Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza e Baclet: amore eterno sancito tra cori, abbracci e lacrime

L’attaccante in campo dall’inizio per la sua ultima partita in rossoblu. Il tributo del Marulla, da domani sarà un calciatore della Reggina

Che dovesse essere la partita di Baclet non c’erano dubbi. È mancato soltanto il gol, al quale è andato molto vicino: minuto numero 4 del secondo tempo con il capitano Corsi (amico del cuore di Allan) che innesca Bruccini il cui cross è l’unica cosa bella che fa durante tutta la partita; si alza il numero 16 dei Lupi, colpisce di testa e il pallone sembra andarsi a infilare sotto la traversa ma Bacci ci mette la manona e alza in angolo. Sarebbe venuto già il Marulla se Baclet avesse segnato. Di certo gli rimane una giornata da libro cuore che si porterà dietro per tutta la vita.

I tifosi, la gente di Cosenza se n’è innamorato con il passare del tempo. Un amore esploso definitivamente nella passata stagione, quella che ha riportato i rossoblu in Serie B dopo 15 anni: grazie ai suoi 5 gol è stato il cannoniere dei playoff, gol pesanti. Un amore che Baclet ha sempre ricambiato, perché lui Cosenza e il Cosenza ce l’ha nel cuore. Tante emozioni avvolte dalle lacrime del calciatore il quale ha salutato il pubblico e tutti i compagni di squadra. In un calcio che sta cambiando, ormai erano anni che la tifoseria organizzata non dedicava pià un coro a un calciatore. È modificato anche il modo di tifare, non solo ai piedi della Sila.

Di cori per un calciatore in giro per gli stadi della penisola se ne sentono sempre di meno. Ma quel “Baclet, Baclet ti hanno visto al Mojito… col Mojito a Piazza Fe’…” è diventato un tormentone non solo allo stadio ma anche in giro per la città e sui social. Un coro che ha fatto innamorare tanti bambini i quali hanno visto in Baclet il loro idolo, il calciatore per il quale fare il tifo, al quale chiedere un selfie e un autografo sulla maglia. “Il calcio è strano, mai dire mai. Dovrei andare via, però…”, ha dichiarato Allan ai microfoni di Dazn intervistato da Pietro Scognamiglio all’intervallo di Cosenza-Ascoli, partita che rimarrà negli annali del calcio non solo per un pareggio senza gol ma anche per la partita di addio di Baclet al Cosenza. Da domani sarà un calciatore della Reggina, in Serie C.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Maurizio Lucchetti, il “Lucky gol” del Cosenza

Ultimo commento: "Che giocatoreeeeeeeeeee"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Giocatore di sostanza con un tiro micidiale. Gran bel giocatore. È esploso con il Cagliari e si è confermato nella Fiorentina scudettata del 68/69"

Pasquale Apa, la freccia di Rocca di Neto

Ultimo commento: "Tifo Cosenza parliamo anche di Voncenzo Cosa"

Vincenzo Riccio, una settimana fantastica

Ultimo commento: "Na gaccia..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti