Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, in organico ci sono 12 calciatori. Prima i rinnovi poi i volti nuovi

Il direttore sportivo Trinchera e l’allenatore Occhiuzzi hanno fatto il punto della situazione: il tecnico ha chiesto la conferma di cinque calciatori e stilato un elenco dei ruoli da andare a coprire

La base di partenza almeno questa volta dovrebbe esserci. Infatti al momento sono 12 i calciatori sotto contratto e di conseguenza in organico. I portieri Saracco e Quintiero; i difensori centrali Idda, Schiavi, Legittimo e Tiritiello. Quindi i centrocampisti Bruccini e Sciaudone; gli esterni di attacco Baez e Carretta oltre le due punte centrali Litteri e Moreo.

Si tratta di calciatori ai quali l’allenatore Occhiuzzi ha dato parere positivo: Schiavi grazie alla sua esperienza potrà dare il contributo che necessita alla squadra, così come ha già fatto nel campionato del post Covid. Il giovane tecnico ha speso parole positive per Tiritiello che già aveva visto all’opera durante il ritiro dello scorso anno. Rientra dalla parentesi positiva di Francavilla e nel gruppo ci può stare. Così come Litteri e Moreo, ai quali Occhiuzzi vuole dare l’occasione di misurarsi in una nuova dimensione rispetto al passato.

Poi ci sono i rinnovi. Anche in questo caso l’allenatore è stato chiaro con Trinchera: Perina, Corsi, Capela, Bittante e D’Orazio sarebbe felicissimo di allenarli anche nella prossima stagione. Si tratta di cinque situazioni tutte diverse tra di loro ma in società trapela una discreta dose di ottimismo sulla conclusione positiva di tutte e cinque le trattative. A proposito di rinnovo, vi abbiamo raccontato dell’accordo molto vicino con Casasola che dovrebbe indossare la maglia del Cosenza anche nel campionato di Serie B 2020-2021. Chiaramente Occhiuzzi sarebbe felicissimo di potere allenare nuovamente Rivière e Asencio ma sa bene che si è di fronte a due trattative molto complicate. Al momento impossibili da prendere in considerazione ma chissà…

Una volta sistemati i rinnovi, il direttore sportivo si dedicherà ai volti nuovi da portare al Marulla. Se il giovane Quintiero verrà ceduto in prestito, servirà un terzo portiere. Al centro della difesa dipende da Capela: se rinnova, servirà almeno un altro centrale altrimenti si dovrà lavorare per portarne due. Sugli esterni si spera di poter contare nuovamente su quelli della passata stagione, nel caso in cui D’Orazio, al momento la trattativa più complicata, dovesse accasarsi altrove ci sarà bisogno di un mancino.

In mezzo al campo ci sono soltanto Bruccini e Sciaduone, per completare l’organico ne serviranno almeno due. Infine l’attacco. Intanto Trinchera dovrà cercare sul mercato due valide alternative a Baez e Carretta e concentrarsi anche sulla punta centrale. Non sarà facile ma dopo le prestazioni di Rivière e Asencio, l’obiettivo è quello di portare qualcuno che non li faccia rimpiangere troppo.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco
Francesco
2 mesi fa

Tra le varie clausole del contratto di Riviere c’era anche il rinnovo automatico in caso di salvezza e uno score minimo di 10 goal. Quindi Riviere dovrebbe essere ancora un giocatore del Cosenza. Probabilmente lo cedono perché vuole confrontarsi con la massima serie. Se è così è giusto che vada via e per noi è un’ottima occasione per fare cassa da investire in nuovi acquisti (o almeno si spera).

Pablito
Pablito
2 mesi fa

La Fiorentina ha 20 giocatori in rientro dai prestiti….nessuno pronto per la A ma comunque ottimi per la B… alcuni li vuole dare via in prestito con diritto di riscatto….Chi si muove prima fa l’affare insomma

ginoX
ginoX
2 mesi fa
Reply to  Pablito

Non c’è più l’amico Corvino, che oltre Baez ci diede Schettino e trovato se non ricordo male….
Secondo me invece in casa Udinese ci sono un paio di elementi niente male, uno in particolare potrebbe fare al caso nostro, ma Trinchera saprà

Paolo
Paolo
2 mesi fa

😴😴😴😴😴😴😴

Giovanni
Giovanni
2 mesi fa

E ja un fissiamu accussi si scinna ca è na bellezza.

Luca
Luca
2 mesi fa

Ppi amuri gesù Littieri no!

profsyst
profsyst
2 mesi fa

Dal sito ufficiale: 2 Agosto 2019 La Società Cosenza Calcio comunica di aver raggiunto l’accordo con la Società ACF Fiorentina per l’acquisizione del diritto alle prestazioni sportive di Jaime Báez Stábile. L’attaccante, nato a Montevideo (Uruguay) il 25 aprile 1995, diventa rossoblù a titolo definitivo con contratto fino al 30 giugno 2022. Per lui si tratta di un ritorno. Ha già militato infatti nelle fila del Cosenza nella passata stagione, conclusa con uno score di 25 presenze, 1 gol e 9 preziosissimi assist. Mister Braglia ora può averlo nuovamente a disposizione per il campionato di Serie BKT 2019/2020. 6 Agosto… Leggi il resto »

Giovanni
Giovanni
2 mesi fa
Reply to  profsyst

E quindi che significa ciò🤔🤔

Luca 2
Luca 2
2 mesi fa
Reply to  profsyst

E quindi….chi bbu dì.Ce lo dovevi dire tu?

ginoX
ginoX
2 mesi fa

A mio giudizio, se Trinchera è scaltro, dovrebbe sfruttare il caso Rivière che sta avendo una grande eco, anche internazionale, e cioè il caso di un talento RIVITALIZZATO proprio a Cosenza, una piazza che rispolvera grandi calciatori caduti in ombra, e li riconsegna rigenerati. Dunque, potrebbe andare a caccia di qualche ex promessa e convincerla sulla scorta di una scommessa vinta, quella con Emmanuel Rivière. Non sarebbe la prima volta, anche Tutino in piccolo ha avuto lo stesso destino. Astro nascente poi caduto nel dimenticatoio, ritornato Re a Cosenza, una piazza senza mezze misure che, o ti sega( vedi Pierini)… Leggi il resto »

Lupoforever
Lupoforever
2 mesi fa
Reply to  ginoX

Certo. E’ l’aria della Sila e l’acqua limpida del Crati. Anche Braglia si è rigenerato…

Advertisement

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "grande roberto , che bei ricordi."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti