Resta in contatto

Approfondimenti

Querelle stadio, Palazzo dei Bruzi: “Il Cosenza vuole sfruttare i contributi comunali”

Arriva la risposta del Comune bruzio al comunicato diffuso stamattina dal club di patron Guarascio: “Sconcerto e meraviglia per le preoccupazioni espresse dalla Società”

Non esita a placarsi la delicata querelle che coinvolge il Cosenza Calcio e il Comune nella polemica sulla gestione dello stadio “San Vito-Gigi Marulla”. Dopo il botta e risposta dei giorni scorsi, la società capitanata da patron Guarascio ha diffuso stamattina un comunicato, col quale intendeva motivare la preoccupazione riguardante le opere e gli adempimenti ancora non assolti dall’amministrazione comunale. Ed ecco, pochi minuti fa, la nuova dura replica di Palazzo dei Bruzi, che considera infondata l’apprensione di Via Degli Stadi.

“L’Amministrazione comunale partecipa con estrema difficoltà a questa sorta di ping pong mediatico con la Società Cosenza Calcio su problematiche di carattere meramente amministrativo che non richiederebbero questo clamore. Poiché, però, l’Amministrazione comunale viene nuovamente chiamata in causa, ha il dovere di dare spiegazioni alla città ed ai tifosi del Cosenza” esordisce il Comune nella nota stampa, “Intanto destano sconcerto e meraviglia le preoccupazioni espresse dalla Società per gli adempimenti finalizzati alle certificazioni di agibilità, in una fase nella quale l’adoperarsi della Commissione consiliare sport di Palazzo dei Bruzi prima, e la convocazione immediata da parte dell’Assessore Vizza per la firma della convenzione dopo, hanno di fatto sbloccato la situazione di stallo venutasi a creare per la mancanza di ogni tipo di iniziativa da parte della Società”.

Poi, arrivano accuse forti nei confronti della società rossoblu: “La controreplica, da parte del Cosenza Calcio alle dichiarazioni rilasciate ieri sera dall’Assessore Vizza non fa altro che ribadire quella che è una posizione nota della Società che, dietro il paravento strumentale della iscrizione della squadra alla serie B, nasconde la sua realeintenzione, e cioè quella di utilizzare i contributi comunali per attività che, in quasi tutti gli stadi italiani, sono finanziate dalle società che li utilizzano. I cittadini e i tifosi – approfondisce l’Amministrazione Comunaledevono sapere che a fronte della reale volontà da parte del Comune di contribuire al grande salto di categoria del calcio cosentino, già ampiamente dimostrata con un finanziamento non dovuto di circa un milione di euro, la Società calcistica oppone un atteggiamento ostile ad ogni forma di investimento che non può non alterare i rapporti, creando disagi e generando inevitabilmente confusione oltre che allarmismi nei tifosi. La Società, infatti, evita accuratamente di impegnare le risorse provenienti dalla Lega, dagli incassi, dagli sponsor e dai diritti televisivi. Anche queste risorse sono patrimonio dei cittadini”.

Una lista della spesa, quella formulata dal Cosenza Calcio nel comunicato di stamattina, che viene definita pressoché inconsistente: “L’Amministrazione comunale ribadisce che fino al 30 maggio scorso non esisteva alcuna forma contrattualmente valida che disciplinasse il rapporto con il Cosenza Calcio. Pertanto la lista della spesa dei lavori espletati o da effettuare che la Società sbandiera ai sette venti non ha alcun valore, non impegnando il Comune in alcuna forma di responsabilità. Nonostante tutto questo e come è possibile rilevare recandosi allo Stadio per constatare i lavori in corso, il Comune si è subito attivato per ottemperare alle richieste della commissione di vigilanza (piccoli lavori e atti documentali), senza dover datare un piano di emergenza presentato in modo confuso il 3 giugno con date antecedenti. Rispetto al punto delle sedute individuali si allega la risposta ufficiale alla Società da parte dell’ing.Francesco Converso del Dipartimento tecnico di Palazzo dei Bruzi”.

Un altro punto saliente che l’ente comunale contesta è quello riguardante la richiesta d’utilizzo dei campi di allenamento per le formazioni giovanili: “C’è da aggiungere poi che appare risibile che venga bollata come inadempienza quella per la disponibilità all’utilizzo dei campi di allenamento delle squadre giovanili, quando la richiesta per la stessa disponibilità è del 31 maggio scorso. Su questo punto, ci sentiamo di confermare la nostra disponibilità a tutti gli sportivi ben sapendo che quello del settore giovanile è e deve essere un investimento cardine per il futuro. Invece di preoccuparsi di questi aspetti, la Società alimenta una campagna mediatica che, nascondendo gli obblighi del Cosenza Calcio, scarica su altri le proprie responsabilità”.

Il duro comunicato si chiude con una precisazione sui termini della famosa convenzione: “Il Comune di Cosenza ha firmato una convenzione per la manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura e per la manutenzione straordinaria del manto erboso. Le prescrizioni della serie B non sono oggetto della convenzione. Inoltre, l’agibilità non è collegata a seggiolini e manto erboso, peraltro mai oggetto di discussione nella commissione provinciale di vigilianza. Rispetto al manto erboso, poi, a tutt’oggi non è pervenuta alcuna nota ufficiale”. Promessa finale: “Il Comune rispetterà eventuali prescrizioni per lavori straordinari individuati dalla Lega e a tal proposito sarà concordata con il Cosenza Calcio una modalità che porti in tempi brevi alla loro esecuzione”.

21 Commenti

21
Lascia un commento

avatar
20 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
AlessioFrancesco ScalercioCommento da FacebookSaveriosalvatore Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Alessio
Ospite
Alessio

Dobbiamo andare tutti al comune,per il bene del Cosenza.. perché non possono trattarci così,adesso che siamo in B fanno cosiiii? Guarascio deve spendere, perché altre società pur non essendo ricche,tolgono qlks in più per la società,per i tifosi che pagano il biglietto per guardare la partita.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Trasferiamo la squadra a Rende ed andiamo a giocare in campo neutro perché lì faranno lo stadio prima di Cosenza. E poi ci lamentiamo e diciamo che il Palazzo ci penalizza, che ci mettono in mezzo. Senza entrare nel merito di chi ha torto e chi ha ragione avete mai sentito queste problematiche in altre squadre o in altre città? Rrrobba i Cusenza. E come pretendono di invogliare le persone ad andare allo stadio ed a sottoscrivere un abbonamento? Fate attenzione che per salvare qualche squadra (tipo Foggia, eventualmente Salernitana o Venezia) al minimo appiglio ci fanno fuori. E se… Leggi il resto »

Francesco Scalercio
Ospite
Francesco Scalercio

Disamina esatta e seria. Ed il vero pericolo è proprio quello che per salvare Mezzaroma o Tacopina non ci penserebbero na mezza vota a darci fuori.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Vorrei ricordare al nostro caro sindaco, che noi cittadini cosentini saremmo ben lieti che le finanze del comune siano messe a disposizione della nostra amata società e non che vengano usate per pagare i suoi debiti personali!!!!!!! Il Cosenza è un patrimoni da tutelare ed aiutare per la città e interland la sua jauguar No.

Saverio
Ospite
Saverio

Veramente una vergogna totale. Togliete i comunisti al comune, solo cinquestelle.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Basta chiacchiere trovate una soluzione

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

La colpa é di tutti e due società e comune, e comunque guarascio addi caccia’ a pila…

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ma questi soggetti perché non si candidano al comune di Catanzaro?

salvatore
Ospite
salvatore

il cosenza non si tocca!banda di incapaci la peggiore giunta degli ultimi 50 anni.via via,andiamo 10 000 davanti al comune a gridare a questi incapaci della politica cosentina

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Il Cosenza calcio vuole delle cose,il comune non vuole queste cose .. conclusione che tra 10 giorni si deve per forza sapere…cercate di fare le persone serie e non fate bambocciate…non fare ridere l’Italia e piangere 12ma tifosi .e ricordatevi che 12mila sono duri a fermare…

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Il comune di Cosenza è una barzelletta… Che vergogna

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

In pratica alla società spettano i seggiolini e il resto di manutenzione straordinaria al comune! Ok cara commissione di vigilanza se comunichi alla società x quanti posti è agibile lo stadio magari ordinano i seggiolini

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Non ce ne fotte una mazza.. ora Bastaaa!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

CI DOBBIAMO MOBILITARE FINCHÉ QUESTO TEATRINO NON PORTI ALLO SFASCIO TUTTO CIÒ CHE OGGI È STATO CONQUISTATO SUL CAMPO DAL COSENZA CALCIO

BASTA

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Nauseante, Occhiù i voti alle regionali ti si jocati, magari ti votanu a caccanzaro però…

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Io penso che Comune e Società debbano fare meno gli spiritosi…

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Mo…. bastaaaaaa

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

avete rotto il caxxo. ATTENTI

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ridicoli entrambi… non siete nemmeno in grado di sedervi ad un tavolo e risolvere… i bimbi dell’asilo sembrate! Vergognosi

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Siamo stufi ……

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

a struttura è comunale…. il comune DEVE PARTECIPARE!

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti