Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza, tre gol e tanti applausi: il campionato del post Covid premia Baez

L’attaccante uruguayano indiscusso protagonista di questo scorcio di stagione: non sacrificato nel ruolo di terzino ma libero di esprimere tutte le sue qualità sul fronte offensivo

Jaime Baez lo scorso 25 aprile ha compiuto 25 anni. Il compleanno lo ha festeggiato assieme ai compagni di squadra in modo virtuale, considerato che eravamo in pieno lockdown. Da quando è ripreso il campionato ha anche ricevuto gli abbracci “veri” da parte dei compagni di squadra, grazie ai 3 gol segnati. E poi soprattutto gli elogi dell’allenatore Occhiuzzi, per la continuità e l’efficacia delle sue giocate. L’attaccante uruguayano, troppe volte sacrificato nel ruolo di terzino, da calciatore offensivo qual è sta dimostrando il suo reale valore.

Nel campionato del post Covid 19 il numero 32 rossoblu ha chiuso la partita di Cremona firmando il 2-0, ha riaperto il match con il Trapani grazie al 1-2 (nel finale Asencio ha poi firmato il 2-2) e messo in cassaforte il match con il Perugia grazie alla rete del 2-0. Tre prodezze che gli hanno consentito di agganciare quota 5 gol nella classifica marcatori che in casa Cosenza è guidata da Rivière con 9 reti, seguito da Bruccini (8) e Asencio (6). Chiaramente in una squadra votata al gioco offensivo, le qualità di Baez sono emerse tutte. E questo fa aumentare il rammarico.

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
16 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Finalmente gioca nel suo ruolo naturale, poi ricordiamo anche che è uno dei pochi (se non l’unico) con un contratto pluriennale: a lui più di tutti interessa restare in B

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

🇮🇹

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Se non sa fare un cross per cortesia
Il post covid è Casasola

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Occhiuzzi ha fatto la cosa più giusta da fare… facendo giocare Baez nel suo ruolo naturale

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Eventualmente l’anno prossimo ci riporta in B.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Forza ragazzi.. Faremo 9 punti e gli altri si attaccheranno.. 💙❤️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Però un sa crossa’ du calcio d’angolo mancu pe sbagliu….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Baez è sempre stato un buon giocatore… se poi veniva fatto giocare terzino non è colpa sua

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Mi permetto di sottolineare il fatto che spesso gioca con molta foga fino al punto a volte di dimenticarsi del pallone…curerei maggiormente quest’aspetto.. imparare a
gestire i tempi di approccio sulla palla,… per il resto un gran bel giocatore..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ragazzi ,assolutamente dobbiamo restare in B.Dopo anni di sofferenza Guarascio ci vuole far soffrire ancora.Ragazzi impegno,determinazione,grinta ,autostima e la B sarà nostra.🤞🤞💪💪💪

Tonino Turano.
Tonino Turano.
2 mesi fa

Scurdamuni u passatu.Baez è un gioiello di tutto campo che dà grande spinta offensiva a tutta la squadra,per non dire dei suoi goals da campione.Forza cavallo senza briglie …..

Mario
Mario
2 mesi fa

Baez gran giocatore sempre pensato forse penalizzato con il gioco di braglia dove era in confusione come del resto tutta la squadra. Forza lupi !!! Saluti da Milano

Andrea
Andrea
2 mesi fa

Con Braglia faceva tutta la fascia , lo faceva giocare terzino …

Dioxan
Dioxan
2 mesi fa

Uruguaiano, non portoghese dai.

Luca
Luca
2 mesi fa
Reply to  Dioxan

Dioxan mi meraviglio che ancora non hai capito che o giornalisti di tifocosenza u palluni un sannu mancu che rutunnu e lo scambiano per u stiriddro….

Enzo paolo
Enzo paolo
2 mesi fa
Reply to  Luca

Hai ragione io mi meraviglio che tu ci perdi ancora tempo a scrivere minchiate qui forse tu scambi tifocosenza per New York Times visto che snobbi questo sito

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti