Resta in contatto

News

Il presidente del Cosenza ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Aprigliano

Eugenio Guarascio, nato nelle contrade silane del territorio apriglianese, è stato premiato per i meriti conseguiti nel mondo dell’imprenditoria e dello sport

Un altro grande riconoscimento per il presidente del Cosenza Eugenio Guarascio. Venerdì 2 agosto, alle ore 18, il Comune di Aprigliano ha conferito la cittadinanza onoraria al patron rossoblu: il Consiglio Comunale ha celebrato questo evento per i meriti conseguiti nel mondo dello sport da una personalità nata e cresciuta nelle contrade silane del territorio apriglianese.

Nato nella frazione di Spineto, Guarascio ha vissuto a Parenti fino all’età di 11 anni, prima di trasferirsi con la famiglia a Nicastro dove nel corso degli anni ha poi costruito la sua grande carriera di imprenditore. Di seguito, il comunicato ufficiale diffuso dalla società silana:

“Nel corso della seduta straordinaria del consiglio comunale di Aprigliano, che si è tenuta nella sala consiliare, è stata conferita la cittadinanza onoraria al Presidente del Cosenza Calcio Eugenio Guarascio. “Assegniamo questo riconoscimento per i grandi meriti sportivi – ha specificato il Sindaco Alessandro Leonardo Porco – Il Presidente Guarascio ha sempre agito con grande umiltà, mantenendo i piedi per terra e facendo parlare i fatti. La magia della promozione in B rimarrà nella storia. Quello che ha fatto alla guida di questa società è qualcosa di eccezionale. Grazie ad un progetto sano è riuscito nell’intento di riportare in alto il nome del Cosenza Calcio. Da tifoso mi sento di ringraziarlo per la gioia che ci ha regalato. Per noi tutti è un motivo d’orgoglio consegnargli la cittadinanza onoraria”.

Visibilmente emozionato il Presidente Guarascio: “Ho fatto qui le scuole elementari e sono profondamente legato a questo posto, che a mio avviso è meglio della Svizzera, per la posizione, il paesaggio e il verde. Spero di essere all’altezza dell’onorificenza che mi è stata conseguita. E’ la seconda che ottengo, dopo quella assegnatami a Parenti, e questo mi inorgoglisce oltre che riempirmi di responsabilità. Mi sento a tutti gli effetti un cittadino di Aprigliano, così come successe un anno addietro per Parenti”.”

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Maurizio Lucchetti, il “Lucky gol” del Cosenza

Ultimo commento: "Il citato gol contro il Teramo è un colpo che Lucky aveva provato, con meno fortuna personale ma in ogni caso decisivo, in Casertana - Cosenza 1-1...."

18 novembre, trenta anni fa la morte di Denis Bergamini: i vostri messaggi per lui

Ultimo commento: "C'è poco da commentare. È stato un peccato la perdita di un fortissimo calciatore e un bravissimo ragazzo. Resterà per sempre nei cuori dei..."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Io.lo conosciuto in una partita a cetraro in notturna, in grande ,mi fece fare pure gol ,allora dir.il signor Trotta che mi voleva portare a Cosenza ..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "È stato un bravissimo portiere e una persona leale. Non dimentichiamoci che grazie a lui che siamo andati in ' B '. Non capisco come mai il cosenza..."

Vincenzo Riccio, una settimana fantastica

Ultimo commento: "È stato uno dei tanti idoli del passato che vorrei che tornassero tutti insieme per fare grande questo cosenza"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News