Resta in contatto

Approfondimenti

“Il Cosenza ha consolidato il diritto alla Serie B 2021-2022”

Intervista all’avvocato Jorio: “Il provvedimento del Collegio di garanzia per i suoi contenuti non lascia spazio a particolari interpretazioni. La scansione temporale che il presidente Gravina ha dato, sembra appartenere ad uno scenario già scritto”.

Il Chievo si accinge a fare ricorso al Tar del Lazio contro la decisione numero 56 resa dal Collegio di garanzia dello Sport presso il Coni. Quali sono i possibili scenari ipotizzabili? Lo abbiamo chiesto all’avvocato Federico Jorio (nella foto in coda all’articolo), esperto in diritto amministrativo e diritto sportivo. “Il provvedimento del Collegio di garanzia per i suoi contenuti non lascia spazio a particolari interpretazioni. Le ragioni poste al fondamento della decisione confermano la correttezza delle criticità sollevate dalla Co.Vi.Soc”.

“Il Chievo – sottolinea il legale cosentino –  è inadempiente rispetto alle ordinarie rivendicazioni dell’erario in materia di Iva, per le quali a fronte della inadempienza ordinaria per il pagamento del tributo, la società clivense è risultata ulteriormente inadempiente rispetto ai piani di rateizzazione concordati. La mancata notifica delle cartelle non costituisce certamente un elemento giustificativo dello stato di inadempienza in cui versa la società, peraltro con una situazione debitoria imponente”.

“Il Tar del Lazio – aggiunge l’avvocato Iorio – potrebbe, attraverso provvedimento presidenziale, sospendere l’efficacia del provvedimento del Coni in attesa di conoscere nel merito le ragioni della società ricorrente sino alla prossima Camera di consiglio nella quale si discuterà la domanda cautelare. In caso di accoglimento della domanda cautelare e senza che il Consiglio federale si sia pronunciato sulla ammissione del Cosenza, si rischia la paralisi del campionato. La scansione temporale che il presidente Gravina ha dato, sembra appartenere ad uno scenario già scritto. L’attesa del verdetto del Tar da parte della Figc rappresenta un atto illegittimo, la mancata esecuzione di un provvedimento del massimo consesso della Giustizia sportiva”.

“Da tifoso mi auguro che Il presidente Gravina sciolga presto le proprie riserve. Ho la sensazione che a monte vi sia una riflessione più ampia che prevede una vera e propria riforma dei campionati. Il Cosenza ha consolidato il diritto a prendere parte al campionato di Serie B 2021-2022. Dovranno essere fatte valere le ragioni del Cosenza dinnanzi il Tar del Lazio a dimostrazione dei danni che la società sta subendo in questa fase di interregno, che le impedisce di programmare la stagione oramai alle porte”.

67 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
67 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Grande Oberdan Biagioni, ma anche Missiroli, papa' del Missiroli del Sassuolo."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Con Franco siamo coetanei e abbiamo cominciato a giocare insieme: di lui ho un bellissimo ricordo. Spero stia bene e tanto che non lo vedo"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Ci stavo pure io a Casarano e non solo......."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "Baclet,col Cosenza sei stato mitico.Ti sei sempre impegnato al massimo e hai contribuito alla promozione del Cosenza in serie B .Ti auguro tanta..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti