Resta in contatto

Approfondimenti

Cosenza così non va, occorre tornare a blindare la porta

I rossoblù subiscono gol da nove partite consecutive: è arrivato il momento di bloccare questa emorragia, di proteggere meglio Vigorito in attesa del ritorno di Vaisanen

Sarà un caso ma da quando Vaisanen è fermo per infortunio il Cosenza ha sempre subito gol. Riavvolgiamo il nastro: i rossoblù battono 1-0 il Crotone nel derby giocato al Marulla il 25 settembre scorso. Decisa una perla di Carraro su punizione. Nella stessa partita l’infortunio al centralone finlandese, sottoposto a intervento chirurgico e ben che vada tornerà disponibile nel 2022 dopo la sosta invernale. Nelle successive 9 partite il portiere Vigorito ha sempre subito gol.

Il momento non è assolutamente dei migliori: 4 sconfitte nelle ultime 5 partite con in mezzo il pareggio di Parma. Allargando il raggio d’azione, nelle 9 partite di cui sopra il Cosenza ha vinto soltanto una volta: 3-1 contro la Ternana al Marulla. Dei 27 punti in palio ne sono stati conquistati soltanto 5, considerato che c’è stato anche il pareggio (1-1) casalingo con il Frosinone. Troppo poco, anche se il dato più preoccupante riguarda la difesa.

Infatti in queste 9 partite sono stati sempre subiti gol, 16 in tutto. Peggio i Lupi, in Serie B, hanno fatto una sola volta: 11 partite di fila nel corso delle quali si è subito gol. Era il campionato 1962-1963. Evidentemente è arrivato il momento di blindare la porta e di tornare a proteggere Vigorito con maggiore attenzione. Che poi sarebbe il primo passo necessario per tornare alla vittoria che ormai manca dal 27 ottobre, il 3-1 sulla Ternana dell’ex Cristiano Lucarelli. Ecco che la sfida con la Cremonese diventa molto più importante di quanto racconta al classifica…

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altro da Approfondimenti