Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Tifo Cosenza

Cosenza, pomeriggio da dimenticare. Poche le idee, tanta la confusione

Match senza acuti da parte dei Lupi che giocano poco e male. Solo una manciata di spunti positivi, come quelli di Brescianini, l’unico che nel primo tempo prova a mettere ordine nella manovra con D’Urso.

MATOSEVIC 5 Forse poteva fare qualcosa di più sul destro di Rivas che sblocca il match. Al solito alcuni buoni interventi ma non bastano per tenere a galla i rossoblu.

RISPOLI 5 Freno a mano tirato per l’esperto terzino che soffre come tutta la difesa. Non contiene Rivas che segna la rete del vantaggio. Rimedia anche un cartellino giallo abbastanza gratuito.

RIGIONE 5,5 Prova a metterci una pezza dove può, ma oggi la retroguardia dei Lupi appare meno concentrata del solito.

VENTURI 5,5 Allo stesso livello del compagno, qualche buona chiusura ma soffre la velocità degli attaccanti amaranto.

PANICO 5 Giusto un paio di discese, poi davvero poco anche dal suo lato. Esce dopo neanche un’ora di gioco. Dal 55° GOZZI 5,5 Qualcosa in più rispetto al compagno, ma ormai la gara è già compromessa.

VALLOCCHIA 5 Suo di fatto l’unico tiro verso la porta della Reggina finché non esce dal campo. Dal 55° KORNVIG 4,5 Passano pochi minuti dal suo ingresso e si fa superare in maniera ingenua da Pierozzi che chiude i conti. Recupera mezzo voto per un paio di buone chiusure.

VOCA 5 Decisamente involuto rispetto al match col Como, non riesce a contenere le ripartenze della Reggina. Dal 66° CALÒ 6 Le sue geometrie necessitano e non poco nel centrocampo del Cosenza, chiaro che giudicarlo da questo spezzone di gara è difficile ma qualche apertura lascia intravedere la strada da percorrere. Sufficienza d’incoraggiamento nella speranza di vederlo presto al 100%.

BRESCIANINI 6 Una delle poche note positive. Si fa dare palla, prova la giocata sfruttando la sua tecnica. Peccato che non trovi collaborazione da parte dei compagni. Nella ripresa sparisce nel generico grigiore della prestazione di squadra.

BRIGNOLA 4,5 Tocca una manciata di palloni, tutti male. Uno degli ultimi addirittura se lo viene a prendere sulla linea dei difensori. Dal 55° MARTINO 4 Ha il merito di dare al Cosenza una soluzione anche sulla corsia di destra, quando fino al suo ingresso non era mai stata sfruttata. Lotta e per poco non regala la rete a Larrivey con uno spunto grintoso. Era un 6 pieno e anche qualcosa di più, finché non dà un colpo alla nuca a Cicerelli e si fa espellere in maniera difficilmente commentabile.

D’URSO 5,5 Con Brescianini nel primo tempo è uno dei pochi a provare a fare qualcosa ma i raddoppi ne limitano la prestazione. Dal 66° BUTIC 5 Colpisce un palo esterno, la chance migliore per i rossoblu per segnare, ma la sua prestazione si ferma lì. Rimedia un cartellino evitabile, vittima del nervosismo.

LARRIVEY 5,5 Non viene mai servito in area ma quando riceve la sfera spalle alla porta non la butta mai via. Pierozzi gli soffia con la punta del piede una palla che andava solo spinta in rete. Avrebbe potuto significare comunque qualcosa in un pomeriggio da dimenticare…

DIONIGI 5 Tenta si arginare la Reggina con un centrocampo più folto. Ma non funziona. La squadra infatti fatica tantissimo a trovare soluzioni in avanti o anche solo a gestire palla per più di una manciata di secondi. La Reggina non è prima per caso ma dai Lupi ci si aspettava qualcosa di più dal punto di vista della manovra invece rispetto al Como c’è stata una netta involuzione.

92 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

92 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia rossoblu: scelto il centravanti!

Ultimo commento: "Secondo il mio parere bisogna separare le due epoche anni 60 e post prima lenzi (se non ricordo male capo cannorire e pallone d'oro ) poi il gande..."

Al via la Super League: rivoluzione nel mondo del calcio. Favorevoli o contrari?

Ultimo commento: "DOMANI FORZA LUPI. Stringiamoci attorno alla squadra e alla dirigenza. Bando alle Polemiche Lupi ALÈ"

LA TOP 11 della storia rossoblu: scelto il miglior allenatore

Ultimo commento: "Giusto,signor Giovanni ! È facile applaudire quando si vince ; ma la squadra va' sostenuta,soprattutto,quando è in difficoltà !"

La Top 11 della storia rossoblu: scelta la coppia dei difensori centrali

Ultimo commento: "Verissimo, scuola Inter, un vero professionista serio e bravo"

Coronavirus, giusta la ripartenza del Calcio? Dite la vostra con TifoCosenza

Ultimo commento: "Come ogni lavoratore che si assume il suo impegno, così anche i calciatori si devono assumere i loro ,i soldini si devono guadagnare ..."
Advertisement

I Miti rossoblu

STORICO CENTROCAMPISTA ROSSOBLÙ DAL 1985 AL 1989

Denis Bergamini

GIANNI DI MARZIO ERA COME UNA SPECIE PROTETTA, DA PRESERVARE

Gianni Di Marzio

BANDIERA ROSSOBLÙ E CALCIATORE PIÙ PROLIFICO DELLA STORIA DEL COSENZA

Gigi Marulla

Altro da Le pagelle di Tifo Cosenza