Resta in contatto

Approfondimenti

Amarezza Bisoli: “Il Cosenza mi ha mancato di rispetto”

L’ex allenatore parla dei Lupi a La Gazzetta del Sud e torna sul mancato rinnovo dopo la salvezza nel playout. “Con Gemmi ho parlato venti minuti. Tenuto appeso a un filo per venti giorni. Zilli faceva fatica a giocare anche in Primavera…”

Tutta la sua amarezza Pierpaolo Bisoli l’ha sfogata attraverso La Gazzetta del Sud. Una lunga intervista in cui è tornato sul mancato rinnovo alla guida del Cosenza dopo la salvezza centrata al playout contro il Vicenza. “Forse, se non fossi stato tenuto appeso ad un filo per 20 giorni, sarei potuto essere da qualche altra parte in serie B, chi lo sa. Non ho sentito nessuno per venti giorni, mi è stato chiesto di aspettare e così è stato”.

Ci va dentro l’allenatore di Porretta Terme che adesso, dice, sta facendo il nonno a tempo pieno. “Non mi pento di nulla ma un pizzico di rispetto in più per l’uomo lo pretenderei. Se non c’era la volontà di proseguire con me, bastava essere sinceri fin da subito. Finiscono tutte le storie, lo avrei accettato”. Poi un passaggio su Gemmi. “Siamo rimasti a parlare per venti minuti. Dopo quell’appuntamento, in cuor mio, ho capito che non sarei stato l’allenatore del Cosenza. Sostanzialmente non abbiamo parlato di nulla di concreto. Questa è la verità, so che è scomoda, ma è così”.

Bisoli si toglie anche un paio di sassolini dalla scarpa sul presunto ingaggio che avrebbe chiesto. “Ho sentito dire e visto scrivere tante bugie. Persino è stato detto che avrei chiesto 600 mila euro di ingaggio, non sono certamente uno scemo. In realtà non c’è mai stata nessuna domanda né tantomeno un’offerta. Un giorno, infine, sono stato chiamato da Guarascio, che mi ha spiegato la volontà di virare su un nuovo profilo. Una telefonata durata pochi istanti”.

Infine le parole di Bisoli sui giovani. “Zilli è una mia creatura e lo rivendico con forza. Prima, a momenti, faceva fatica a trovare spazio in Primavera. Penso invece sia stato uno dei massimi artefici del traguardo raggiunto. Su Florenzi non mi prendo tutti i meriti perché ha trovato spazio pure in precedenza. Anche se è vero che con me è diventato un tassello centrale. Oltre alla salvezza nei miei mesi in rossoblù è stato costruito un patrimonio per il club”.

164 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

164 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia rossoblu: scelto il centravanti!

Ultimo commento: "Sono d’accordo con te al 100%"

LA TOP 11 della storia rossoblu: scelto il miglior allenatore

Ultimo commento: "Con Mutti poi , e credo per la prima volta nella ns storia, il Cosenza è stato da solo primo al comando della classifica in serie B. Verso la decima..."

La Top 11 della storia rossoblu: scelta la coppia dei difensori centrali

Ultimo commento: "Hai assolutamente ragione! 👍"

Al via la Super League: rivoluzione nel mondo del calcio. Favorevoli o contrari?

Ultimo commento: "Viva il calcio anni 80...partite alle 14.30, 90 minuto alle 18.10, la domenica sportiva alle 22.30...avete rotto il caxxx con questi orari..."

Coronavirus, giusta la ripartenza del Calcio? Dite la vostra con TifoCosenza

Ultimo commento: "Come ogni lavoratore che si assume il suo impegno, così anche i calciatori si devono assumere i loro ,i soldini si devono guadagnare ..."
Advertisement

I Miti rossoblu

STORICO CENTROCAMPISTA ROSSOBLÙ DAL 1985 AL 1989

Denis Bergamini

GIANNI DI MARZIO ERA COME UNA SPECIE PROTETTA, DA PRESERVARE

Gianni Di Marzio

BANDIERA ROSSOBLÙ E CALCIATORE PIÙ PROLIFICO DELLA STORIA DEL COSENZA

Gigi Marulla

Altro da Approfondimenti