella che ha portato al secondo gol. Procediamo per ordine: fuori Vera, fino a quel momento tra i migliori, dentro Corsi. Pensiero unanime, o quasi: ecco, adesso Occhiuzzi si chiude per difendere il vantaggio. E invece proprio Corsi rimane alto, recupera il pallone che arriva a Baez dal cui piede destro parte l’assist per la doppietta di Carretta. Questo significa giocare con la mentalità giusta, arrivare sempre prima sul pallone. Un altro tassello positivo, che fa pendant con l’identità di squadra che ha sempre caratterizzato il Cosenza di Occhiuzzi.

Non solo la parte bella, perché anche al Benito Stirpe si sono visti i limiti che nelle precedenti partite hanno chiuso la porta alla probabile vittoria o che hanno portato alle due sconfitte di fila. Disattenzioni difensive, su tutte il pallone regalato a Maiello che avrebbe potuto cambiare il corso della partita stessa e la mezza dormita su Novakovic lasciato libero di potersi girare in area di rigore. Fortuna ha voluto che in porta c’è Falcone, il quale la sua parata salva risultato continua a garantirla.

E poi, a proposito di difetti, gli errori che si commettono sotto porta. Baez venerdì sera si è superato, anche se è riuscito a essere decisivo pure lisciando un pallone davanti alla linea di porta. Errore che ha costretto il portiere Bardi alla respinta, finita sui piedi dell’opportunista Carretta. Per quanto ha prodotto, i rossoblù, in campo con la nuova maglia, avrebbero certamente meritato di segnare qualche gol in più. È importante capitalizzare ciò che si crea, altrimenti si corre il rischio di non vincere. O di perdere com’è successo con Chievo e Brescia.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
tonino turano
tonino turano
13 giorni fa

Superlativa prestazione agonistica allo Stirpe ma non dimentichiamoci che se veramente vogliamo fare un salto di qualità ed aspirare ,di consenguenza a qualcosa di importate,non si può prescindere dal potenziamento dell’attacco,magari facendo tornare in riva al Crati Riviere o Asencio,visto e considerato,che non stanno sinora trovando spazio nei rispettivi club di appartenenza.

Giancarlo
Giancarlo
13 giorni fa
  1. Dopo una prestazione come venerdì sera trovo ingiusto parlare di limiti. Questa è una squadra in crescita fisicamente e deve migliorare su certi aspetti. I tre centrali di difesa sono ottimi marcatori e rendono al massimo quando siamo bassi e ordinati. Sicuramente in quel reparto manca il giocatore dai piedi buoni capace di impostare basso ed eludere il pressing avversario allungando così gli avversari. Questo però sarebbe pretendere troppo da una campagna acquisti secondo me cmq ottima
micuzzu
micuzzu
13 giorni fa

io dico che le critiche devono essere fatte quando sono costruttive e tutto sommato vanno sempre accettate, è vero, più’ attenzione in difesa non guasta mai, ma la mentalità e quella giusta ed in un percorso di crescita si analizzano gli errori per cercare di evitarli il più’ possibile, ma di fronte ci sono anche gli altri e questo non va mai tenuto in sottostima, quindi per me bisogna continuare così perché penso sia la strada giusta…… forza Lupi!!!!!!!! sempre!!!!!!!

gianfranco
gianfranco
13 giorni fa

Ieri e’ stato compiuto un piccolo capolavoro tattico.Punto e basta.Le critiche alla partita sono solo strumentali e a partito preso,ma non hanno nulla a che vedere con il calcio giocato.

Leonardo Vincenzo
Leonardo Vincenzo
13 giorni fa

Baez è un grande…….. Forza jaime

Francesco
Francesco
13 giorni fa

Appena Jaime ritorna quello del finale della scorsa stagione ci divertiremo

Angelo
Angelo
13 giorni fa

BAEZ SBAGLIA I GOL MA NON È UN CENTRAVANTI ! Lo fa spolmonare è ovvio che non è lucido

Roberto
Roberto
13 giorni fa

Walter Leo’, non dovevamo secondo te , concedere al Frosinone alcuna azione da gol ???? Ti pare possibile ??? E poi fortuna che c’è Falcone ok , ma anche loro fortuna che c’è Bardi , che analisi del ca… fai ????? PROPRIO NON CI RIESCI A SCRIVERE COSENZA SUPERLATIVO ….

Giovanni
Giovanni
13 giorni fa
Reply to  Roberto

È catanzarese….. Gli vruscia a vittoria du cusenza!!!

Giuseppe
Giuseppe
13 giorni fa

Molto bene l’ atteggiamento della squadra. Difesa alta e pressing con i tre attaccanti. Non abbiamo mai sofferto in difesa in questo modo. Bravo Occhiuzzi , continuiamo cosi, se teniamo gli avversari lontani dalla nostra porta con atteggiamento propositivo e aggressivo le partite le vinciamo e i play off possono essere un altro miracolo possibile…

ginoX
ginoX
13 giorni fa

Si, a mente fredda, possiamo vedere anche qualche lato negativo. Disattenzione difensiva e mancata capitalizzazione delle occasioni. Tutto vero. Non so però fino a che punto sono aspetti migliorabili o invece fanno parte del bagaglio dei singoli. Di certo attenzione e realizzazione non si comprano al mercato. Ad ogni modo, e sperando che si tratti di aspetti migliorabili, ieri è stato raggiunto un grande risultato: finalmente è stata trovata la quadra, come si dice, ossia la formazione titolare, risolvendo i problemi punta centrale/esterno destro, con due nomi: Balohuli e Vera, e non è poco. Almeno per il momento, perché poi… Leggi il resto »

Piero C
Piero C
13 giorni fa
Reply to  ginoX

L’unico aspetto negativo se vogliamo è la mancanza di un paio di uomini di qualità e quantità in attacco e centrocampo e un centrale. Potremmo divertirci

ginoX
ginoX
13 giorni fa
Reply to  Piero C

Si sono d’accordo, con qualche puntello nei 3 reparti, divertimento assicurato, ma aspettiamo ancora un po’, Ba e Petre potrebbero sorprenderci in positivo

Advertisement

Gigi De Rosa, il professore

Ultimo commento: "Mi ricordo i complimenti che gli fece Bruno Giorgi,che l'aveva allenato l'anno precedente prima di passare alla Fiorentina,in occasione della..."

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Per me il migliore in assoluto resta Renato campanini troppo presto ceduto ad altra squadra al contrario di altri giocatori che pur bravissimi ..."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "grande roberto , che bei ricordi."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti