Resta in contatto

Esclusive

Mosciaro: “Dal Cosenza mi sarei aspettato una maggiore considerazione”

L’ex capitano ha conseguito il patentino da allenatore. “Mi piacerebbe lavorare con i giovani”. E sulla ripresa dell’attività sportiva: “Sono d’accordo, l’economia è ripartita e il calcio è un’azienda. Certo, il rischio c’è, però…”

Manolo Mosciaro, 35 anni da compiere il prossimo 17 settembre, cosentino doc, sembrava destinato a diventare un simbolo del Cosenza calcio. Il “nuovo” Gigi Marulla, bomber legatissimo alla maglia rossoblu. L’estate del 2011 decise di sposare il progetto Guarascio in Serie D rinunciando a tantissimi soldi. Sul campo gol a valanga: 18 la prima stagione, ben 27 nella seconda che culminò con l’ammissione dei Lupi nell’ex Serie C2. Il ritorno nei professionisti e la fascia da capitano: nella stagione del Centenario firmò 7 gol collezionando 32 presenze.

Manolo, sul campo, si era conquistato l’amore del popolo rossoblu. Quindi la Serie C unica: 11 presenze e un solo gol. Ma a gennaio lo “costrinsero” a cambiare aria: l’allenatore Giorgio Roselli diede la spallata decisiva per la cessione all’Aversa Normanna. Si racconta che il tecnico fu il “braccio armato” delle menti illuminate all’interno del Cosenza calcio che non volevano in squadra calciatori del posto. Da quel trasferimento, per Manolo Mosciaro non c’è stato più spazio nella squadra. Quindi un girovagare che lo ha portato a Rende, Noto, Vigor Lamezia e Aprilia. Adesso ha il patentino di allenatore.

“Sinceramente, per quello che ho dato al Cosenza e per le tante rinunce in nome e per amore di quella maglia che sento mia come una seconda pelle, mi sarei aspettato una maggiore considerazione. Mi piace allenare i giovani ma evidentemente – racconta Manolo – c’è gente nel club con la memoria corta. Pazienza. È la conferma che nel calcio la riconoscenza rimane un valore unico che appartiene soltanto a poche persone”. E della ripresa del calcio, cosa ne pensa l’ex capitano dei Lupi? “Credo sia giusto tornare in campo e finire i campionati, così come le competizioni europee. Certo, un po’ di rischio c’è. Però è ormai aperto tutto, di gente i giro ce n’è tanta… Il calcio è un’azienda ed è tutta l’economia che adesso deve ripartire”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

buon giocatore di serie D

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Merita di essere richiamato ed inserito in società.Uomi con le palle,che ci avrebbe aiutato tantissimo.Grande capitano,cuore rossoblu’.Ma tanto guarascio penza ari seggiulini.E poveri nua

Advertisement

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "

Non dimentichiamo che ha giocato con il Cagliari ed è stato l'artefice principale della promozione dalla B alla massima serie. Quando espletavo il..."

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Cavalli di raazza!!!Difficili ripetersi.Purtroppo per noi che siamo attaccati da anni (io da 60!) a questi splendidi colori!!!"

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Un insegnante di calcio."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Esclusive