Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, l’identità smarrita e l’assenza di una reazione decisa

La sconfitta di Brescia è un segnale molto più preoccupante della classifica in sé. Una resa inaccettabile: la sfida di sabato con il Frosinone snodo cruciale per il futuro

Una delle certezze che aveva caratterizzato la prima parte di campionato era l’identità di squadra che il Cosenza aveva messo in mostra. Merito di una idea tattica capace di sviluppare buone trame di gioco, magari con limitata continuità, ma che non si riusciva a concretizzare. Si disse che mancava l’attaccante capace di capitalizzare quanto prodotto. Il mercato di gennaio non ha cambiato le cose.

Allora ci ha provato Occhiuzzi il quale, probabilmente spinto dall’emotività del momento, si è lasciato travolgere da chi lo “invitava” a cambiare gioco. La vittoria sul Chievo è stata fatta passare come il trionfo del “nuovo” modulo. In realtà, 3 punti a parte, che poi rappresentano l’unica cosa che conta nel calcio, si sono cominciate a perdere le tracce di quella identità che era il marchio di fabbrica del Cosenza.

A Brescia, alle prime difficoltà, la squadra non ha avuto la minima capacità di reagire. Come a volere rappresentare una resa delle armi. Così come ha fatto Occhiuzzi nel momento in cui ha deciso di cedere alle pressioni esterne, riponendo nel cassetto la sua filosofia calcistica. Una resa che si è tramutata nell’inaccettabile prestazione del Rigamonti, soprattutto nel secondo tempo.

E se è vero, come è vero, che la squadra riflette sempre il carattere dell’allenatore siamo di fronte a una situazione ancora più complicata della classifica in sé. Un concetto va ribadito con forza, se mai qualcuno lo avesse dimenticato: questo è un organico che non rispecchia in nessun modo le idee di gioco di Occhiuzzi. Il quale ha tantissime responsabilità ma non è l’unico colpevole. Calciatori anche forti, le cui qualità evidentemente potrebbero esaltarsi con un’altra idea di calcio.

Nel frattempo i numeri inchiodano il Cosenza, le partite da giocare sono sempre di meno e la classifica parla chiaro. Molto, molto preoccupante. E sabato, ore 14, al Marulla arriva il Frosinone, ennesimo snodo cruciale di un campionato in cui il forte rischio rimane quello di assecondare gli eventi senza una decisa reazione. Dal risultato contro la squadra di Nesta, dipenderanno molte cose…

47 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
47 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ciccio
Ciccio
1 mese fa

Braglia 4 scarti???? Ma capisco che il calcio non è per tutti ma definire gente come Forte (lo scorso anno semifinale playoff) Ciancio (vedi Forte) Tito e Bernardotto(Vibonese tra i migliori) Silvestri (Playoff col Potenza) Carriero (leader a Caserta) Fella (doppia cifra a Monopoli) Miceli (playoff con la Sambenedettese) De Francesco (promozione con la Reggina)Santaniello (doppia cifra col Picerno) scarti della categoria mi pare n’offesa!!! detto ciò il gol dell’Avellino è anche in netto fuorigioco

Francesco
Francesco
1 mese fa

Ehhh si…….. quest’anno occhiuzzi “non è l unico colpevole…..
L’anno scorso Braglia era l unico colpevole……
Coerenza please

Francesco
Francesco
1 mese fa

Ehhh si…… questo anno occhiuzzi “non è l’unico colpevole”……..
L anno scorso Braglia era l unico colpevole……..
Forse risultava antipatico ,per quanto fosse per niente ipocrita, a chi remava contro……
Coerenza please

Ginus
Ginus
1 mese fa

Ieri a Reggio mister Dionisi allenatore dell’Empoli ha inserito 7-sette dico giocatori al posto di quelli che avevano tirato la carretta,tipo La Mantia fino all’ora,io mi sarei accontentato che il nostro mister tremarella ne avesse messo almeno tre e no sette,anche se li avevamo ba baloyuli sacko aboubah schiavi Sueva ecc,ma dove lo prendeva questo coraggio anche se si era accorto che corsi vera leggittimo sciaudone Tremolada ragavano i piedi allenatori con la A maiuscola questo lo fanno noi li abbiamo con la A minuscola,piccoli cervelli e piccoli uomini

Franco d'andrea ex resp.le settore giovanile cosen
Franco d'andrea ex resp.le settore giovanile cosen
1 mese fa

Per l’ennesima volta, prendiamo un allenatore di categoria e che sia capace ad esaltare le capacità dei calciatori. Occhiuzzi, per me deve fare un po’ di esperienza e poi…… chissà? Comunque speriamo di vincere sabato.

Franz
Franz
1 mese fa

Via Occhiuzzi o retrocessione certa

Francesco
Francesco
1 mese fa

Mi stanno cancellando tutti i commenti…..vergogna

Antonello Ferroni
1 mese fa
Reply to  Francesco

Gli unici commenti che vengono cancellati sono quelli che possono avere conseguenze di tipo giudiziario. Lei eviti di diffamare le persone e vedrà che nessuno cancellerà i suoi messaggi.

Francesco
Francesco
1 mese fa

Questo anno occhiuzzi “non è l’unico colpevole”
L anno scorso Braglia era l unico colpevole……
Forse perche non considerava chi remava contro….
Coerenza please….

Francesco
Francesco
1 mese fa

Quest’anno occhiuzzi “non è l’unico colpevole”…..
L anno scorso Braglia era l unico colpevole……forse perché non considerava chi remava contro…..
Coerenza please….
Cancellate anche questo????

Antonello Ferroni
1 mese fa
Reply to  Francesco

Gli unici commenti che vengono cancellati sono quelli che possono avere conseguenze di tipo giudiziario.

Francesco
Francesco
1 mese fa

Quest’ anno occhiuzzi “non è l unico colpevole ” e l anno scorso Braglia era l unico colpevole………coerenza please…..
Forse xchè Braglia non considerava chi remava contro come questa testata….
Spero questo non lo cancellate….

Antonello Ferroni
1 mese fa
Reply to  Francesco

E dagli. Gli unici commenti che vengono cancellati sono quelli che possono avere conseguenze di tipo giudiziario.

Francesco
Francesco
1 mese fa

Cari edicolanti……. Come mai occhiuzzi “non è l unico colpevole” ………e l anno scorso Braglia era l unico colpevole………
Ahhh va be’ non è che vendere giornali o leggere il corriere dello sport vuol dire capire di calcio.
Vi piace solo destabilizzare…….come avete fatto l anno scorso…….
Intanto Pierino sta facendo l ennesimo miracolo con una squadra costruita l ultimo giorno e con quattro soldi……..proprio come il nostro Cosenza……
Un po’ di coerenza please …..abbiate il coraggio di criticare anche i vostri amici e non solo chi vi sta antipatico forse perché poco ipocriti non dialogano con chi tema contro.

Zara
Zara
1 mese fa

Occhiuzzi: ma il calcio lo sai cos’è??? Sei una delusione………👎

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

A Frosinone ??? Con il Frosinone semmai

Note positive:
Corsi squalificato

Luigi
Luigi
1 mese fa

LUKIGOL CIAO STANNU SCINNIMU CHE FINE HAI FATTO SEI SPARITO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Sciaudone panchina
Corsi (meno male che è squalificato)

Dovrebbe partire da qui!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Corsi deve capire che è ora di iniziare a scrutare carriere alternative nel mondo del calcio

riccardo florio
riccardo florio
1 mese fa

IDENTITA’ SMARRITA??? MA QUALE IDENTITA’ ABBIAMO MAI DIMOSTRATO DI AVERE??? MI DISPIACE , MA IL GIOVANE DI CETRARO NON SOLO NON E’ CAPACE COME ALLENATORE MA MANCA DI PERSONALITA'( leggi Attributi). HO SEMPRE CREDUTO CHE L’ANNO SCORSO LA SQUADRA SI E’ SALVATA DA SOLA GRAZIE AI CALCIATORI COME CASASOLA,BITTANTE BRUCCINI ecc,RITROVANDO UN BUON EQUILIBRIO MENTALE DOPO LA PARTENZA DI BRAGLIA E PILLON; E NON PER MERITO SUO……

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Cambio modulo, difesa a tre, difesa a quattro, deve giocare tizio, no, forse è meglio Caio, deve sostituire quello, deve giocare l’altro. La partita di Brescia ancora una volta, ha dimostrato ch’è sul campo che si deve giocare, non sui social, ne tantomeno negli studi televisivi. Occhiuzzi, fino alla partita di Lecce, aveva una squadra che aveva a mio giudizio una sua identità, cosa, che in questi ultimi due turni, si è smarrita. Spero solo che il mister, ritrovi un certo equilibrio interno alla sua formazione, e vada diritto verso la conquista della permanenza in questo campionato senza dar retta… Leggi il resto »

Cicciuzzu
Cicciuzzu
1 mese fa

Questo presidente deve andare a fare in c….. Meglio senza pallone che essere derisi da tutto il mondo del calcio

Reny
Reny
1 mese fa
Reply to  Cicciuzzu

Stacci tu senza la squadra del Cosenza. A cosenza si mangia pane e pallune. Mi fricu i tia e di guarascio. IL COSENZA NON SI TOCCA, IL COSENZA SIAMO NOI!

Marcello
Marcello
1 mese fa
Reply to  Reny

Infatti.
Sai che bella soddisfazione retrocedere in serie C e starci almeno per 150 anni.

Loris
Loris
1 mese fa

Articolo condivisibile ma parlate di colpe di occhiuzzi (che sicuramente ha) ma non parlate mai per lesa maestà del vero responsabile ovvero Guaradcio. Paura che non vi fa entrare più allo stadio?. E poi tu hai sue giocatori di talento balhoui e tremolada e fa giocare a carretta e gliozzi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Se qualcuno si è stancato di lottare si può mettere tranquillamente da parte. Certo questo lo deve gestire bene Occhiuzzi, se devo vedere Carretta che non ha voglia, preferisco che entri Sueva che almeno corre e lotta.. Giusto per fare un Esempio! Così rischiamo parecchio comunque.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ripeto 700 mila euro dintra a sacchetta e mi fricu i vua chissu è garagaminchia

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Corsi immediatamente in tribuna e la terza volta che ci lascia in 10

Massimo
Massimo
1 mese fa

Occhiuzzi via subito. Non aspettare sabato.

Piero
Piero
1 mese fa
Reply to  Massimo

Massimo ma davvero pensi che arrivi , Mutti o qualche altro trombone che viene per guadagnare qualcosa che non fa da qualche anno e CAMBIA MENTALITÀ , CONDIZIONE FISICA E MENTALE , PIEDI ai giocatori IN 3 GIORNI ????? Ma lo hai visto Entella , Ascoli e Pescara … che sono sempre lì , per non parlare di Cremonese ecc , cambia una partita ma i problemi rimangono ! Se OCCHIUZZI HA IL GRUPPO DEVE USCIRNE LUI È TROPPO FACILE MANDARLO VIA ORA , deve trovare la soluzione sennò deve retrocedere anche lui !!!!!

salvatoresalvatore
salvatoresalvatore
1 mese fa
Reply to  Piero

GIUSTO

Massimo
Massimo
1 mese fa
Reply to  Piero

Mi pare che il Pescara abbia espugnato Cittadella.
Ci vuole una scossa tecnica. Con Occhiuzzi è retrocessione certa.
Con un altro (DeCanio) almeno si tenta qualcosa.

Pippo
Pippo
1 mese fa
Reply to  Piero

Giusto , tanto GUARASCIO prenderebbe qualche allenatore scarso che viene a guadagnare qualcosa fino a giugno

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Subito ai ripari prima che sia troppo tardi.La squadra ha bisogno di identità e di motivazioni.Da subito le sostituzioni nel settore tecnico-tattico.Altrimenti….?La C

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Canà se vuoi il bene del COSENZA DIMETTITI…

tonino turano
tonino turano
1 mese fa

Finchè siamo in tempo corriamo ai ripari con le adeguate sostituzioni.C’è tanto sul mercato.La squadra,a mio a avviso,ha bisogno di nuove motivazioni per uscire dallo stallo in cui,purtroppo è caduta.Forza ai rinnovamenti ma da subito.

Salvatore
Salvatore
1 mese fa

Esame perfetto identità smarrita. Non si costruisce più un’azione si cerca sempre a dare la palla dietro con i terzini che non sanno come gestirla. Retrocessione assicurata.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Qua a rimandare sempre alla prossima siamo arrivati a fine campionato! 🤬

Claudiuzzu
Claudiuzzu
1 mese fa

Ancora mancano ben 12 partite, la strada è si in salita, ma ancora è lunga e la classifica non è messa così male da poter dare sentenze già da adesso. Occhiuzzi secondo me paga solo un pò di inesperienza, ma per il gioco che ha espresso in generale il Cosenza sotto la sua guida, penso sia un buon allenatore e mi dispiacerebbe tantissimo non vederlo più sulla panchina rossoblu. Quello che personalmente trovo più sconcertante è che comunque il modo di fare di Guarascio è questo e non cambierà, quindi, pur ottenendo un’ipotetica salvezza in questa stagione, sono purtroppo convinto… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Veramente giochiamo in casa

Guara'.....e sti capiddri ????😨
Guara'.....e sti capiddri ????😨
1 mese fa

Occhiuzzi se ne deve andare, è anche subito!!!

Francesco
Francesco
1 mese fa

Quest’ anno ,come si legge dall’ articolo, “occhiuzzi non è l’unico colpevole”…..
L anno scorso Braglia era l unico colpevole……..
Coerenza please

Francesco
Francesco
1 mese fa

ASSOLUTAMENTE SI

Giannino
Giannino
1 mese fa

Bravissimo , questo è il punto la SOCIETÀ CEDE BAEZ , massacrato dalla piazza e anche OCCHIUZZI pressato dai tifosi cambia !!!! Risultato evidente … COME AL SOLITO LA PIAZZA È PROFONDAMENTE INCOMPETENTE ED È BUONA SOLO A CRITICARE …

Fulvio
Fulvio
1 mese fa

Siamo in caduta libera!!!!

Galattico
Galattico
1 mese fa
Reply to  Fulvio

Tempo fa leggevo un commento su questo sito come gli allenatori moderni nella difficolta’a difendere un risultato,invece di mettere un difensore inseriscono un attaccante cosi’ si limitano le scorribande dei difensori,Barcellona e’la citta’ di Pep Guardiola,profeta di questa tattica ma lo e’ anche dell’altro Pep, quello del Brescia,evidentemente questa la e’ una filosofia di vita, qui invece abbiamo una filosofia di catenacciari come l’Italia in Messico nel famoso 4-3 la definiscono partita leggendaria difendersi 85 minuti e poi beccare il goal di snhellinger,io la definisco una mentalità limitata e da ricovero in manicomio come il nostro profeta muto di Cetraro… Leggi il resto »

Artco
Artco
1 mese fa
Reply to  Galattico

Si hai ragione ma tanto non ti ascolta nessuno giornalisti societa’tecnico(Sic) vedrai che con il Frosinone ti rimette gli idda leggittimo gliozzi vera uno ranco sciaudone per la sua filosofia tanto il Cosenza le ultime dieci partite mette la quarta e schianta tutti,non ha capito che e già schiantato

Advertisement

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Ricordo in particolare che faceva giocare la squadra molto in verticale, con una fortissima coppia di attaccanti come Tatti e Margiotta, il primo..."

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Ormai ........ ci vorrebbe mega cu.......a"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Per pochi ricordi che ho, è stato uno dei più forti centrocampisti del duo tempo. È stato sfortunato ad incontrare per quanto riguarda la..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "Baclet,col Cosenza sei stato mitico.Ti sei sempre impegnato al massimo e hai contribuito alla promozione del Cosenza in serie B .Ti auguro tanta..."

Gigi De Rosa, il professore

Ultimo commento: "Difensore tecnico e veloce, grande attaccamento alla maglia"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti