Resta in contatto

Approfondimenti

Mendicino: “Il calcio mi ha ridato ciò che mi aveva tolto ai tempi di Cosenza”

L’attaccante milanese, match-winner della partita, ha parlato ai microfoni di JonicaRadio: “Vengo da un anno travagliato, ho chiuso la stagione a marzo. Da qui la mia corsa liberatoria”

Ettore Mendicino e i giochi del destino. L’attaccante romano, transitato a Cosenza dalla seconda metà della stagione 2016/17 al gennaio 2018, ha eliminato ieri i Lupi dalla Coppa Italia con un rigore decisivo al minuto 90. “Il calcio mi ha ridato quello che mi aveva tolto. Con la maglia del Cosenza, un anno e mezzo fa sbagliai un rigore contro il Trapani in Coppa Italia e andai via. Oggi mi prendo questa bella soddisfazione” le parole del match winner ai microfoni di JonicaRadio.

Un sacrificio costante, per dimenticare dunque alcuni errori del passato: “Nella mia vita ho sbagliato qualche scelta, sono mancato in momenti decisivi ma lavoro ogni giorno perché la vita mi restituisca tutto ciò che mi ha tolto”. Poi, sulla corsa liberatoria dopo il gol: “Vengo da un anno travagliato, ho chiuso la stagione a marzo. È una cosa personale, non era nei confronti del Cosenza”

Il prossimo step porta il nome di Frosinone, un bel banco di prova per i pugliesi: “Noi abbiamo affrontato queste partite cercando di esprimere al meglio il nostro lavoro settimanale. Domenica affronteremo una squadra nettamente superiore, poi il fattore campo aiuta. Sarà una gara difficile, ma cercheremo di prepararla al meglio”.

28 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
28 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

come sei ficale sascha…ahhaaa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Unna` mai fattu storia.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma ha segnato su rigore e non è mai stato un goleador ma un discreto calciatore di Serie C.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

https://www.tuttocalciatori.net/Mendicino_Ettore
Il suo palmares parla molto chiaro!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Inutile aver fatto la partita della tua vita, tanto non ti conosce nessuno ne a te, ne a Roselli e ne a tutto il Monopoli.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Hai fatto più gol in queste due partite al Cosenza che in tutta la tua carriera…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Scrivete bene le cose ! Il Bidone Ettore Mendicino è nato a Milano non a Roma !

Francesco
Francesco
8 mesi fa

e di padre calabrese, precisamente di Pallagorio (KR) QUINDI RISPETTO SEMPRE PER I PAESANI!!!!!!!!!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Uno dei più grandi #bidoni del Cs, unitamente a Maniero e Perez!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si Cicciu e presuntuasu

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E che ti doveva ridare il calcio… iddru u mobile e fino tttt si goal ca fattu. Ma vata ammuccia.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E c’è gente ca rimpiangia sia lui ca a chira specie d’allenatore….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Uno degli attaccanti più scarsi visti a cosenza!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ridicolo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Un discreto giocatore di serie D

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

neanche in serie D farebbe la differenza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Piccola soddisfazione di un perdente nato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Na mazza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Iadona mendicì si scarsu forte e pure parli…nn vedi la porta manco cn gli occhiali…tu e Perez lo scorso anno a s.giovanni facevate a gara a chi la sparava più alta in mezzo ai palazzi…mah???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

https://youtu.be/zkCkyvHijV8
Pede i lignu, tinni si jutu tu, è venutu nu certu Okereke e simu sagliuti in serie B! E non c’è bisogno di aggiungere altro!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Svegliativiiiiiiiiiiii

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Anche i Pulici tenanu a tusse!! Goditi questo brevissimo successo su rigore, che per il prossimo gol su azione in C chissà quando arriverà!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Era e rimane uno scarto di C, forse in D farebbe la sua figura, ma anche io dovutamente allenato ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Appena vi hanno cacciato siamo andati in serie B

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Il calcio ti ha ridato solo ciucciagine…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ti conosciamo abbastanza bene…sia te che roselli

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Scarso più che mai quello eeeeee

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

La “ruota che gira” ha ridato al Cosenza ciò che gli era stato tolto ingiustamente ai tempi di Pagliuso. E tu non hai lasciato il segno, perciò… ciao e cerca di mettere gli alberghi rossi a Parco della Vittoria.

Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "GUARASCIO VATTENE DA COSENZA SUBITO"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Lo ricordo perfettamente quando lo stadio del Cosenza era in via Roma. È qualche anno più piccolo di me e ricordo il suo destro con dei tiri..."

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Stiamo parlando di uno dei migliori allenatori che abbia avuto il Cosenza insieme a Bruno Giorgi. Ho avuto il piacere di conoscerlo bene e..."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti