Resta in contatto

Le pagelle di Tifo Cosenza

Cosenza, nei momenti decisivi sono stati commessi gravi errori

L’errore dell’arbitro sul secondo calcio di rigore è evidente ma non giustifica il fatto che la squadra dovrebbe arrivare molto di più al tiro

FALCONE 6 Subire 3 gol non è mai bello, specie se non hai colpe.

INGROSSO 6 Una sola disattenzione nel primo tempo, per il resto sempre attento.

IDDA 5 Prima che il pallone arrivasse dalle parti di Legittimo avrebbe potuto intervenire di testa considerato che era sulla traiettoria. Lascia Meccariello libero di spingere in porta il gol del 3-1. Due episodi decisivi, nonostante l’efficacia in alcuni interventi soprattutto nella ripresa.

LEGITTIMO 5 Il doppio errore (liscio e fallo su Rodriguez) sul calcio di rigore che porta il Lecce al pareggio condiziona la prestazione nonostante i segnali di crescita nel corso della partita. Dal 37’ s.t. SUEVA S.V. In campo per cercare di arrivare al pareggio ma non si è riusciti a essere pericolosi. Si perde Maggio in occasione del terzo gol pugliese.

GERBO 6 Dà a Petrucci il pallone dal quale parte l’assist per il vantaggio rossoblù. Cala alla distanza, specie quando Corini gli piazza Gallo a seguirlo come un’ombra.

PETRUCCI 6,5 L’assist per il gol di Gliozzi, una infinità di palloni giocati, tanto sacrificio.

SCIAUDONE 6 Rispetto al solito cambia spesso posizione nel primo tempo giocando sulla parte sinistra. Ma non è stato continuo. Il fallo da rigore non c’è, tocca il pallone e poi travolge Mancosu. L’entrata poteva essere evitata. Dal 37’ s.t. BA S.V. La partita ormai si era indirizzata verso il k.o.

CRECCO 6 Viene cercato poco dai compagni di squadra ma la sua presenza sulla corsia sinistra è costante, a tratti di spessore.

TREMOLADA 5 Manca la continuità necessaria per incidere. Un paio di lampi ma fini a se stessi, calibra male più di un cross. Dal 22’ s.t. BAHLOULI 5,5 Questa volta non riesce a entrare in partita com’è capitato di recente.

TROTTA 5 Mai pericoloso, anche perché di palloni giocabili non ne vede. Si muove molto ma non basta. Dal 22’ s.t. CARRETTA 5 Una scivolata dopo l’altra… mai entrato in partita.

GLIOZZI 6,5 A parte il gol gioca molto, e bene, per la squadra. Dal 30’ s.t. MBAKOGU S.V. Pare di capire che il cammino per entrare in condizione è ancora molto lungo.

OCCHIUZZI 5,5 Certo l’errore dell’arbitro pesa, perché apre un’autostrada alla vittoria del Lecce. La squadra ha confermato di avere una sua identità. E ci sta pure. Ma va trovata una soluzione che porti gli attaccanti a concludere molto di più in porta. Tre tiri nello specchio, gol incluso, sono pochi.

48 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
48 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia rossoblu: scelto il centravanti!

Ultimo commento: "Sono d’accordo con te al 100%"

LA TOP 11 della storia rossoblu: scelto il miglior allenatore

Ultimo commento: "Con Mutti poi , e credo per la prima volta nella ns storia, il Cosenza è stato da solo primo al comando della classifica in serie B. Verso la decima..."

La Top 11 della storia rossoblu: scelta la coppia dei difensori centrali

Ultimo commento: "Hai assolutamente ragione! 👍"

Al via la Super League: rivoluzione nel mondo del calcio. Favorevoli o contrari?

Ultimo commento: "Viva il calcio anni 80...partite alle 14.30, 90 minuto alle 18.10, la domenica sportiva alle 22.30...avete rotto il caxxx con questi orari..."

Coronavirus, giusta la ripartenza del Calcio? Dite la vostra con TifoCosenza

Ultimo commento: "Come ogni lavoratore che si assume il suo impegno, così anche i calciatori si devono assumere i loro ,i soldini si devono guadagnare ..."
Advertisement

I Miti rossoblu

STORICO CENTROCAMPISTA ROSSOBLÙ DAL 1985 AL 1989

Denis Bergamini

GIANNI DI MARZIO ERA COME UNA SPECIE PROTETTA, DA PRESERVARE

Gianni Di Marzio

BANDIERA ROSSOBLÙ E CALCIATORE PIÙ PROLIFICO DELLA STORIA DEL COSENZA

Gigi Marulla

Altro da Le pagelle di Tifo Cosenza